Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORA io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#312439

Omega
Partecipante

@camillo said:
Che tutti siamo uno lo so, ma in ogni vita possiamo essere squilibrati e fare cavolate.
quindi alla fin fine uno ha il DIRITTO alla difesa.

Senza dubbio.

@camillo said:
Infine mi piace la logica proposta:
Non esistono islamici pazzi… Eh????

Nel Corano è scritto che l’islamico (cioè sottomesso ad Allah, il Signore dei Mondi) è ben guidato. Ora, il Corano chiunque può leggere non è un libro segreto, ma SOLTANTO l’islamico è ben guidato. Ciò dimostra che non chiunque legge o recita il Corano viene considerato islamico, ma colui che è ben guidato da Dio. Questo vuol dire che se uno si presenta davanti a me e dice “salve, sono islamico” io NON gli credo. E se questi mi comunica che sta pianificando una strage allora io ho certezza che costui non è islamico perché Allah è uno, non ci sono 10 Allah perciò visto che Allah “guida bene” i Giusti della Terra e visto che a me ha rivelato un piano opposto per l’umanità allora ho la certezza matematica che colui che ho davanti è un pazzo, certo, ma non islamico, ho la certezza matematica che colui che ho davanti si è inventato tutto, che non è mai stato islamico e probabilmente mai lo sarà. Non esistono “islamici pazzi”, è una locuzione letteraria e giornalistica che non corrisponde alla realtà dei fatti, è un neologismo idiota. Ma scusa, se un serial killer si presenta davanti a te con una sciabola e ti dice “io sono un famoso medico, devo operarti, adesso” tu lo prendi sul serio? Ti lasci “operare”? Per te è un medico? Quello NON è un medico-pazzo, non è affatto un medico, è pazzo e basta.

@camillo said:
Cioè uno è islamico, ma nel momento in cui diventa pazzo

Un islamico non diventerà mai pazzo, chiunque ha approfondito le scritture (tutte), lo sa.

@camillo said:
cessa di esserlo in quanto viene immediatamente espulso da chi? da Allah?

Per diventare islamici è necessario “essere ben guidati da Allah”. Siccome moltissima gente oggi ha letto il Corano, chi per studio, chi per curiosità o paura, ma pochissimi sono (veri) islamici, è evidente che Allah “guida bene” (alcuni) umani non attraverso lettura di un libro (l’hanno letto tutti dunque è uguale per tutti…) ma “nello Spirito”, interiormente, a livello individuale. Diventare islamici – o di un’altra religione equivalente è una scelta profonda, non un caso, e le opzioni sono due:

1.) Voglio sottomettermi alla sorgente;
2.) Non voglio sottomettermi alla sorgente.

Un criminale non si sottometterà mai alla sorgente perché il criminale vuole comandare, non essere comandato.

Allah vede chi ha deciso di essere sottomesso alla sorgente ed inizia a “guidare bene” esclusivamente questi, che poi non si perdono mai, fino all’Eternità.

Tutti gli altri che si dichiarano islamici sono falsi islamici ergo non-islamici ovvero non sono islamici.

Alcuni di questi “non-islamici”, è gente onesta/ evoluta, altri sono pazzi/ criminali, ma non troverai mai nessun pazzo-criminale tra gli islamici.

Esattamente lo stesso principio è valido per tutte le grandi religioni.

Dal momento che hai molti contatti con islamici, moderati e non, diglielo, cosa vuol dire essere veri credenti, perché può darsi che non lo sanno, può darsi che sono stati indottrinati da FALSI IMAM.

@camillo said:
Cambiamo la frase se uno uccide un innocente non può essere Islamico, insomma gli islamici sono buoni puri caritatevoli, chi non lo è non è islamico. E’ una verità di fede suppongo?

Questo si evince dallo studio approfondito delle scritture (tutte), e non potrebbe essere altrimenti.

@camillo said:
Peccato che ci sia nel Vostro Corano 34…. dico trentaquattro… 34… 34 passi in cui il si incita ad ammazzare gli infedeli…

Se io scrivessi un libro con “pretesa” che questo libro diventi una specie di guida spirituale per i popoli di tutta la Terra, e se nel testo dovessi proclamare due frasi opposte, tipo “Ucciderai…” e “Non ucciderai…”, come ti comporteresti dopo averlo letto se intendessi attenerti alle istruzioni contenute nel libro?

Avresti ucciso, o non avresti ucciso?

Se scegli la prima opzione, hai trasgredito la seconda, se scegli la seconda opzione, hai trasgredito la prima pertanto entrambe sono insicure. E allora che fare?

Hai tre possibilità:

A.) dichiarare quel libro falso in quanto contraddittorio;
B.) telefonare all’autore del libro per chiedergli cosa volesse dire in quel punto preciso del testo;
C.) bollare il libro come “confuso”, di difficile comprensione e dimenticarlo, almeno per il momento.

Tu cosa faresti?

La cosa migliore è telefonare all’autore. Nel caso delle Religioni Rivelate è il creatore che “telefona” alla creatura per chiarirgli la questione che SEMBRA contraddittoria ma, contestualizzata, non lo è più.

Siccome a me ha “telefonato”, SO interpretare correttamente il Corano pur essendo un Ateo e fiero di esserlo, perciò mi risulta facilissimo smascherare QUALUNQUE falso islamico ovvero non-islamico che gira per il pianeta, anche se dovesse spacciarsi per super-extra-mega-Islamico….

@camillo said:
Che dici? Il Corano non lo posso leggere nè giudicare?

Chiaro che no. Altrimenti quando un argomento ivi contenuto contiene comandamenti o consigli contrari fra loro, quale dei significati “scegli” come veritiero? Uno a caso? Gettando i dadi?

@camillo said:
Ah capisco e’ una questione di fede. Certo.. Certo…

Chiaro che puoi giudicare tutti i libri che esistono, ma “giudicare” non significa necessariamente comprendere le vere intenzioni dei loro autori, per quanto riguarda parti “misteriose” e “più oscure” (a volte oscurantiste) dei testi “sacri”; tu vedi quello che è scritto, trascritto oggi, e tradotto/ interpretato da alcuni sedicenti “esperti”, più o meno moderni (io non mi fiderei troppo), ma non puoi vedere cosa è scritto nella mente di Allah mentre dettava il Corano, o le sue parti difficili, al Profeta dell’Islam.

Tu leggi l’apparenza ma la verità di un testo complesso è dietro le parole, le loro interpretazioni “terrene”, arbitrarie, inaffidabili.

Perciò può capitare che un ricercatore leggesse 1000 volte il Corano e alla fine non sappia cosa insegna quel libro.