Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORA io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#312488

Omega
Partecipante

@camillo said:
Senti Omega non ti leggo più.

Ti meraviglia la mia visione delle religioni? Eppure, se i musulmani avessero imparato a leggere il Corano “come Dio comanda” (correttamente) non avrebbero mai appoggiato i terroristi ma anzi avrebbero riformato l’islam, trasformandolo da un culto primitivo e obsoleto in un insegnamento moderno e (quasi) perfetto. Comprendi la portata e l’importanza delle mie spiegazioni? La tua tesi è che i musulmani sono colpevoli di aver scelto islam come religione, invece la mia tesi è che i musulmani sono colpevoli di non aver mai imparato cosa significa essere veri musulmani, parlo della maggioranza. Gesù criticava spesso i suoi “cristiani”. Muhammad criticava spesso i suoi “musulmani”. Mosè criticava spesso i suoi “ebrei”. Ecco la chiave. Tu parti da ciò che islam è, oggi; io parto da ciò che islam DOVREBBE essere, ma… ancora non è.

@camillo said:
Vedi se cominciamo a ridefinire le parole, non è possibile comunicare.

E cosa vuoi che m’importa di quanto dicono i teologi e dizionari sulle religioni? Cosa ne sanno loro? Per caso uno storico ha interrogato il creatore per sapere che la sua definizione delle religioni e dei concetti spirituali sia quella giusta? O piuttosto ha tirato a indovinare? Ma la spiritualità è una scienza che non tollera errori, neppure uno, come la logica e matematica, non è come la poesia dove puoi scrivere ogni cosa, e tutto va bene. La spiritualità è l’applicazione della giustizia a te accessibile in un dato momento storico, al contesto nel quale ti trovi – ovvero un equilibrio costante e dinamico tra le tue potenzialità e la vita pratica, tra dentro e fuori; quello che accade all’esterno (le tue azioni) deve rispecchiare quello che accade all’interno (il tuo livello di coscienza). Nessun divario e separazione tra questi due elementi, ma unità. Nel criminale questi due aspetti dell’esistenza non comunicano tra loro, non si (ri)conoscono. Se Tizio si trova su livello di coscienza 2 e Caio vuole aiutarlo, gli mostrerà com’è il livello 3. Se fosse stato su 3, gli avrebbe mostrato 4. Ora, se dopo secoli qualcuno (Sempronio) che si trova su livello 7 dovesse rileggere i consigli di Caio a Tizio, li avrebbe giudicati come primitivi e criminali; beh ovvio, perché lui si trova al livello 7, mentre Tizio che è vissuto secoli prima era al livello 2. Non è Colpa di Tizio se si è trovato al livello 2, come tutti i suoi contemporanei, bensì la colpa è di Sempronio che scioccamente ha giudicato Caio per avergli illustrato il livello successivo, il livello 3. Ma mica poteva spiegargli il livello 10, che mai avrebbe compreso, accettato, messo in pratica. Non si giudica quello che il creatore avrebbe detto ai primitivi, semmai si valuta quello che ha detto a noi oggi, perché noi esistiamo oggi. All’epoca del Buddha, era giusto essere buddhisti. All’epoca di Mosè, era giusto essere ebrei. All’epoca del Cristo, era giusto essere cristiani. All’epoca di Muhammad, era giusto essere musulmani. All’epoca di J. Smith, era giusto essere mormoni. All’epoca di Bahá’u’lláh, era giusto essere Bahai. All’epoca del Maitreya Rael, è giusto essere raeliani-atei. Questa si chiama LOGICA.

@camillo said:
Vedi in un forum ognuno può nascondersi dietro alle parole.

In un forum ognuno deve dire quello che ha saputo, e non sottomettersi all’opinione della maggioranza – altrimenti sarebbe inutile partecipare.

@camillo said:
Io non lo faccio e mi presento con nome e cognome è una decisione di assumersi le responsabilità.

La qualità di un intervento sta nel suo contenuto. Mai fidarsi dell’autorità di un nome o titolo, il Buddha lo diceva già 2500 anni fa.

@camillo said:
sei un ex Islamico

Mai stato islamico e mai lo sarò.

@camillo said:
ma potresti essere un infiltrato

Ogni ipotesi è buona pur di non riconoscere una verità semplice da capire: un profeta parla alla sua epoca, mica alle altre.

@camillo said:
L’infedele è sempre stata una parola chiara per l’islam e soprattutto lo era ai tempi di Maometto quando nacque il Corano.

Ti ho chiesto una definizione, io te l’ho data, tu non me l’hai data. (E chiedo le prove che la mia interpretazione è sbagliata).

@camillo said:
Nel taoismo c’è un detto: se tu devi giudicare una cosa che non puoi vedere, se questa ruggisce come una tigre, si comporta come una tigre, ecc aspettati che sia una tigre.

Questa tigre si è fatta sentire, giusto? Anche la coscienza del credente dovrebbe farsi sentire per indicarci il VERO, non apparente, significato profondo (spirituale) di ogni singola parola contenuta nel Corano.