Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#312604
camillo
camillo
Partecipante

Occorre evitare che la reazione che ci sarà non porti l’Italia in un nuovo fanatismo totalitario. Tollerare cose intollerabili è PERICOLOSO.
Non si può mandare al macero la ragione.
Con gli immigrati stiamo incamminandoci in un percorso mortalmente pericoloso.

Il mio punto di riferimento è Iarga (superciviltà di cui si è parlato anche qui in questo forum). Questa “ipotetica” superciviltà si basa sul minimo garantito a tutti, poi 5 livelli di efficienza. E’ partita creando un grosso nucleo di persone intelligenti lavoratrici e solidali. Questo gruppo si è date delle regole, chi entrava nel gruppo aveva tutti i DIRITTI veniva aiutato aveva il minimo garantito, ma…. anche aveva TUTTI I DOVERI. Chi entrava rinunciava a parte della sua vecchia tradizione acquistava una nuova mentalità si conformava.
In Italia L’ISLAM NON rispetta le nostre regole.
L’islamico deve sapere che da noi:
– La donna ha stessi diritti degli uomini, è libera di sposare chi vuole di qualsiasi religione, di indossare la minigonna e di mandare a quel paese chi li pare se pensa di aver ragione.
– Il maschio non è un essere superiore, ma differente, non è portando la barba che si è uomini, ma essendo capaci, fermi, intelligenti ed equilibratori degli aspetti emozionali della famiglia.
– Le figlie hanno gli stessi diritti dei maschi, quello che conta è l’intelligenza. E qui parlo con totale esperienza, ogni anno vedo quasi 400 alunni di terza media, e nella mia zona gli Islamici sono molti, quindi panzane come il dire che le figlie sono trattate come i maschi NON corrisponde minimamente a ciò che costato.

L’Islam concepisce la politica SEMPRE abbinata alla religione, mentre in Italia abbiamo fatto lotte con martiri per arrivare al “libero stato in libera chiesa” La civiltà che abbiamo deriva anche da questo (se non soprattutto da questo)se all’islamico non gli piace se ne rimangano a casa. Non può venir qui e conservare tutto, perchè il suo tutto ha delle parti in contrasto con la nostra costituzione.
Potrei andare a vanti moltissimo con tutto ciò che gli ISLAMICI non accettano. Se vengono qui è perché hanno bisogno di noi, si sentono più liberi, c’è più giustizia sociale (Per quanto imperfetta, anzi gravemente imperfetta, ma rispetto ai loro paesi…) Se poi vengono qui e proteggono i terroristi con silenzi, mugugni di mezza tolleranza, con Imam o sedicenti tali che fanno discorsi incredibili e così via
NON si stanno integrando e non vedo lo sforzo per INTEGRARSI.
Infine COLUI che sotto qualsiasi forma giustifica, anche solo minimamente,il fatto che vengano ammazzati dei vignettisti perché hanno offeso una delle infinite divinità presenti nel mondo con nomi differenti…
Sono più assassini degli stessi assassini, anche se a dirlo fosse il Papa.

@omega,
Ho letto SOLO la prima frase, paragoni con Mafie una religione, lasciamo perdere.
Fai pure i correttore di bozze, ti leggerà chi condivide il tuo modo di vedere. Difendi l’indifendibile (solo se è ISLAM coi cristiani ben altra solfa.. e “dici” di non essere islamico…Mmmm) Fine del discorso.


  • Questa risposta è stata modificata 2 anni, 4 mesi fa da camillo camillo.