Rispondi a: Gennaro Gelmini e Nibiru

Home Forum EXTRA TERRA Gennaro Gelmini e Nibiru Rispondi a: Gennaro Gelmini e Nibiru

#31302

zret
Partecipante

Tra il 1998 e il 2006 una serie di studi e misurazioni eseguiti con radiointerferometri, IR, raggi x e onde radio, hanno confermato che il nostro sistema solare é soggetto ad un aumento dell' attività solare. Il riscaldamento globale del nostro pianeta, é stato dimostrato essere dovuto a un aumento di attività del Sole che negli ultimi anni brucia l' 11% in più che negli ultimi 100 anni. Inoltre uno studio nel 2006 pubblicato su Space.com riporta che nelle zone più esterne del nostro sistema solare é in atto un surriscaldamento delle atmosfere di Plutone, Tritone, Nettuno e Saturno. In particolare il massimo aumento di temperatura della debole atmosfera di Plutone sarebbe stato misurato nel suo punto orbitale più lontano dal Sole, come se fosse soggetto all' effetto di un oggetto che si avvicinasse dall' esterno del sistema solare.

Nel suo libro Il libro perduto del dio Enki Sitchin descrive il viaggio di Ea verso il pianeta Terra. Secondo Sitchin, la 'camera celeste' su cui Ea viaggiava era alimentata da un sistema di propulsione ad acqua. Il 15 giugno 2002 la rivista New Scientists riporta uno schema di motore a propulsione basato sull’ acqua e su raggi laser in un contenitore di alluminio. Il motore ad acqua è stato realizzato in un esperimento del Tokio Institute of Technology nel quale si pilotava un piccolo modellino di aeroplano. Inoltre il 18 Aprile 2004, i ricercatori italiani D. Cirillo, A. Dattilo ed E. Iorio presentano i risultati di alcuni esperimenti in una relazione intitolata: Trasmutazioni di metalli a bassa energia tramite plasma confinato in acqua. Da tale relazione risulta che in un' opportuna cella elettrolitica è possibile ottenere una grande quantità di energia dalla semplice presenza di una soluzione acquosa di un sale come il carbonato di potassio. Durante l’ esperimento i ricercatori osservarono la creazione di plasma attorno al catodo di tungsteno della cella, probabilmente originato da vere e proprie reazioni di trasmutazione nucleari.