Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORA io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#313047
camillo
camillo
Partecipante

ANCHE L’ISLAM FA I MARTIRI LAICI; come noi ma nel medioevo. L’ISLAM è fermo in quell’epoca

Cronaca 25 settembre 2016
Ucciso per una vignetta, assassinato lo scrittore giordano Hattar

http://www.ilsecoloxix.it/p/mondo/2016/09/25/ASoL0KRE-scrittore_vignetta_assassinato.shtml

Nahed Hattar, giornalista e scrittore fondamentalmente LAICO è stato assassinato da un IMAM… Hee? sì! Proprio da un Imam Islamico. Che dite? evidentemente non era un religioso… NO! lo era troppo Il Corano alla lettera era il suo motto.

NON esistono paesi islamici moderati, l’Islam ha una base troppo violenta. L’unica linea esoterica che predica l’amore e LO PRATICA è il sufismo… dov’è… sparito.

Era stato incarcerato per aver NON FATTO ma semplicemente condiviso su Facebook una vignetta ritenuta offensiva per l’Islam.

Pessima figura anche della Girdania alla faccia della tolleranza.
Il 13 agosto il MARTIRE LAICO Hattar era stato fermato dalla polizia in seguito alla pubblicazione in Facebook di una vignetta satirica ritenuta offensiva nei confronti dell’#Islam: stando all’agenzia locale Petra, l’accusa iniziale formulata contro di lui era di “razzismo e settarismo”. In seguito, il Pm Abdullah Abul-Ghanam l’aveva incriminato per “vilipendio alla religione”, sulla base del reato di “aver pubblicato materiale, immagini o rappresentazioni con l’intenzione di colpire i sentimenti religiosi e la Fede”. Dopo essere tornato in libertà nel mese di settembre grazie al pagamento di una cauzione era rimasto nel Paese in attesa di processo, procedimento giurisdizionale garante di civiltà che avrebbe dovuto muovere i primi passi proprio nella mattinata di domenica 25 settembre ma che è stato spezzato dalla barbarie di una lettura violenta e prevaricatrice dell’Islam.

E pensare che si era SCUSATO (non avrebbe dovuto ma nell’ISLAM toleranza zero, pretese di comandare di avere diritti anche in casa altrui 100%)

Alle feroci reazioni immediatamente esplose nel social network il vignettista aveva risposto eliminando l’immagine, e affidando la spiegazione del suo intento alle parole: «Non era mia intenzione offendere i credenti, anzi. Volevo sottolineare come un terrorista di Daesh o un militante di Fratellanza Musulmana abbia un’idea distorta di Dio e del Paradiso – e poi, ad ulteriore ….
http://it.blastingnews.com/cronaca/2016/09/ecco-la-vignetta-che-e-costata-una-vita-satira-in-giordania-001142289.html

TUTTO è PASSATO QUASI SOTTO SILENZIO, potenza del petrolio. Se state attenti vedrete come i media scusino costantemente l’ISLAM (papa compreso), portino avanti le loro istanze, i clandestini Islamici sono favoriti non si capisce dove prendano i soldi, ma visto che ci sono proposte di finanziare completamente le loro moschee in Italia ci viene non solo il dubbio che ci siano grandi manovre per invaderci.


  • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 8 mesi fa da camillo camillo.