Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORÀ io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#313414
camillo
camillo
Partecipante

Lo hanno detto in conferenza stampa le autorità di polizia e la direzione dell’ateneo. Un giovane di 20 anni di origine somale e di religione islamica, Abdul Razak Ali Artanha, ha travolto diverse persone con la sua auto. Poi l’uomo è uscito dall’abitacolo e ha cominciato a colpire la gente con un coltello da macellaio, prima di essere ucciso a colpi d’arma da fuoco dalla polizia. Le nove persone ferite non sono in pericolo di vita.
Possibile che l’essere ISLAMICO faccia uscire di senno così tante perone?
O è piuttosto che l’islam nella sua forma attuale a fare questo? un Islam predicato, giustificato, compreso, assolto se non addirittura spalleggiato dai “fedeli sedicenti neutri”

Con l’uscita di Obama dalla scena è probabile un ridimensionamento di tutto l’Islam.
Fine delle comprensioni. Fine dell’idea idealista di Obama (confuso inizialmente dal furbo Erdogan) di un islam moderato. L’islam moderato esiste solo se lo moderiamo.
Esattamente come l’illuminismo scientifico ha fatto con la religione cattolica. Mai essa sarebbe scesa dal suo piedistallo, ancora adesso si sente “evoluta” perchè un papa ha ammesso che Galileo è stato trattato ingiustamente, ora questo papa concede il perdono a chi abortisce e si PENTE. La Chiesa sa! Conosce il volere di Dio, conosce il moto dei pianeti, conosce il DNA e la vita… insomma!
Questa Chiesa la teniamo a bada con la scienza. L’Islam non è tenuto a bada da nulla.
Il mese scorso hanno attaccato in Afganistan un tempio SUFI. Il Sufismo è una delle poco varianti dell’Islam umana ed intelligente.

L’elezione di Trump crea non pochi problemi alla situazione siriana. I così detti “ribelli di Aleppo” erano e sono finanziati da Arabia + USA e &.
Obama si era impegnato a fondo con un atteggiamento strano, incredibilmente l’unico problema secondo Lui era il dittatore Assad, le accuse contro Assad erano più o meno inventate o fornite da Erdogan con Obama che sembrava coercizzato.
ORA la situazione è INSOSTENIBILE per i “ribelli di Aleppo”, dubito molto che Trump invii loro qualsiasi tipo di aiuto, li molla al loro destino.
Ma in tal caso l’America di Obama e del partito democratico fa una figuraccia tremenda. Perde la faccia e credibilità futura.
Che fare? Se leggete fra le righe dei giornali vedrete che prima di andarsene Obama cercherà di entrare a patti con Putin cosa impensabile prima di Trump. Come andrà a finire? La cosa più semplice sarebbe un’arresa con condono da parte dei “ribelli di Aleppo”, ma la maggior parte è troppo coinvolta moltissimi sono scivolati con l’ISIS quindi, paradossalmente, l’USA finanzia indirettamente l’ISIS di Aleppo.