Rispondi a: Nuovo Ordine Mondiale: la nuova schiavitu delle masse

Home Forum L’AGORA Nuovo Ordine Mondiale: la nuova schiavitu delle masse Rispondi a: Nuovo Ordine Mondiale: la nuova schiavitu delle masse

#313615

orsoinpiedi
Partecipante

ALLUCINANTE

“SIA LO STATO A STABILIRE QUALI NOTIZIE SONO VERE, E QUALI FALSE”

Da Repubblica: “Boldrini contro l’odio e le fake news. Appello ai cittadini per smascherare le bufale web. La presidente della Camera annuncia un’azione per sollecitare il debunking. “Sono in contatto con quattro esperti, lavoriamo con i social network contro la disinformazione”. Si dà anche il nome dei quattro ‘esperti’ preferiti dalla Boldrini: Paolo Attivissimo (il disinformatico – che già dimostra un partito preso ideologico), David Puente, ex dipendente Casaleggio, Michelangelo Coltelli, alias Butac e Walter Quattrociocchi, IMT lab.

Claudio Messora ha detto quasi tutto quel che si poteva dire dell’iniziativa nel suo video del 16 dicembre:

Aggiungo solo qualche appunto giuridico-politico. Se la Boldrini riesce a realizzare il suo ideale, sarà un organo dello Stato a sancire quali notizie sono “false” e quali “vere”. La presidenza della Camera, organo dello Stato, raccoglierà le denunce dei debunker che ha scelto lei (almeno un concorso pubblico, no?) e poi farà sopprimere le notizie ritenute “false” da loro, eventualmente punendo i diffusori delle dette notizie false. Con azioni penali? Multe? Insomma opererà la censura. La censura di Stato contro le notizie che non approva. A suo insindacabile giudizio considerandole ‘false’.

Se questo non si chiama “totalitarismo”, non so come chiamarlo. Totalitarismo con un tocco di dispotismo orientale, essendo tutta l’attività repressiva annunciata condotta extra-legem, e in definitiva dipendendo dagli umori e dalle rabbie momentanei della Sultana.
Non c’è niente da ridere. Perché la minaccia della Boldrini non è un balzo d’umore, s’inserisce nella gigantesca campagna in corso “fake news”; e tutti gli organi della UE fremono per imporre qualche forma di censura; e il governo tedesco sta pensando di comminare ai social una multa di 500 mila euro “per ogni post falso che possa istigare all’odio e che non venga rimosso entro 24 ore dalla segnalazione… e prevede che, nel caso in cui venga richiesto, anche la parte lesa possa essere compensata con un risarcimento di entità simile a quello della multa”.
http://mobile.hdblog.it/2016/12/18/Il-governo-tedesco-pensa-ad-una-multa-di-500000-Euro-per-ogni-post-falso-non-cancellato-dai-social-network/

Segue….http://www.nexusedizioni.it/it/CT/sia-lo-stato-a-stabilire-quali-notizie-sono-vere-e-quali-false-5383