Rispondi a: Free energy

Home Forum MISTERI Free energy Rispondi a: Free energy

#315270
camillo
camillo
Partecipante

@hypercom said:
Ben detto Orso, IL METODO … Camillo, concentrati sul metodo tu, che hai avuto esperienze importanti puoi essere decisivo.

Questa forma di energia plasmatica risponde solo a imprinting positivo. Quando tutto questo sarà capito si raggiungerà velocemente la massa critica e allora la coscienza del pianeta sarà pronta al grande cambiamento.

” Non inviare pensieri di disarmonia al tuo MAGRAV Power, inviagli buoni pensieri” … (si vuole capire o non si vuole capire?) se non ci si crede non funziona …

L’Unità Magrav Power è una intelligenza artificiale quantistica alimenta dai campi quantistici e se adeguatamente proporzionata può avere potenza illimitata.

Non è esattamente così, queste forme di energia non rispondono in base ad un giudizio positivo o negativo, il giudicare è di noi uomini. Rispondono a quello che gli sciamani chiamano “intento”. Discorso difficile da spiegare, è un serpente che si morde la coda.
L’intento è una fede così radicata da essere scontata, è certezza perchè è così tutti lo sanno. Quando in una struttura evoluta di un pianeta manca un particolare intento, per esempio l’intento di curare con la pranoterapia, per instaurare l’intento è molto difficile. Ci si può riuscire in piccole popolazioni isolate in cui pian piano la popolazione locale si è “attivata” senza essere scoraggiato o inibita dal resto dell’umanità. Mia nipote era amica di una studentessa all’università proveniente da una tribù africana, questa tribù era convinta che il ferro non potesse penetrare la loro pelle (non so l’origine della convinzione) Ebbene per fare le punture occorreva usare aghi di ottone, non c’era verso di entrare con l’ago d’acciaio. Da quello che ho capito credo che però pian pianino il fenomeno stava sparendo, sotto il potente condizionamento del contatto con la scienza ufficiale che invalidava continuamente il fenomeno.

Gli attivatori erano parte fondamentale nello sviluppo della civiltà atlantidea e in misura minore anche nell’egiziana antica, druidi… ecc. Man mano che la “fede” e le capacità energetiche calavano spostandosi in favore del ripetibile da tutti cioè selezionando ciò che era presente come accordo di base in tutta la popolazione mondiale, il fenomeno attivatorio si spense. Rimanendo relegato a forme isolate miracolistiche, magiche, stregonesche, alchemiche. L’umanità allineò il suo atteggiamento mentale (“il punto d’unione castanediano”) nel senso della logica, della ripetibilità, fino ad arrivare al metodo SCIENTIFICO Galileiano. Il metodo scientifico si basa sulla ripetibilità, che porta ad una verificabilità da parte di TUTTA l’umanità. Abbiamo quindi isolato l’insieme di fenomeni che esistono come sottofondo di base a tutta l’umanità, ovunque si trovi. Ecco che in questo modo abbiamo smesso di avere piccoli gruppi molto evoluti, ma abbiamo una grossa massa sufficientemente evoluta da essere in grado di comunicare intelligentemente, operare in modo efficacie sulla materia, e mantenere quasi 8 miliardi di persone. Queste masse però hanno perso il senso del trascendente il collegamento con una parte nascosta di noi stessi. E’ come se avessimo imparato a giocare benissimo un gioco che si svolge in uno schermo. Ma avessimo dimenticato che quel gioco è solo uno degli infiniti programmi che si possono fare, NON RICORDIAMO più che la programmazione si può cambiare. L’attivatore è colui che in parte comincia a ricordare che si può intervenire nel gioco, non solo rispettando le regole, ma entrando nel linguaggio macchina si possono cambiare le regole stesse.