Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORA io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#319212
camillo
camillo
Partecipante

Anche oggi attentati in Australia e Parigi ormai riportarli diventa un impegno costante.
Si è saputo che uno dei tre attentatori islamici inglesi era italiano di MADRE italiana… mmm bravo ragazzo indottrinato prima dal padre che ha anche costretto la madre a convertirsi (certo una madre che non è una cima). Interrogata dice che ha trovato cattive compagnie… beh frequentando gli islamici… succede.

Intanto hanno fatto vedere quanti attentatori sono collegati all’Italia… spaventosamente tanti. E’ evoidente che la base logistica di arrivo, smaltimento e propaganda è fortemente legata all’Italia.
I nostri diciamo governanti (mangia_a_sbaffo) ci rassicurano: abbiamo i migliori servizi segreti infatti attentati da noi zero… E che è gli islamici sono mal messi di comprendonio ma non fino al punto di rovinare la loro base logistica con attentati in Italia.
Purtroppo per loro anche senza attentato la sola paura ha provocato più di mille feriti a Torino e 3 persone gravi Gli Islamici a questo punto non sanno come valutare. Una parte considera che è il volere di Allah che evidentemente interviene a punire gli italiani dato che… chissà cosa hanno fatto… anzi è certo che centinaia di anni fa hanno fatto le crociate (L’islam in compenso ha scatenato 430 guerre ed era arrivato fino alle porte di Vienna)
Un’altra parte dell’Islam è preoccupata: caspita vuoi vedere che magari la polizia Italiana comincia a operare seriamente? Caspita! romperebbe le uova nel paniere, magari interrompono il Taxi che permette a molti islamici di arrivare gratis in Italia mantenuti per anni in modo che si possano dedicare alla loro guerra santa in SANTA PACE.