Rispondi a: io NON sono Charlie

Home Forum L’AGORA io NON sono Charlie Rispondi a: io NON sono Charlie

#319317
camillo
camillo
Partecipante

L’educazione che si riceve da piccoli è fondamentale.
Una struttura sociale evoluta deve propugnare i dettami di una adeguata convivenza cercando nello stesso tempo di tenere il più alto possibile il valore della LIBERTA’ individuale di tutti. Inoltre l’imprinting deve essere graduale e man mano che ci si avvicina alla maturità (16-21 anni di età) occorre mollare la presa educativa.
Converrai con me che L’Islam è lontanissimo da questi concetti, la donna non si può ribellare, non può studiare, addirittura guidare, non può togliersi il velo, non può decidere di cambiare religione, deve sopportare altre mogli…. sto parlando della donna dopo che ha raggiunta la maggiore età.

L’Islam è un struttura educativa (di religione ha poco… veramente poco) .. è una struttura educativa coercitiva fortemente razzista, nei confronti:
1) delle donne
2) di chi è subalterno
3) di chi ha un colore della pelle più scuro.

Orso la spiegazione è da ricercare in un discorso del tipo:
Nell’uomo esista oltre al lato altruistico chiaro anche un lato oscuro.
Il lato oscuro si manifesta su due aspetti fondamentali che generano due forze interiori MOLTO potenti
a) il sesso (in tutte le sue forme e varianti)
b) il desiderio di essere causa sugli altri, che si esprime nel desiderio di comandare, dominare con la forza, con l’astuzia ma nel nostro tempi-spazio soprattutto con il DENARO (Orso: Ho notato che questo aspetto lo cogli moltissimo, ma non cogli gli altri
aspetti come il dominio attraverso la religiosità)

La nostra civiltà laica o blandamente religiosa rispetta la donna mettendola alla pari
(se non iper_eseltandola nelle sue manifestazioni erotiche), questo fa sì che per noi la donna VA CONQUISTATA sempre, cioè non è un atto dovuto ma consenziete anche da parte sua. In gran parte (grandissima parte) dell’Islam la donna DEVE sottostare ai desideri e volere dell’uomo, che acconsenta o meno poco importa si arriva a toglierle il piacere togliendo alcune parti, insomma la donna NON deve creare ostacoli al desiderio sessuale del MASCHIO.
Cosa comporta tutto ciò?
Il maschi con una o più mogli smette lo sforzo della conquista sessuale o al massimo usa la forza bruta (stupro), in lui comincia a crescere l’altro lato oscuro il dato dal piacere di comandare, dominare, imporre agli alti la sua volontà.

Quindi, come esempio, puoi trovare sceicchi straricchi, che non hanno mai lavorato, ne hanno ma avuto lo sforzo della conquista sessuale, dedicarsi all’arte della dominazione degli altri, finiscono per finanziare un po’ tutto ciò che li fa sentire potenti e dominanti, usano la finanza e molto altro.