Rispondi a: Free energy

Home Forum MISTERI Free energy Rispondi a: Free energy

#319917
camillo
camillo
Partecipante

Probabilmente hai avuto altri interlocutori.
io ho conosciuto personalmente uno dei fondatori ( Roy) a delle conferenze ed è una persona affabile, ma lì sono in tanti a scrivere, alcuni sono da “buttare” per il loro tono dispregiativo.
Comunque se uno tralascia l’aspetto delle leggi fisiche e dice semplicemente “Ho in mano una situazione di autosostentamento” Beh… sarebbero idioti se non si muovessero per controllare. In queste cose l’errore è tirare in ballo la fisica conosciuta come dimostrazione che funziona.
Ribadisco il concetto più volte da me espresso e VERIFICATO in varie occasioni, l’universo è stato capito solo in parte nelle sue leggi, esiste una parte che sta emergendo e che ha a che fare con la consapevolezza. Alcuni individui che io chiamo “attivatori” SCAVALCANO la fisica conosciuta e in mano loro accadono cose che non dovrebbero accadere.
Un caso famosissimo e ben documentato è quello della “cella Joe” questo signore provò a fare l’elettrolisi dell’acqua e a inviare il gas nel motore ottenendo l’AUTOSOSTENTAMENTO addirittura di un’automobile. Andava ad acqua. Poichè l’automobile era reale e verificabile si sono mossi vari personaggi, per andare a vedere la cosa. Un professore “aperto” (mentre gli altri irridevano e manco si muovevano) andò a vedere di persona. Intanto scoprì che il tipo, era un contadino che allevava le mucche, aveva replicato la cosa per ben 4 automobili (ma non tutto funzionava così bene come la prima) il prof. indagando si accorse che nella prima auto il gas prodotto non entrava nemmeno nel motore ma era collegato male e semplicemente circondava il motore. Stupito tolse le candele al motore della prima macchina e… funzionava ugualmente.
Ovviamente quando fece la relazione giustamente i miei colleghi si sbellicarono dalle risate, leggenda metropolitana… bufala… Ecc. Ma i testimoni erano troppi e alcuni assolutamente attendibili. Quindi una parte degli “smanettatori” tento in tutti i modi di replicare il fenomeno, si creò addirittura un mercato. Però alla fine la cosa rimase un fatto isolato NON ripetibile. Per mia esperienza non è un fatto unico. Alcuni sperimentatori hanno avuto vicissitudini simili producono un prototipo funziona! Spendono soldi per brevetto si danno da fare alla grande , ma la cosa non è riproducibile. Quindi a quel punto CICAP e simili hanno buon gioco e si scatenano contro il povero inventore, lui stesso incapace di comprendere il fenomeno.
Non gli resta che dire: Eppur un prototipo funzionava… Certo ma era un tutt’uno con l’inventore. Questa cosa qui continuo a spiegarla in tutte le salse ma…