Rispondi a: Società senza lavoro.Grillo ha ragione o torto?

Home Forum L’AGORA Società senza lavoro.Grillo ha ragione o torto? Rispondi a: Società senza lavoro.Grillo ha ragione o torto?

#320973

orsoinpiedi
Partecipante

@j-new said:

I comunismo doveva togliere ai ricchi, dare a tutti – tutti uguali!
Sappiamo com’è andata e sopratutto come si vivere oltre cortina!!

L’idea non è sbagliata in se,è l’applicazione che viene fatta ad essere errata.

@j-new said:
Comprati qualcosa con l’attenzione di chi deve scegliere.

Si capisce il valore-dignità delle cose.

Questa è solo questione di mentalità.Molte cose sono imposte dall’alto per far funzionare la società dei consumi.Oggi il Cartesiano “Cogito ergo sum” si potrebbe tradurre in “Consumo quindi esisto”.
Oggi in Italia molta parte dei poveri sono lavoratori.Questa ti sembra una cosa dignitosa o una forma di schiavitù?
Il lavoro quando imposto e sotto pagato è una schiavitù.
Si può pensare ciò che si vuole,ma la nostra società sta andando verso una forma di automazione sempre più spinta che inevitabilmente porterà via grandi fette di di posti di lavoro umano,senza aver la minima idea di come crearne nuovi.
A quel punto come possiamo dar da mangiare a tutta questa gente,quale tipo di società ci inventeremo?
Oppure i pochi ricchi elimineranno fisicamente i tanti poveri,visto che di questi non ci sarà più bisigno?Le macchine produrranno ricchezza di cui pochi beneficeranno.