Rispondi a: I visitatori

Home Forum EXTRA TERRA I visitatori Rispondi a: I visitatori

#32161
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1366382627=♫nessuno♫]

Cosa possiamo apprendere da loro? Quali soluzioni possiamo trovare da questa conoscenza? Quale storia dell'umanità può emergere?

…La verità, che è già dentro l'Uomo…
[/quote1366382627]
Concordo, però probabilmente ci danno qualche calcetto per tirarla fuori prima possibile..

http://www.altrogiornale.org/news.php?item.8437.7
Allora cosa diciamo dello spin intrinseco dell'elettrone? Non può trattarsi di una rotazione nel senso comune, dato che gli elettroni sono particelle puntiformi senza raggio e interiora. Potrebbe invece, come lo pseudospin, derivare da una struttura reticolare nello spazio-tempo stesso, dice Regan.

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5462
“E se lo spazio-tempo è in realtà un superfluido”.

Agitate un secchio di superfluido e produrrete un gruppo di vortici

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.8409.7

vortici quantizzati in una disposizione triangolare nell'elio superfluido

Il termine “aether” in greco significa “splendore”, e la realtà fondamentale di una tale invisibile, fluida sorgente di energia universale è da sempre una delle caratteristiche delle scuole segrete misteriche di tutto il mondo. Le opere dei filosofi greci Pitagora e Platone vi dedicano molto spazio, così come le scritture dei Veda dell’antica India; queste opere chiamano l’etere in molti modi fra cui “prana” o “Akasha”. In Oriente, esso è conosciuto come “chi” o “ki”, e viene data una speciale importanza alle sue interazioni con il corpo umano, come nella scienza dell’agopuntura.
http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_01.htm

http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.947
Espressa geometricamente o matematicamente come matematica frattale non lineare o espressa filosoficamente come livelli di coscienza, l'importanza del prendere tempo per sedersi in contemplazione diviene auto-evidente. Come risultato di questa pratica una persona può sperimentare la vera natura della propria esistenza e il proprio posto nell'infinità del Multiverso.

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7908
Considerazioni relativistiche nel modello atomico del prof. Moon: lo spazio riemanniano del nucleo
Notando in primo luogo che la presenza di un'impedenza del cosiddetto “spazio vuoto” avrebbe implicato l'esistenza di una qualche struttura