Rispondi a: MONDO ANDATO.

Home Forum EXTRA TERRA MONDO ANDATO. Rispondi a: MONDO ANDATO.

#32922

Anonimo

Una delle scoperte tra le più significative per chiunque ha studiato la mente è accorgersi come l'uomo per auto-Realizzarsi non ha alcuna necessità di trovare, cercare o stabilire la “verità” sull'universo e massimi sistemi ma è perfettamente sufficiente approfondire una delle verità locali relative al contesto nel quale è inserito come Essere senziente e cosciente, e nel quale logicamente vorrebbe interagire con saggezza e buon senso. La verità locale o relativa è sempre dinamica, Vivente, mentre la verità assoluta è statica, “morta”. Ecco perché non ha importanza focalizzarsi sulle credenze della gente (la presunta verità assoluta) ma piuttosto sulle modalità di come qualcuno ha vissuto quelle esperienze dirette e spirituali che lo hanno portato a determinate credenze, convinzioni, ipotesi di lavoro. Il Giusto non diventa tale perché ha creduto in Dio o perché non ha creduto in Dio ma perché ha cercato e trovato l'armonia, equilibrio tra diversi aspetti interiori ed esteriori dell'uomo e dell'umanità, con i quali è chiamato a convivere e interagire in modo costruttivo. C'è chi lo fa attraverso alcuni “insegnamenti” (mezzi), chi attraverso gli altri. Forse Giovanni ha notato la mancanza di un PONTE tra diverse Filosofie dei Mondi, un ponte che può esistere soltanto “nello Spirito” (non basta la politica), un ponte senza il quale l'Umanità non potrebbe sopravvivere a lungo termine. I “veggenti” solitamente “vedono” “lontano”, ragion per cui anche il loro “pensiero” o “messaggio” va considerato. Forse Giovanni ha intravisto la causa dei problemi della civiltà attuale, una interruzione, grave frattura tra la mente e la Coscienza degli Uomini della Terra, tra Fratelli di Fedi diverse, tra padri e figli, tra il vecchio e il nuovo. Ecco perché, in simboli, ultimamente ripete che il (vecchio) mondo è andato (cioè, non è più sostenibile) mentre per abbracciare il nuovo Mondo prima occorre risanare la discontinuità, l'antica frattura e l'intolleranza strisciante tra Elementi della stessa Realtà.