Rispondi a: Corrado Malanga : Il Ritorno

Home Forum EXTRA TERRA Corrado Malanga : Il Ritorno Rispondi a: Corrado Malanga : Il Ritorno

#33121
farfalla5
farfalla5
Partecipante

[quote1347918040=♫nessuno♫]
[color=#0088ff]Trascrizione di un passaggio molto importante (la svolta)[/color].

2:13:53 CM: …dal mio punto di vista ovviamente, non esiste né la destra né la sinistra, esiste una terza via, e la terza via è quella della coscienza dove non ci sono persone di destra e di sinistra, ma ci sono persone; e basta. E quindi nessuno, il potere, non ti dirà più: te sei di destra quindi devi andare contro quelli di sinistra inventandoti delle cose assurde, e così dire a quelli di sinistra lo stesso, perché così mentre la gente si picchia tra di loro, qualcuno comanda. Sai come funzionano queste cose? Questo è proprio come Shiva e Vishnu. (…) Il problema è legato al fatto che non ci deve essere più gente di destra e gente di sinistra, sono finti, divide et impera è la regola. Allora la Gelmini cosa fa? Gli studenti contro la Gelmini, noi che ne so contro la chiesa? Contro un altra cosa? E' uguale. Che cosa fa il potere? Il potere trasforma una lotta tra il popolo contro di te in una lotta tra un pezzo di popolo e un pezzo di altro popolo. (…) E' semplice. E così fa il dio, il dio dice: ce l'avete contro di me? No, dovete avercela contro di voi, perché alcuni di voi sono cattolici, alcuni di voi sono che ne so arabi, ebrei, picchiatevi tra di voi! Io semmai cosa c'entro? Ecco, questa è la grande fregatura. Questo è il grande duale, che non esiste. Perché io, ho creduto nella mia esperienza in Terra di capire questo.

Domanda: …prendo spunto da questa cosa per parlare di barriere. Tu mi stai parlando che non devono esistere delle barriere, ed è una cosa che poi stai dicendo anche ultimamente per quanto riguarda le esperienze che si possono fare, introspezioni, gli esercizi di meditazione li possiamo chiamare, non so più neanche che termini dare a queste cose. E dicevi appunto che sono proprio le barriere che attirano le abductions. Sembrerebbe contraddittorio, in quanto queste vengono suggerite all'addotto (…). Consigliare di fare come te, cioè di abbattere le barriere – perché così l'alieno non ti vede, porta a due considerazioni però (…).

2:17:53 CM: Noi siamo partiti lavorando sulle adduzioni, cercando di capire che cos'erano. Comprendendo con i mezzi che avevamo, ipnosi, TCT, simulazioni mentali, flash mental simulation, griglia olografica, tutta una serie di tentativi di comprendere; poi terzo livello abbiamo capito che potevamo liberarci del problema con questi trucchi. Bene, è lì che abbiamo fatto un errore, abbiamo… io ho fatto un errore. Ma era un errore del tutto giustificabile perché io vedevo le cose dall'interno della griglia olografica, dall'interno della virtualità. E quindi dicevo all'addotto: te ti devi creare una barriera, la tua parte animica creerà una barriera intorno a te e loro non verranno più. Questa barriera in parte funzionava, funzionava bene. Poi, io ho fatto la mia esperienza interiore e ne sono uscito con un'idea completamente differente. Sono uscito con l'idea che la barriera era la rappresentazione del fatto che noi avevamo paura dell'alieno e che avevamo bisogno di costruire una barriera contro di lui. Non solo, ma che la barriera più che a noi per difendersi serviva a lui per caratterizzarsi; lui esiste perché esiste la barriera, lui esiste perché la barriera è la rappresentazione della tua paura – e tu più paura hai più barriera costruisci, e più sei in realtà da una parte “difeso” ma dall'altra parte attaccabile.
[/quote1347918040]
Grazie, evidentemente ho espresso una critica su una persona che manco conosco. Ho visto solo qualche video di lui quà e là e così ho fatto il solito sbaglio senza approfondire nulla.
Tante cose, anche se sembrano virtuali, ho imparato nella mia vita davvero seguendo AG.
Ancora grazie Omega :bay:


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.