Rispondi a: ISON … forse .. "la cometa del secolo"

Home Forum EXTRA TERRA ISON … forse .. "la cometa del secolo" Rispondi a: ISON … forse .. "la cometa del secolo"

#33331
camillo
camillo
Partecipante

Mancano 2-3 giorni all'incontro dei detriti di ISON con il pianeta Venere, da lì in poi si potrà dire qualcosa di più sui detriti.
Ripeto che la stragrande probabilità è che si veda poco o nulla, al massimo qualche “stella cadente” più vistosa. Se dico se ci sarà spettacolo potrà essere rilevato una prima volta tra Natale e Capodanno perché la Terra passerà nella zona dello spazio dove sono appena transitati i detriti del nucleo cometario. Poi ci sarà un secondo periodo intorno al 16 di gennaio in cui la Terra transiterà nella zona in cui nella sua corsa in andata verso il Sole era transitata a suo tempo la Ison, poiché all'andata la coda c'era è probabile che ci siano rimasti microcristalli di ghiaccio che daranno luogo ad un aumento di stelle cadenti notturne con un po' più di probabilità.

Per il lato esoterico…
Preferirei ricordare che quando si vede una stella cadente si può esprimere un desiderio, ora noi (coi telescopi) abbiamo visto una GRANDE STELLA CADENTE NEL SOLE, quindi esprimiamo un grande desiderio, chissà
Sapete che un desiderio pensato e condiviso da molti crea un “solco mentale di probabilità” come una traccia un diagramma con maggiori probabilità di realizzarsi.

Ed ecco il mio desiderio in sintonia con gli amici che stanno protestando, “I FORCONI”.


Cara ISON fa sì che l'uomo capisca che i veri diritti acquisiti da garantire sono indicati dall'articolo uno della Costituzione, diritto alla sopravvivenza decorosa. Prima che i signori giudici e parlamentari dicano che i loro diritti acquisiti non vanno toccati si ricordino che prima, PRIMA, PRIMA vanno garantiti i diritti dei cittadini Italiani nel momento in cui sono in esistenza in questa splendida nazione.
Quando avremo garantito ciò passiamo, alle garanzie di ordine inferiore, per ultime se ne avremo ancora garantiamo le pensioni d'oro di chi NON ha versato i contributi, è andato in pensione con scatto finale di un mese, ha anticipato la sua pensione… e si lamenta se propongono di diminuire la pensione mensile da 10.000 Eu o più al mese. Io sono un insegnante di Fisica ho 68 anni e la mia pensione è di 1357 Eu (ultima), NON mi lamento, mi secca che l'usciere di palazzo non abbia il coraggio di pubblicare la sua. Se poi passiamo agli stipendi e pensioni di avvocature e .sottogoverni vari… vedete voi.

Garantiamo a tutti un minimo decoroso, non in soldi ma abitazione minima, cibo minimo, istruzione minima, sanità ed assistenza minima, buoni di percorrenza con mezzi pubblici.

GARANTZIA A PRESCINDERE. (A partire da lì lasciamo che corra la libertà di crescere di essere più efficienti e di guadagnarsi il DI PIU', ma il guadagno in più sia in proporzione a reali capacità. e comunque che al massimo una persona possa usufruire in beni di consumo NON superiore a 4 o 5 Volte il minimo garantito. Infatti per quanto brava sia una persona NON può assumere una posizione di schiacciamento nel confronti del vicino, questo accentua troppo il naturale contrasto tra chi ha poco e chi ha molto soprattutto se ostentato. (D'altra parte una forzata uguaglianza tipo comunismo egualitario risulta disastroso per la crescita individuale, per la libertà e per l'efficienza di una nazione; finirebbe con creare un'ingiustizia enorme, andando contro al principio che lo aveva mosso inizialmente. Gli esempi storici non mancano purtroppo!!!)

Il denaro deve essere sostituito il più possibile da beni di consumo; così chi ha il minimo garantito non lo riceverà come denaro di 1000 eu per esempio, ma riceverà un luogo abitativo, buoni pasto, buoni vestiti, buoni di viaggio… Se limitiamo l'uso della moneta e la rileghiamo a puro strumento di confronto tra valori delle merci, non prestiamo il fianco ai BANCHIERI e a tutti quei signori che sfruttano le leggi e si infiltrano nelle fessure degli scambi per creare auto-ricchezza senza base materiale.

Aggiungerei il dovere di tutti i cittadini di donare una o due ore al giorno al servizio dello stato per compiti di affiancamento, nei limiti della salute e del tipo di lavoro la cosa può essere valida fino alla fine della vita. Quanti insegnanti in pensione potrebbero affiancare … Quanti neopensionati potrebbero dare assistenza sia agli anziani che in altri posti.
Medici in pensione in queste due ore lavorando di notte o quando i macchinari sono inutilizzati possono decurtare le code di attesa che sono chilometriche, ecc. Ci sono un sacco di cose se che si potrebbero fare utilizzando queste ore dovute. In fin dei conti due ore di lavoro al giorno sono comunque poca cosa sa verrà loro garantita la sussistenza minima proposta.

In futuro poi dovremo cercare che il minimo garantito sia il più alto e decoroso possibile.