Rispondi a: LA KABBALAH

Home Forum TEOLOGIA LA KABBALAH Rispondi a: LA KABBALAH

#34234

Shaka
Partecipante

Salve ragazzi, volevo riaprire la discussione sulla Kabbalah – vedendo che molti di voi sono interessati e praticano alcune cose, spacciate per verità.

So che quanto dirò non piacerà ai più, ma seguo il forum da relativametne poco, e la questione mi è balzato all'occhio solamente adesso.

Mai ci fù bestemmia più grande nell'impostare come verità assoluta e cosmica un ciclo di creazione posto al di fuori di questa o altre presunte realtà.
Se io non ho possibilità di poter aver esperienza di ciò di cui tu mi parli, allora quello di cui tu mi parli, è solo speculazione filosofica.

Per quanto io possa essere limitato, e chiuso nel mio guscio mentale a 3 ridicole dimensioni, e per quanto i miei 5 limitati sensi percepiscano l'1% della realtà, forse quell'1% è tutto sommato in grado di rivelarmi che posso ancora fidarmi delle mie esperienze, se sviluppate a dovere.

Tanto per cominciare per quale ragione non dovremmo praticare la meditazione?
Come può qualsiasi persona risvegliare i sensi interni, i centri energetici, i corpi sottili, se non attraverso la dura pratica e forse un Cammino karmico che porta a un intreccio interiore imprescindibile, e non slegato dalla coscienza.

Non esiste persona al mondo che, abbia assaporato un briciolo di verità, senza impegno alcuno, se non dopo un arduo percorso, fatto di cadute e ricadute, di cicli vitali e temporali.

Ora, ignorare lo spazio interiore, significa ignorare la propria coscienza.
perciò come posso svegliarmi se dormo in continuazione, e qualsiasi cosa faccio è il frutto della mia incoscienza?

La meditazione è lo stimolo della consapevolezza a trovare “quell'oltre”, “quell'ordine” intimamente legato al nostro sentire; è l'impulso a ritrovare l'unità, la connessione tra i mondi. Il risveglio
La meditazione ti insenga a essere “attento” ad essere continuamente desto, 24ore su 24. per cui cose come questa non ti sfuggono: [u]Bloccare l'inidividuo dall'interno.[/u]

quindi queste domande dovrebbero sorgere spontanee, come spontaneo dovrebbe essere il sospetto che dietro alle lezioni gratuite ci stia altro.

Perchè non devo praticare il contatto interiore con me stesso?
perchè non iniziare una “vera” disciplina?

cioè stiamo parlando di un dogma e nessuno se ne è accorto?

Dicono che siano gli insegnamenti più antichi, quando in realtà non è affatto così.
E' strano anche che i famosi scienziati autori del film “cosa sapppiamo veramente della realtà” in seguito a uno scetticismo esasperante e mettendo seriamente in difficoltà il kabalista più autorevole con il solo ausilio della logica, poi, a un certo punto, stranamente, si ricredono, diventano dei seguaci per così dire… ma la cosa interessante è che nel video, non viene spiegato niente… non si dice nulla di come questa trasformazione sia avvenuta.

[link]http://www.kabbalah.info/it/Video/Fisica-quantistica-kabbalah1.htm[/link]

Pochi elementari schemi degni del più basiliare dei teoremi sulla vita e il trascendente che ormai hanno stancato.

Si sono scritte fiumi di cose e di speculazioni, ricche di buoni propositi in tal senso, ma la verità è che nessuno sa nulla di nulla, nè del “creatore” – io preferisco parlare di “vibrazione creativa” – nè del giardino dell'eden, o del fatto che si tratta alla fine di un ennesimo sbandieramento della dottrina Antropocentristica, che permea la quasi totalità delle religioni, secondo cui l'uomo è lessere supremo, l'anima più evoluta nel mondo naturale, e altre scemenze.

Nessuno vede IL PROFONDO, SOTTILE EGO INSITO GIA' NELLA DOTTRINA?

Si ignorano questioni fondamentali quali la vita extraterrestre, l'equivalenza tra tutti gli esseri, e la non scontatezza delle esperienze di ogni individuo.

Perciò resto dell'idea che le nostre limitate conoscenze e percezioni segnagno da sole un cammino che si percorre quando arriva il momento opportuno.
Questo momennto è certamente soggettivo, ma è a portata di mano per chiunque lo voglia, in qualsiasi momento.