Rispondi a: Lucifero, la ribellione, il frutto proibito e il cattolicesimo.

Home Forum TEOLOGIA Lucifero, la ribellione, il frutto proibito e il cattolicesimo. Rispondi a: Lucifero, la ribellione, il frutto proibito e il cattolicesimo.

#34275
giusparsifal
giusparsifal
Partecipante

Salve, pur ritenendo l'analisi iniziale interessante e stimolante, dissento quasi totalmente, sentendomi più vicino, come linea di pensiero, a sephir (se ho ben capito quel che ha scritto :)).
Però scusatemi, se dobbiamo procedere ad un ragionamento che fa fede al significato letterale dei testi biblici, che è solo uno dei modi per intenderli, mi sento di fare una precisazione, che è anche il motivo per cui dissento.
Facciamo finta che Adamo ed Eva siano davvero esseri in carne ed ossa (come noi) e il serpente un vero serpente (a proposito, D-o lo costringerà a strisciare solo dopo il “fattaccio”, prima come si muoveva?).
Se poniamo questa premessa, dobbiamo considerare Adamo ed Eva non come due “beoti” che vivono nell'Eden non capendo nulla, il loro stato era (sempre seguendo la linea letterale) di Unione con il Tutto.
Oh bella, questo è quello a cui io tendo ora, e forse tutto noi, giusto?
Cioè loro avevano tutta la conoscenza, perchè erano in sintonia con il Tutto.
D-o non è un despota che schiavizza, è Colui che ha fatto si che altre creature (o entità) godessero dell'unione con l'Universo.
Questo è lo stato di Adamo ed Eva nel Paradiso.
Solo dopo l'intervento del serpente essi diventano come noi sperimentando la dualità.
D-o non li scaccia, solo che sperimentando la dualità NON possono più stare dove esiste solo l'Unità.
Questa “colpa” viene attribuita al serpente.
Poi ci si può ragionare se questa mossa sia giusta per un cammino di conoscenza e comprensione, ma di questa conoscenza ne abbiamo bisogno “noi”, qui e ora, non era una necessità di Adamo ed Eva.
Tra l'altro, la visione di D-o despota è quantomeno strana, visto che è Lui crea il serpente.
Insomma, questo è il mio punto di vista se si vuole affrontare l'argomento da un punto di vista puramente letterale della Storia e sinceramente, qualcosa non mi quadra :).
Giuseppe.