Rispondi a: Lucifero, la ribellione, il frutto proibito e il cattolicesimo.

Home Forum TEOLOGIA Lucifero, la ribellione, il frutto proibito e il cattolicesimo. Rispondi a: Lucifero, la ribellione, il frutto proibito e il cattolicesimo.

#34280

windrunner
Partecipante

[quote1220441577=Richard]
vi do questo input per la discussione
uno dei primi contattisti di origine italiana che lavorava in usa ,Orfeo Angelucci

Quale tipo di tecnologia avanzata è capace di controllare la materia in questo modo? È qualcosa che supera la nostra comprensione della fisica. Tuttavia, nel corso delle mie ricerche ho scoperto un certo numero di elementi alla base della tecnologia UFO. Mi riferisco ad Orfeo Angelucci, che ho avuto modo di conoscere, il quale dichiarava di aver avuto esperienze di contatto, negli anni dal 1953 al 1955 e raccontava che i dischi volanti che aveva visto e gli esseri che aveva incontrato, provenivano da un’altra dimensione temporale.
….

dal suo libro come leggete in fondo

“..Esisteva una creatura di nome Lucifero che visse su un pianeta tra Marte e Giove. Il suo operato portò il pianeta alla distruzione nella fascia di asteroidi. Gli umani vennero imprigionati sulla Terra, per lavorare sul debito karmico. Esiste una “direttiva primaria” che vieta ai costruttori di UFO di interferire sugli affari della Terra. Comunque, l'evoluzione spirituale dell'umanità viene favorita dagli extraterrestri, entità divine come Gesù. Il contattista viene istruito a diffondere il messaggio dei costruttori di UFO nel mondo e solo una manciata viene scelta tra la moltitudine…”

[/quote1220441577]

OTTIMISSIMO INPUT RICHARD GRAZIE MILLE !!!
Questo mi fa ricordare un pezzo che ho già postato nel famoso post lunghissimo che solo i più valorosi hanno letto !!! 😉

Bene ve lo cito qui… e vedrete… tutto combacia con quanto qui affermato:

In effetti, qualcosa di veramente tremendo sconvolse, in un tempo remoto, non solo la vita del pianeta Marte, ma quella dell’intero sistema solare: l’esplosione di un pianeta. Circa 100 milioni di anni fa la Terra, ancora in via di sviluppo, si trovava nell’orbita del pianeta Venere e Venere nell’orbita del pianeta Mercurio, in quell’epoca non ancora esistente. Allora, i pianeti del nostro sistema solare occupavano orbite diverse da quelle attuali e ciò causa della presenza di un pianeta chiamato Mallona o Luce di cui è rimasto solo un’enorme ammasso di asteroidi.

Oggi alcuni scienziati hanno scoperto che gli anelli di Saturno e i numerosissimi asteroidi che orbitano tra Marte e Giove apparterrebbero ad un pianeta che un tempo subì la disintegrazione. Gli abitanti di Mallona, il pianeta Luce, sebbene fossero uomini-angeli e cioè alla fine della quarta dimensione evolutiva e già androgeni, governati dall’Elohim Lucifero, vollero sfidare l’arte creativa divina ribellandosi alle leggi universali. La manipolazione dell’antimateria, quando ancora non erano coscienti spiritualmente e scientificamente per farlo, scatenò nel loro pianeta l’autodistruzione delle energie elementali liberando esplosioni a catena di fusione e fissione atomica fino alla lacerazione totale del pianeta. I corpi degli uomini angeli erano costituiti da tre parti di astrale e una di materia, (il contrario della nostra attuale evoluzione in quanto noi siamo costituiti da tre parti di materia e una di astrale, con il salto dimensionale l’umanità terrestre riceverà una parte astrale in più che lo agevolerà nella vita quadrimensionale e che gli permetterà di sconfiggere il male con una coscienza diversa) la loro presenza era di luce raggiante.

Lo spirito reggente del pianeta Luce, l’Arcangelo Lucifero, spinse inoltre i suoi uomini angeli, quelli che erano riusciti a fuggire trovando rifugio nei vicini pianeti, a disobbedire all’ordine genetico per l’evoluzione terrestre e li fece accoppiare con le figlie degli uomini. Da questa fase ebbero origine quelle due realtà che nelle antiche scritture venivano rappresentati dai due personaggi conosciuti con il nome di Caino e di Abele.

La punizione per aver disubbidito alla legge divina fu quella di tornare indietro nell’evoluzione, precipitando in un mondo materiale involuto. Nel tempo persero tutte le loro facoltà divine, tecnologiche, scientifiche ed anche la loro androginità.

Per essere perdonato Lucifero cercherà di portare l’umanità terrestre alla perdizione, in modo così da far emergere la qualità. Questo è un compito affidato alle anime dannate affinché possano riscattarsi inducendo in tentazione le anime viventi in cammino verso la propria evoluzione.

Tutto questo è descritto anche nel libro sacro dei mussulmani: il Corano. E’ vero che questo testo è tanto discusso ultimamente, ma è altrettanto vero che tutte le religioni del mondo hanno i loro fondamenti di verità, anche se a volte si possono male interpretare le rivelazioni e per questo può succedere che qualcuno creda che Dio pretenda guerre e spargimenti di sangue in suo nome. Ma tutto ciò è ridicolo: come può Dio volere tutto ciò se egli, come ha confermato addirittura il pontefice, è Amore?

Dicendo questo vi leggo un passo del Corano in cui Lucifero, che nel Corano è chiamato Iblis, si ribella a Dio:

“Quando il tuo Signore disse agli angeli:

“Ecco Io sto per creare un uomo di argilla e quando l’avrò plasmato e gli avrò infuso parte del mio spirito gettatevi a terra prostrati davanti a lui”.

Gli angeli si prostrarono tutti insieme, eccetto Iblis che si gonfiò d’orgoglio e fu miscredente. Dio gli disse: “Iblis, cosa ti ha impedito di prostrarti davanti a qualcosa che ho creato con le mie mani? Ti sei gonfiato d’orgoglio o gli sei davvero superiore?”

Iblis rispose: “Sono migliore di lui perché Tu hai creato me dal fuoco e lui dall’argilla”.

”Via di qui” ordinò Dio “perché sei maledetto! Su di te graverà la Mia maledizione fino al giorno del giudizio”.

Alora Iblis: “Mio Signore concedimi una dilazione fino al giorno in cui gli uomini saranno risuscitati”.

“Ebbene” rispose Dio “sarai tra quelli cui è concessa un dilazione fino al giorno stabilito”.

Rispose Iblis: “Per la Tua potenza li sedurrò tutti quanti, eccetto quelli di loro che sono tuoi servi sinceri”.

Dio disse: “E’ la verità?” –Io dico la verità –“Riempirò la Geenna di te e di quelli che ti seguiranno tutti insieme”.

Da questo possiamo capire l’opera seduttrice dell’arcangelo Lucifero e di tutto il suo gruppo angelico.

Lucifero era il rappresentante e capo patronimico di tutta una classe di uomini angeli e di spiriti del pianeta Luce. Era un Arcangelo che aveva posto il più penetrante e ardito sguardo nella sapienza creatrice di Dio. Era il più fiero, il più indomabile e non voleva ubbidire a nessun Dio tranne che se stesso.

Gli abitanti del pianeta Luce avevano raggiunto un corpo astrale fisico raggiante e riunivano in perfetta armonia l’eterno maschile e l’eterno femminile ricreando se stessi col processo immortale dell’amore infinito. Avevano l’amore, il raggiare spirituale senza turbamento e senza desiderio di possesso egoista poiché erano totalmente androgini.

Lucifero voleva imitare Dio nell’arte della creazione e indusse molti a desiderarlo. Iniziò così la grande seduzione. Molti si lasciarono sedurre e il desiderio di essere come Dio li spinse a manipolare elementi cosmici nel tentativo di indurli all’obbedienza assoluta.

In verità gli Arcangeli e tutti gli Elohim degli altri pianeti ebbero l’ordine di impedire il pazzesco disegno, ma contro il libero arbitrio non poterono fare nulla poiché un’opera simile avrebbe messo il disordine nella creazione e rotto l’ordine perfetto delle gerarchie divine planetarie. Ma il bene prevalse e Lucifero fu sconfitto.

Il pianeta Luce stava per collassare e doveva essere abbandonato in fretta. Molti riuscirono ad evacuare con cose, animali, cercando riparo sui vicini pianeti compresa la Terra, ma non tutti riuscirono a fuggire. Infine, le pupille di tutte le creature del sistema solare assisterono alla distruzione di una cellula dell’Universo: l’esplosione a forma di croce segnò la fine di miliardi di malloniani.

Il cosmo era stato ferito. In quell’istante tutti i ribelli persero la loro evoluzione spirituale dimenticando la loro angelicità. Su tutti i pianeti avvenne il caos, alcuni rischiarano addirittura di essere spinti fuori dalle loro orbite e sulla Terra avvennero enormi cataclismi. I ribelli che trovarono scampo sulla Terra furono decimati assieme alle loro astronavi in sosta, la morte fisica che gli angeli decaduti non ricordavano più riapparse dinnanzi a loro. Dio aveva tolto a loro la vita eterna e i sopravvissuti iniziarono la lenta discesa nella materia primitiva iniziando quindi a mescolarsi con le razze residenti già trattate geneticamente dagli astrali.

Lucifero approdò sulla Terra ma non prese mai corpo, poiché rimase nella forma energetica per potersi annidare con fine astuzia nella nascente materia dei corpi di coloro che per sua colpa iniziavano la grande discesa verso la materia più densa.

L’esplosione del pianeta Mallona creò enormi disastri nel sistema solare: la Terra, Venere e Marte ricevettero enormi urti, mentre giganteschi macigni del pianeta esploso si diressero verso ogni parte dello spazio siderale.

Mi è sembrato giusto aggiungere al tuo input anche questo… :fri: