Rispondi a: I DIECI PUNTI FONDAMENTALI DELLA NUOVA RIVELAZIONE

Home Forum TEOLOGIA I DIECI PUNTI FONDAMENTALI DELLA NUOVA RIVELAZIONE Rispondi a: I DIECI PUNTI FONDAMENTALI DELLA NUOVA RIVELAZIONE

#34384

windrunner
Partecipante

Ecco qui cosa dice Lorber sul CORPO FISICO.
Interessantissimo in quanto fa accenno ad Enoch (?) !

[img width=”500″]http://www.jakoblorber.it/imma/schede/scheda_corpo.jpg/>

IL CORPO
Il Corpo fisico (al centro) proviene dagli specifici animici grezzi della Terra (in alto a dx) e viene compenetrato dall’Anima (in alto a sx). Il Corpo è lo strumento dell’Anima ed è collegato ad essa tramite lo “spirito nerveo”, il sangue e il cuore. Il suo scopo è quello di fornire all’Anima le informazioni del mondo esterno, recependole attraverso i sensi, di eseguire tutto ciò che gli ordina l’Anima e di espellere da essa o farle acquisire gli specifici sia grezzi (negativi) che fini (positivi). Il Corpo ha una sua intelligenza per gestire i propri organi interni e, dopo la sua morte, deve venire dissolto per costituire – con gli specifici più nobili ancora racchiusi in esso – la veste dell’Anima. Le sue particolarità, la sua funzione e il suo destino sono descritti sul retro.

IL CORPO

COSTITUZIONE E CARATTERISTICHE
Il Corpo fisico (al centro) proviene dagli specifici animici grezzi della Terra (in alto a dx) e viene compenetrato dall'Anima (in alto a sx). Il Corpo è lo strumento dell'Anima ed è collegato ad essa tramite lo “spirito nerveo”, il sangue e il cuore. Il suo scopo è quello di fornire all'Anima le informazioni del mondo esterno, recependole attraverso i sensi, di eseguire tutto ciò che gli ordina l'Anima e di espellere da essa o farle acquisire gli specifici sia grezzi (negativi) che fini (positivi). Il Corpo ha una sua intelligenza per gestire i propri organi interni e, dopo la sua morte, deve venire dissolto per costituire – con gli specifici più nobili ancora racchiusi in esso – la veste dell'Anima. Le sue particolarità, la sua funzione e il suo destino sono descritti sul retro.
Il Corpo fisico è un involucro organico-meccanico, costituito da specifici animici terreni di natura impura, maligna e grossolana che rappresentano l'amore di sè, l'egoismo, orgoglio, godimento, avidità e dominio. Si tratta di principi psichici contrari all'Ordine di Dio – trasgressioni – che provengono dai minerali, vegetali e animali velenosi. Il Corpo fisico ha una propria vita naturale, una intelligenza, una volontà ed è lui che gestisce e controlla i suoi organi interni e le sue funzioni biologiche. E' dotato di 5 sensi: vista, udito, tatto, olfatto, gusto, grazie ai quali è in grado di vivere e di espletare il suo compito. Il suo organo principale è il cervello, il quale fa la funzione di “trasduttore” tra il mondo fisico e l'Anima: non è il cervello a pensare, a volere e a decidere, ma è esclusivamente l'intelletto dell'Anima a fare ciò.

NASCITA
La nascita di un Corpo fisico avviene in circa tre mesi da un'unione sessuale. E' l'Anima, coadiuvata dagli “spiriti tutelari”, che costruisce il Corpo fisico su modello della propria figura e utilizzando gli specifici che fluiscono dal corpo materno. La costruzione avviene nell'ordine: nervi, viscere, capo, occhi, carne, cartilagini, muscoli, tendini, ossa.

DIFETTI FISICI E FORMA
Si possono verificare aborti o nascite di neonati con corpi difettosi o mostruosi sia per cause ereditarie (comportamenti malsani dei progenitori), sia da cattiva alimentazione, oppure se durante la gravidanza la madre vive in maniera estremamente immorale o addirittura diabolica. Ciò è dovuto al fatto, in quest'ultimo caso, che gli “spiriti tutelari” – addetti al giusto coordinamento della forma del corpo – se ne vanno via e la configurazione degli specifici del corpo è abbandonata a sè. Le malformazioni minori, ad esempio le “voglie”, sono dovute agli eccessivi desideri materiali o eccitazioni sensuali della madre in stato di gravidanza. Se durante una simile eccitazione, la madre si tocca un punto del corpo, avviene che proprio nello stesso punto del corpo del futuro bambino ci sarà una grande “voglia”.

POSSESSIONE
Nel Corpo fisico possono penetrare degli spiriti maligni, costringendolo a commettere qualsiasi perversità o atrocità. La possessione diabolica viene permessa dal Signore in quanto è utile sia allo spirito maligno che al posseduto.

COLLEGAMENTO CON L'ANIMA
Il Corpo è collegato all'Anima attraverso lo “spirito nerveo” (conduttore di messaggi), il sangue e il cuore. Tramite tali conduttori e organi avviene sia lo scambio delle informazioni – istruzioni e comandi – riguardo alla vita del corpo e ai movimenti che deve fare per le necessità dell'Anima, sia il nutrimento per la fortificazione della stessa e dello spirito attraverso delle sostanze eteree ricavate dalla fermentazione degli alimenti nello stomaco inferiore.

GLI OCCHI
Gli occhi sono il simbolo più perfetto dell'intelligenza, poichè è proprio negli occhi che convergono, intersecandosi, tutte le irradiazioni delle intelligenze dell'Anima. Viene confermato il detto: “L'occhio è lo specchio dell'anima”.

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DEL CERVELLO
Tutto ciò che il Corpo fisico percepisce dal mondo esterno attraverso i sensi viene codificato e rappresentato in immagini e simboli su apposite tabelline cerebrali a forma di piramide. Anche i pensieri dell'Anima e i suggerimenti divini provenienti dallo Spirito vengono impressi – contemporaneamente – sugli stessi supporti. La differenza consiste nel fatto che i primi vengono impressi in “grandi e consistenti” dimensioni, mentre i secondi sono “piccolissimi e lievi”. Considerato che L'Anima, finchè è concatenata al Corpo fisico, effettua le sue decisioni dopo aver analizzato soprattutto ciò che vede nelle tabelline del cervello fisico, allora diventa naturale per lei scegliere quelle del mondo esterno, in quanto non riesce a distinguere bene quelle microscopiche che sono offuscate da quelle più grandi. Nel caso però l'uomo rinunci pian piano al mondo esterno, accade esattamente il contrario, e cioè la sua Anima – ora che non ci sono più le grandi immagini mondane – riesce a vedere bene quelle piccolissime provenienti dallo Spirito; e solo da questo momento l'uomo è in grado di scoprirne gli infiniti contenuti e apprendere così le straordinarie verità, i sublimi valori e i meravigliosi sentimenti del mondo divino. E soltanto da ora egli comincia a scoprire la vera vita ed avviene che “quanto più abbandona il mondo esterno tanto più corre e vola verso la Meta per cui è stato creato”.

MORTE
La morte del Corpo fisico avviene quando si manifesta la completa immobilità che testimonia l'avvenuto distacco dell'Anima. Dopo tale distacco – che avviene attraverso la bocca dello stomaco – inizia una lenta dissoluzione con trasformazione in vermi e infusori, seguita dal trapasso nel regno vegetale e negli organi digerenti degli animali. Tale disgregazione continua finchè l'ultimo atomo del Corpo non sia stato definitivamente disciolto ed estratta così la sostanza eterea. Una parte andrà alla sua Anima, l'altra parte invece verrà utilizzata per la costituzione di altri esseri viventi. Il processo dissolutivo dura da qualche centinaio a qualche migliaio di anni. Nei casi di eccezionale purezza – ad esempio il corpo di Enoch oppure quello di Maria, la madre di Gesù – può venire dissolto istantaneamente.

SCOPO E FUNZIONE
Il Corpo serve all'Anima per manifestarsi nel mondo esterno. E' inoltre il purificatore ma anche il deturpatore dell'Anima; infatti può espellere o acquisire sia gli specifici puri, nobili o fini necessari a perfezionare la forma umana dell'Anima, sia quelli impuri, malvagi o grossolani che danno ad essa un aspetto scheletrico, animale o mostruoso. Il Corpo ha la funzione di stuzzicare l'Anima per il soddisfacimento dei suoi stimoli e passioni, essendo l'opposto dello Spirito. Esso infatti dà la possibilità all'Anima di esaminare il male (o negativo) insito in lui, al fine dell'indispensabile processo autoformativo dal quale deve sorgere una nuova e indipendente “entità” (vedi schede ANIMA e SPIRITO). Il Corpo è anche un limitatore spirituale per il fatto che rende lento e graduale il processo creativo dello Spirito; infatti, uno Spirito libero – non segregato in un Corpo fisico – ha la straordinaria caratteristica di creare “istantaneamente” tutto ciò che desidera.

DESTINO
Alla sua morte – dopo la dissoluzione e trasformazione in sostanza eterea – deve diventare la veste dell'Anima (o pelle).