Rispondi a: I 10 comandamenti

Home Forum TEOLOGIA I 10 comandamenti Rispondi a: I 10 comandamenti

#34923

Omega
Partecipante

[quote=xxo]1) “Io sono il Signore, [/quote]
Nell'originale Ebraico non troviamo “Io sono il Signore” (ovvero il Padrone), ma è scritto: Io sono YHWH. Il nome YHWH (pronuncia: Yahweh) significa: “Io Sono (Colui che Sono), con la “s” maiuscola, il che vuol dire un eterno “Essere”, lo “stato d'essere” – quindi una grande Saggezza Cosmica, per cui esattamente il contrario del concetto di un “signore” e del “padrone”. La chiesa cattolica (ma non solo) ha tolto questo importante nome da tutte le bibbie, mentre in alcune bibbie ebraiche (Torah e Profeti) troviamo questo nome (YHWH) sostituito con “Adonai” che significa “miei Signori” (plurale, in riferimento all'altro termine in plurale che è “elohim”)…

il tuo Dio,

Nell'originale Ebraico non troviamo “il tuo Dio”, ma è scritto: “il tuo Elohim” (ovvero “i tuoi Elohim”, trattandosi di una parola, di un nome in plurale). Elohim etimologicamente non significa “Dio”, ma “Coloro che sono venuti dal Cielo”, anche se molti ricercatori tuttora non sono d'accordo con questa “interpretazione” o traduzione. Sta di fatto che “Elohim” è plurale mentre “Dio” è singolare – dunque per lo meno doveva essere tradotto come “Dèi”, come effettivamente viene scritto nelle bibbie di alcune correnti cristiane (ad esempio, i Mormoni). –> http://scriptures.lds.org/it/abr/4

. . . Nelle scritture cattoliche dunque, al posto di “Yahwe-Elohim” troviamo “Signor-Dio”, che è un chiaro ed evidente tradimento del significato originario e profondo dei nomi del nostro Padre (Celeste) o comunque degli Dèi menzionati nella Genesi (Bereshit). Non è un Signor-Padrone a parlare al popolo Ebraico, ma un Consiglio degli Dèi immortali rappresentati da YHWH, il saggio creatore di mondi – il quale non ci vuole schiavi ma al contrario liberi (“Come in Cielo, così in Terra”) – spiegando delle leggi universali adattate ai Tempi ( del Contatto con il Profeta Mosè ), per farci elevare, progressivamente, dallo stadio di una umanità “primitiva” a quella cosciente e responsabile. Sostituire “YHWH-Elohim” con “Signor-Dio” crea l'impressione e l'illusione ( nelle menti delle persone, poco esperte delle rivelazioni Celesti ) che un “dittatore tiranno” sta dettando “i dogmi” al suo popolo di pecore, ma niente di più sbagliato.

. . . Yhwh non ha mai obbligato né imposto niente agli Umani, e soprattutto non lo ha fatto per i propri interessi, in realtà tutto quanto diceva il Padre, faceva parte di un accordo volontario tra le due parti (gli Ebrei dovevano Testimoniare la realtà celeste sulla Terra, erano un popolo ambasciatore degli Dèi dello spazio), dunque ogni insegnamento aveva lo scopo di indicare il modo corretto di gestire la società umana sia a livello individuale, che quello collettivo. Alcuni di questi (insegnamenti) sono stati dati nella forma di “comandamenti”, questo perché purtroppo i Terrestri hanno spesso dimostrato di non voler ascoltare quando gli parli per il loro bene da un punto di vista della Consapevolezza superiore.

che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla casa di schiavitù.

Gli Ebrei sono caduti nella trappola degli egiziani di quell'epoca diventando schiavi; questi Dèi ( o Elohim ) li hanno liberati, il che permetteva a loro di svolgere la propria missione “di Testimoni”.

Non avere altri dèi oltre a me.

Nell'originale è scritto: “Non avrai altri dèi oltre agli Elohim”, rappresentati da Yhwh. Ed è perfettamente logico, non puoi Testimoniare la Verità Cosmica seguendo idoli ( falsi dèi ). “Non potete seguire Dio (Yhwh-Elohim) e Mammona”… –> http://www.imninalu.net/PopoloEletto1.htm

2) Non farti scultura, né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. Non ti prostrare davanti a loro e non li servire,

Se tu crei una immagine oppure una scultura degli Dèi o di quello che non sono dèi (animali, umani ordinari e comunque non-creatori) ai fini del culto o qualsiasi “attività sacra” di un popolo, chiaramente ti rivolgi all'esterno abbandonando l'Essere e l'Essenza che sta da sempre dentro di noi. In effetti sarebbe impossibile restare fedeli alla Verità e la Realtà dell'Essere adorando pezzi di legno, pezzi di metallo, una figura alienante, finzione, fiction, un simulacro, il surrogato, una illusione mentale, una non-realtà e la non-verità. La cosa si aggrava se poi, al posto del “semplice” adorare sostituisci la fonte del tuo risveglio interiore e la Sorgente della Vita (il Padre) con il diavolo ed i suoi demòni incominciando ad ascoltare dottrina degli inferi, poiché il culto delle immagini spesso (ma non sempre) provoca questo ed altro, essendo una trappola irresistibile se data in pasto ad un qualsiasi popolo (“le masse”) con un livello di coscienza non sufficientemente elevato.

perché io, il Signore, il tuo Dio, sono un Dio geloso;

. . . Il significato originale è questo: “perché io, Yahweh (l'Eterno e Saggio Essere), il tuo Elohim (rappresentante degli Dèi, creatori dei mondi e venuti dal Cielo), sono un Elohim (nel senso di “Padre”) attento”; ossia, il nostro Padre Celeste si accorge immediatamente se noi abbiamo seguito una verità (quello che noi già sappiamo essere la verità), oppure una menzogna (quello che già sappiamo essere la menzogna); sarebbe impossibile ingannare il creatore perché stiamo innanzitutto ingannando e truffando noi stessi ogniqualvolta ci volgiamo agli idoli di ogni specie, che siano materiali o spirituali – per cui il Padre sa e vede se siamo stati fedeli al compito “di Testimone” oppure l'abbiamo tradito, non soltanto lui, Colui che ci ha creati ed amati, ma soprattutto noi stessi e il patto che è stato volontariamente firmato da entrambe le parti in causa. Ovvio che i rinnegati non potrebbero rappresentare la Verità Cosmica e la Legge Superiore, di conseguenza devono essere allontanati dalla missione, dal popolo eletto, dal compito universale dell'educazione di questa Umanità.

punisco l'iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso bontà fino alla millesima generazione, verso quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti.

. . . Qui è stata descritta, in modo elementare adatto alla comprensione del volgo nel suo insieme, una Legge Naturale e Genetica (della Semina e Raccolto ovvero il Karma positivo e negativo), secondo la quale ogni nostra azione Giusta o ingiusta provoca delle conseguenze incalcolabili in bene o in male, dunque un invito a responsabilizzare le coscienze. Non è YHWH a punire gli Uomini ma è l'incoscienza, malvagità e l'ignoranza degli Umani ordinari a rivolgersi contro loro stessi, successivamente, poiché non esiste l'effetto senza una causa e non esiste il buon frutto senza un lavoro eseguito correttamente secondo le proprie possibilità e capacità innate e/o sviluppate. Nessun Criminale può (con)dividere un progetto di aggressività, odio e truffa con il resto del popolo dedicato ad un fine nobile come quello di aiutare il Padre a creare e co-creare la Realtà comune.

Nessuna azione negativa compiuta dagli uomini potrà mai essere cancellata (anche se potra essere “dimenticata” in certe condizioni ben precise) e come sappiamo ogni azione positiva o negativa viene concepita nella mente (pensiero) o coscienza (Essere) di un Umano dunque non esiste il caso – una vita disordinata, prima o poi, porta alla delinquenza e in alcuni casi al Crimine, cose inaccettabili in una comunità degli “Eletti”.

3) Non pronunciare il nome del Signore, Dio tuo, invano; perché il Signore non riterrà innocente chi pronuncia il suo nome invano.

Vuol dire che se tu pronunci “YHWH” o “Elohim” senza rispetto dimostri di “parlare per caso” – il che sarebbe un indice del distacco dalla Sorgente del tuo Essere potenzialmente eterno, tutto qui. I sinceri Ricercatori della verità hanno però il permesso di pronunciare i nomi sacri quante volte desiderano, perché al Padre fa piacere comunicare con le creature in qualsiasi istante – ed ogni parola pronunciata con la Consapevolezza del suo significato quello profondo è una forma di Amore e di Comunicazione con il creatore dei mondi. Ogni parola è una potente energia o “potere” – e lo stesso è valido per ogni pensiero (cosciente o meno) concepito nella nostra mente (nel caso dell'uomo ordinario) oppure nella coscienza superiore, nel caso degli iniziati ai Misteri Maggiori del Cosmo.

4) Ricordati del giorno del riposo per santificarlo. Lavora sei giorni e fa' tutto il tuo lavoro, ma il settimo è giorno di riposo, consacrato al Signore Dio tuo.

Le cellule umane sono state costruite in modo da lavorare efficacemente e armoniosamente in presenza di un riposo (Meditazione, Contatto, Vacuità) settimanale (o in alternativa una pausa di altro tipo); senza questo ordine pre programmato nel DNA degli Umani si genera lo stess derivante dalle tossine accumulate e non espulse dal Corpo, le sostanze che circolando dappertutto creando rapidamente depressione, l'insodisfazione, il senso di inadeguatezza, il pessimismo, malattia. Interrompere il contatto naturale tra l'Essere e l'origine dell'Essere comporta distacco spirituale quindi fisico, dal Progetto, dal Verbo, dal senso della Vita, ed ecco che l'uomo parte per tangente perdendosi nello scientismo e nel suo orgoglio desiderando superare invece di aiutare gli altri; inevitabile dunque rivolgersi all'esterno, all'involucro (vuoto ?) diventando superficiali. Ogni consiglio di Yhwh-Elohim donato all'Umanità è importante, in effetti la bibbia è un Libro innanzitutto Scientifico.

5) Onora tuo padre e tua madre, affinché i tuoi giorni siano prolungati sulla terra che il Signore, il tuo Dio, ti dà.

Questo mi sembra ovvio… Se non rispetti gli altri, dimostri di non rispettare nemmeno se stesso (poiché Tutto è Uno) – ed a questo punto come potresti elevarti ? Onora tuo padre e tua madre porta alla longevità (tra l'altro) sulla Terra, mentre l'altruismo Cosciente porta alla Vita Eterna nel Regno del Padre.

6) Non uccidere.

Da notare che le chiese cristiane (nella maggior parte dei casi) permettono di uccidere in guerra, e questo viene considerato un obbligo, una necessità, da questi falsi profeti.

7) Non commettere adulterio.

Ehm… Per forza, a quei Tempi non poteva essere diversamente, oggi dopo la Rivoluzione Sessuale, direi che non sarà più valido perché scientificamente non sostenibile. Tuttavia resta valido per coloro che non si sono elevati spiritualmente restando ad uno stadio di “umano” pre-rivelazione mediorientale.

8) Non rubare.

E' lo stato che ruba del denaro e delle libertà ai cittadini ogni santo giorno, utilizzando poi il denaro del popolo disinformato per il culto degli demòni, per armamenti, per l'avvelenamento della Terra, per la tortura degli Amici Animali, per l'indottrinamento all'aggressività e alla stupidità onnipresente.

9) Non attestare il falso contro il tuo prossimo.

Ovunque mi giro, vedo gente che mente; evidentemente hanno rifiutato la correzione dell'Altissimo.

10) Non desiderare la casa del tuo prossimo; non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo servo, né la sua serva, né il suo bue, né il suo asino, né cosa alcuna del tuo prossimo”

… Non bisogna desiderare quello che non abbiamo e quello non siamo, ma occorre cambiare le “premesse esistenziali”, in modo da poter raggiungere quella Ricchezza interiore (ed eventualmente quella esteriore, se utile al Progetto) la quale ti permette di svolgere il proprio compito di “educatore” su questa Terra. Invidia è una brutta bestia, YHWH ha ragione poiché è un concetto giusto, corretto e scientifico. L'invidia significa pigrizia, il contrario dell'intelligenza (e saggezza) che non prevede perdita di Tempo ed energia, dunque efficacia.

Si leggono parole come schiavitù, gelosia, punizione, colpevolezza.

Schiavitù è quella egiziana; gelosia è la nostra (siamo noi ad essere gelosi sia nel campo sessuale che in quello religioso), siamo noi a punirci rifiutando l'Origine e la Sorgente dalla qualle nessuno potrà mai sfuggire, colpevolezza è la nostra, di Umani che hanno scelto la Morte al posto della Vita. Io non godo per la rovina e la Morte degli Umani, disse Yhwh-Elohim in Ezechiele, e altrove…

La parola di Dio o cos'altro?

Se tradotta male, la Bibbia è il libro più pericoloso (nel senso di “negativo”) che ci sia – quando tradotto bene e compreso è un testo che tra le righe ci offre tracce di saggezza universale, una saggezza che, se questi Uomini avessero ascoltato per secoli e millenni che ci hanno preceduti, oggi non ci troveremo davanti ad un baratro e smarriti in un modo irreversibile.

Chi sa cosa riguardo i 10 comandamenti?
Parlo dell'Antico Testamento.

Aggiungo un passaggio significativo dal libro “Mosè”, 1995; Marietti 1996, pp. 380-381 di André Chouraqui / Mosé (1996) Edizioni Paoline, L’utopia realizzabile Link –> http://www.andrechouraqui.com/etudes/w-moise.htm :

“Tu parli della pace tra le nazioni. Questa pace non è compromessa solo dagli interessi. La pace tra le religioni fa invece entrare in lizza gli dèi. Come fermare la guerra degli dèi?”

“Questa guerra, orribile fra tutte, è fatta contro le vostre religioni. Continua a insanguinare il mondo sotto maschere e nomi diversi, tutti altrettanto menzogneri di quelli dell’'Elohim del Sinai quando è invocato dai suoi seguaci ebrei, cristiani e musulmani per giustificare le loro violenze. YhwH 'Elohim è la matrice trascendente della creazione: non può ordinare la distruzione delle vite e degli esseri di cui è il Creatore, il Padre. Come vi sono dei falsi profeti, vi sono anche dei falsi teologi. L’errore che diffondono più generalmente è quello di dire a mio nome: Non c’è che un Dio.

Questo Dio unico, immaginario, esiste solo tra i loro fantasmi. Questo Dio solitario è necessariamente il loro, prima di essere il Creatore del cieli e della Terra. Esalta innanzi tutto il loro ego, è il loro ego che gonfiano per imporre all’universo le leggi e i dogmi delle loro Chiese o dei loro Stati. L''Elohim del Sinai è innocente di questo disprezzo, vero e proprio tradimento della sua Torah. La Torah non ha mai detto: “Non c’è che un Dio”, come i vostri dizionari e i vostri catechismi definiscono il mio preciso monoteismo. ”

“Rileggete la mia torah. Non ho mai negato l’esistenza degli 'Elohim, non ho mai detto una parola di critica nei confronti degli dèi d’Egitto. Ero in lotta contro Faraone e le sue prigioni, contro i suoi dèi, i suoi templi, i suoi sacerdoti. Se, in seguito, i profeti, miei fratelli, criticavano gli dèi, questo dimostrava almeno la loro esistenza e il cattivo uso che ne facevano i loro seguaci sviati.

YhwH si autodefinisce come il Dio degli dèi, l''Elohim degli Elohim, l''Adon degli ‘Adonim. Il Suo Nome, YhwH ‘Elohim, è formato a partire da due plurali, ‘Adonai e ‘Elohim, che consentono di esprimere, per quanto è possibile, l’ineffabilità del Tetragramma, YhwH, l’Essere che è stato, che è, che sarà, che fa essere ‘Elohim, le potenze creatrici che ne emanano. Gli ‘Elohim sono Uno, è quel che ho proclamato, il che è completamente diverso da quello che dicono: “Non c’è che un ‘Elohim”. Se esistesse solo un ‘Elohim, che noia nei miei cieli e sulla Terra!

YhwH è un Dio vivente, l''Elohim di ogni vita, molteplice nella sua unità come la Vita.”[…]

Ma che dire ai teologi che insegnano il contrario? Che dire ai cristiani e ai musulmani che hanno condotto guerre inespiabili in nome di Cristo o in nome di Allah, distruggendo intere civiltà, assassinando popoli in nome del loro Dio, del loro Cristo o di Allah, e dei loro dogmi, delle loro leggi?”

“Di’ loro che erano – che sono – in questo dei criminali. Ascoltatemi bene: nei cieli, gli dèi che li popolano, assistiti da innumerevoli angeli, sono molteplici, nell’unità e nell’unione della mia trascendenza. Sulla Terra il loro culto è lecito, nei santuari delle nazioni. Solo il mio popolo Israele e la sua Terra hanno il dovere di non adorare altri che l’Unico YhwH ‘Elohim.”