Rispondi a: La legge del ritmo e la fine della logica…

Home Forum TEOLOGIA La legge del ritmo e la fine della logica… Rispondi a: La legge del ritmo e la fine della logica…

#36070
Richard
Richard
Amministratore del forum

Per quanto riguarda la parte dell'esempio sul “film”:

“E’ con lui che mi è venuto spontaneo iniziare un discorso, che invece di proporre cose nuove difficilmente accettabili, cerca di far vedere i limiti delle così dette “certezze scientifiche” che ormai sono entrate nel D.N.A mentale dell’odierna umanità.
Così ho iniziato a parlare di cinematografia, dicendo: “ Tu sai senz’altro che quando assistiamo alla proiezione di un film, riusciamo a vederlo solo in virtù della persistenza delle immagini sulla retina. Un improvviso lampo di luce può accecarci, ma anche la proiezione di un film ci “acceca”, dal momento che ci fa vedere come movimento continuo e coerente sullo schermo, ciò che in realtà è continuamente interrotto da “ombre” che si inseriscono fra i singoli fotogrammi. ”

——————————–

mi è venuto in mente il discorso del modello delle dimensioni o livelli di frequenza che fa Wilcock:

Quindi, ogni dimensione ha un “colore” nello spettro visibile della luce, un “suono” nell'ottava musicale e una geometria. Le geometrie in questione sono tutte su base sferica, strutture armoniche, conosciute comunemente come solidi Platonici, le semplici forme tridimensionali nell'Universo. Per ogni solido platonico, tutti i lati, le facce e gli angoli sono identici e tutti rientreranno perfettamente dentro a una sfera.

Nel libro abbiamo mostrato come possiamo quindi pensare a queste frequenze geometriche unificate chiamate “Unità di Coscienza”. In altre parole, possiamo visualizzare un “punto” simmetrico o sfera di Luce che si espande equamente in ogni direzione. Quello che in realtà si espande all'esterno è ciò che i fisici chiamano “superstringhe” e ora sappiamo dalla ricerca sulla coscienza, che queste stringhe viaggiano con movimento a spirale o, per come la mettono i fisici, le stringhe “vibrano”.

Mentre le “stringhe” di Luce continuano ad espandersi e vibrare con movimento a spirale da un punto centrale unificato, manterranno la forma di un campo sferico, in quanto si muovono tutte con velocità simultanea, la vera “velocità unica” o velocità della Luce. Comunque, certi “punti di forza” o nodi si formeranno dove ci sarà maggior forza o concentrazione energetica, per la sovrapposizione delle stringhe tra loro in periodi armonici precisi.

Le linee dritte di forza che si formano mentre questi “nodi” spingono tra loro, si assemblano quindi in ognuno dei Solidi Platonici con base sferica progredendo attraverso le frequenze. Il fisico Buckminster Fuller ha dimostrato questo stesso principio vibratorio con numerosi esperimenti.

Quindi, la struttura delle “unità di coscienza” può essere pensata come una sfera di Luce espansiva e contrattiva che passa attraverso diverse “frequenze” geometriche lungo la via. La velocità di questo movimento è incredibilmente alta, almeno per noi in terza dimensione: avviene alla vera velocità della Luce, in realtà molto superiore di quella che possiamo misurare nello spazio-tempo di terza dimensione.

Dobbiamo quindi visualizzare il fatto che benchè ogni “unità” pulsa costantemente attraverso l'intera ottava di frequenze, ogni entità vivente in un certo centro o una certa dimensione sarà solo consapevole della propria frequenza particolare. In altre parole, noi in terza dimensione abbiamo il colore giallo, la nota “SOL” o 360 cicli per secondo e la geometria dell'ottaedro o due piramidi Egiziane connesse alla base.
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.4530