Rispondi a: La caduta di Cristo?

Home Forum TEOLOGIA La caduta di Cristo? Rispondi a: La caduta di Cristo?

#36154
Richard
Richard
Amministratore del forum

all'inizio dei video vengono poste troppe domande..la cosa è semplice e in effetti mi meraviglio che continui a non essere corretta, non si capisce dove sia l'albero della conoscenza, se sia nel mezzo con l'altro o altrove.

http://www.liberliber.it/biblioteca/b/bibbia/la_sacra_bibbia/html/01_01.htm

“8 Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi collocò l'uomo che aveva plasmato. 9Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l'albero della vita in mezzo al giardino e l'albero della conoscenza del bene e del male.”

“Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio. Egli disse alla donna: “È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?”. 2Rispose la donna al serpente: “Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, 3ma del frutto dell'albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete”. 4Ma il serpente disse alla donna: “Non morirete affatto! 5Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male”. 6Allora la donna vide che l'albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch'egli ne mangiò. ”

mi fa ricordare questo
[youtube=480,385]j8OtJpB4FPY

sul punto dello schiavismo domanda piu che lecita sarebbe ora penso di dare un colpo di modernità (anche se gli schiavi esistono anche ora) al testo forse..
sono stati gli uomini a metterci Dio in mezzo a questa cosa..
Sul punto della “differenza di livello tra Dio e gli uomini” e una separazione di qualche tipo, sono contrario.

sul punto tra Darwin e creazione, psichico o meno Cayce interpretava la Bibbia che studiò a fondo e insegnò, uno spunto:

“Analizzando il sé l’entità si trova corpo, mente e anima, che corrisponde sul piano tridimensionale alla Divinità – Padre, Figlio, Spirito Santo.
Dio si mosse, lo spirito iniziò la sua attività. Nel muoversi portò luce e poi caos.
In questa luce venne la creazione di quello che sulla terra diventò materia; nelle sfere intorno alla terra, spazio e tempo; e in pazienza si è evoluto attraverso quelle attività finché c’erano i cieli e tutte le costellazioni, le stelle, l’universo com’è noto – o ha cercato di essere conosciuto da entità-anime individuali sul piano materiale.
Poi sulla terra arrivò la materialità, attraverso lo spirito che si spinse nella materia. Lo spirito era individualizzato e poi diventò ciò che riconosciamo in noi come entità individuali.
Lo spirito che usa la materia, che usa ogni influenza nell’ambiente della terra per la gloria delle Forze Creative, fa parte ed è una parte della coscienza universale.
Man mano che l’entità, un individuo, quindi applica, diventa consapevole – attraverso la pazienza, attraverso il tempo, attraverso lo spazio – della sua relazione con la Divinità – Padre, Figlio, Spirito Santo. 3508-1 F.45”

“Poiché, come viene dato in principio: Dio si mosse e disse :” Luce sia fatta,” e la luce fu, non la luce del sole, ma piuttosto quella dalla quale, attraverso la quale, nella quale ogni anima aveva, ha e sempre avrà la sua esistenza. Poiché in verità vivi e ti muovi e hai la tua esistenza in Lui. 5246-1”

http://www.edgarcayce.it/media/lacreazione.htm

in generale dibattito interessante 🙂

sul tetragramma YHWH per me la chiave per capire il codice tramandato punta a questo,col parallelo nella Kabbalah e qua non ci arrivano di sicuro i teologi o gli storici:

[youtube=420,347]portalplayer.swf
———
http://giorgio.israel.googlepages.com/Art94.pdf
La Kabbalah e la mistica dei numeri

vedi pag.26 La Kabbalah e la mistica dei numeri