Rispondi a: La Genesi – Bibbia. Presto pubblicheremo un documento importantissimo

Home Forum TEOLOGIA La Genesi – Bibbia. Presto pubblicheremo un documento importantissimo Rispondi a: La Genesi – Bibbia. Presto pubblicheremo un documento importantissimo

#36329
farfalla5
farfalla5
Partecipante

Sto leggendo in questo momento un libro di Cotterell “Le profezie di Tutankhamon” e ancora un' altra volta, l' autore mi da la conferma che tutti hanno sempre venerato il Sole.
ecco un piccolo assaggio:

Per più di 75 anni, da quando è stata aperta la tomba di Tutankamon, gli “esperti” hanno tentato senza successo di spiegare l'eredità dell'enigmatico faraone.

Oggi Maurice Cotterel, che da tempo studia i significati nascosti delle incisioni maya, getta nuova luce sui misteri dell'antico Egitto grazie a una chiave scoperta nelle piramidi del Messico che gli ha permesso di codificare i tesori della tomba del re bambino e di svelare il senso profondo dei sacri segreti sepolti sulle rive del Nilo più di tremila anni fa.

Akhenaton era davvero il padre di Tutankamon? La tomba di Tutankamon è stata veramente depredata? Che rapporto esiste tra il capo dei maya, Lord Pacal, e quello degli egizi, Tutankamon?

Nel risolvere questi e altri enigmi Cotterel riscopre una sapienza antica che vive ancora oggi, celata nella geometria sacra e custodita come un tesoro dalla Chiesa, dalla Massoneria e da altre società segrete.

Per la prima volta, Cotterel rivela le ragioni di tanta segretezza: ragioni che interessano il futuro di ciascuno di noi e gravano su di esso.

Eccole: C'era una volta un re fanciullo, nato per immacolata concezione sulle rive del Nilo più di 3000 anni fa. Insegnò al suo popolo la scienza suprema del sole, lo adorò come dio della fertilità e compì miracoli. Si dice che alla sua morte salì in cielo. [color=#ff0000]Lo chiamarono il serpente piumato. (era Tutankamon). [/color]

C'era una volta un re bambino, nel Messico. Anche lui nacque per immacolata concezione, più di 1250 anni fa, nelle foreste del Messico. Insegnò al suo popolo la scienza suprema del sole, lo adorò come dio della fertilità e compì miracoli. Si dice che alla sua morte salì in cielo. [color=#ff0000]Lo chiamarono il serpente piumato. (era il nobile Pacal).
[/color]
Secondo la leggenda, un uomo bianco barbuto, dai capelli biondi e gli occhi azzurri, portò ai maya la conoscenza suprema. Insegnò loro i misteri dei cieli, le leggi della matematica e dell'astronomia e le tecniche artigianali. Insegnò loro a costruire le piramidi e i palazzi di pietra, ma soprattutto insegnò loro la saggezza, e dichiarò che la purificazione sarebbe avvenuta attraverso il sacrificio, e le anime purificate avrebbero avuto in dono l'immortalità.

[color=#ff0000]Si disse che quando morì divenne la stella del mattino, Venere[/color], la più luminosa dei corpi celesti della notte, che viveva in una casa preziosa di giada, piume argento e conchiglie.

Fu di volta in volta tra gli olmechi, i teotihuacanos, i maya, i toltechi e gli aztechi. Lo chiamavano il Serpente Piumato, Quetzalcoatl, o Ku-Kul-can, il dio della bontà e della saggezza.

Anche altri parlarono dell'uomo bianco barbuto. Gli Inca in Perù lo chiamavano Viracocha, mentre i loro vicini, gli aymara, lo chiamavno Hyustus. In Bolivia era conosciuto come il “dio del vento”, ai polinesiani era noto come Kon- tiki, il dio sole.

Ogni volta che se ne andava, la sua promessa era sempre la stessa: un giorno sarebbe ritornato. I tesori decodificati dei maya ci dicono che il nobile Pacal, sacerdote e re, capo dei maya, visse e governò a Palenque dall'età di nove anni. Era conosciuto come Quetzalcoatl, il serpente piumato, dio supremo dei maya. Fu sepolto nel Tempio delle Iscrizioni, e la sua tomba, scoperta nel 1952, conteneva artefatti di giada, serpenti piumati e conchiglie.

[color=#ff0000]I maya avevano appreso dal loro maestro che il sole influisce sulla fertilità,[/color] [color=#000066]che i suoi raggi riempiono alcuni di gioia e altri di dolore[/color], quindi con riverenza davano il nome ai loro figli a seconda della data di nascita durante un ciclo astrologico.

Sapevano anche che il mondo era stato creato 4 volte e sempre era stato distrutto in maniera catastrofica. Di questo incolpavano il sole, che per loro era dio.

le Plongeon, capitano di lungo corso ed esploratore della civiltà maya alla fine del secolo XIX, riteneva che essi praticassero l'ipnosi, inducessero la preveggenza e usassero “specchi magici” per predire il futuro. Era certo che avessero fatto vela verso ovest partendo dall'America centrale per sviluppare civiltà nel Pacifico, e quindi si fossero spinti in avanti attraverso l'oceano Indiano e il Golfo Persico fino all'Egitto. Per sostenere questa sua tesi, raffrontò molti esempi di architettura maya ed egizia, scritti e credenze che si estendevano fino al culto del sole.

Nel libro “I SUPERDEI” si dice che i maestri spirituali, quali Krishna, Buddha, Gesù e il nobile Pacal, portavano periodicamente la superconoscenza sulla terra, consentendo il compimento di miracoli e la comprensione dell'astronomia, riconoscendo anche il valora della spiritualità e insegnando all'umanità scienza e religione ai massimi livelli.

[color=#ff0000]Furono questi “superdei” che lasciarono il loro segno, tra l'epoca di una catastrofe e l'altra, codificato nei loro tesori e monumenti. E' così che la conoscenza si è propagata all'interno di ognuno dei periodi di 5000 anni.[/color]

Superdei differenti portano la stessa conoscenza attraverso la storia, durante cicli infiniti di progresso e distruzione della Terra. Ognuno di loro era associato, come il sole, alla luce.
le Plongeon fu uno dei primi a credereche le culture dell'Egitto e del Messico si fossero evolute a partire dalla stessa fonte: entrambi i popoli erano adoratori del sole; entrambi costruirono le piramidi e veneravano un pantheon di dei, ed entrambi ritraevano il fior di loto nei loro tesori come simbolo sacro del sole. Entrambi condivisero la stessa epoca della durata di circa 5000 anni.

In Messico, il serpente piumato era venerato come il dio supremo. In Egitto, il serpente e l'avvoltoio (piume) erano segni di regalità che rappresentavano il sangue divino dei re. Ma solo un re, in Egitto, portava sia il serpente che le piume sulla fronte. Era il re fanciullo Tutankamon, il quale, come il nobile Pacal, salì al trono all'età di 9 anni. 1) Tutankamon, che portava sulla fronte un serpente e le piume, era il quinto superdio? 2) Portò la scienza suprema del sole agli egizi? 3) Codificò la conoscenza, come i maya, nei tesori del suo popolo? 4) Era associato all'uomo bianco barbuto? [Tratto in modo quasi integrale dal libro LE PROFEZIE DI TUTANKAMON di Maurice Cotterel Edizione Mondolibri S.p.A., Milano su licenza Casa Editrice Corbaccio s.r.l.,]
http://www.ilportaledeltempo.it/?sezione=PS&art=tutankamon


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.