Rispondi a: Figli di Dio, figli di Adamo

Home Forum TEOLOGIA Figli di Dio, figli di Adamo Rispondi a: Figli di Dio, figli di Adamo

#36422

skorpion75
Partecipante

Grazie Pas.
Il vangelo di Filippo lo ricordavo per la quantità di versetti in cui parla del matrimonio uomo-donna e i rispettivi loro doveri, e anche per essere l'unico tra i tanti in cui si tratta degli arconti e di forze oscure e malefiche.
Comunque rileggendolo, con piacere mi sono accorto di tante cosucce sfuggite alle prime letture per mancanze di informazioni, colmate ora con la Genesi biblica….è proprio vero quando si dice che la stessa lettura ti da sempre qualche input di nuovo che ti è sfuggito alla prima, specie se si tratta di “scritti sacri”.

Voglio riportare alcuni versetti che si possono sempre riallacciare all'argomento in discussione:

L’anima di Adamo proviene da un soffio; quello è il suo compagno. Lo spirito
che gli è stato dato è sua madre; la sua anima fu sostituita dallo spirito, che gli
era stato dato in sua vece. Allorché si unì a lui pronunciò parole incomprensibili
alle forze. Queste allora lo invidiarono, perché non possedevano l’unione
pneumatica… Tale divisione offri loro l’occasione di formarsi un simbolico letto
nuziale affinché gli uomini si contaminassero (in esso).

I figli dell’uomo celeste sono più numerosi di quelli dell’uomo terrestre. Se
sono numerosi i figli di Adamo, quantunque muoiano, tanto più i figli dell’uomo
perfetto che non muoiono, ma sono continuamente rigenerati.
Il padre fa un figlio, ma il figlio non può fare un figlio: poiché colui che fu
generato non ha il potere di generare; un figlio può acquisire dei fratelli, non
dei figli.
Tutti coloro che sono generati nel mondo sono generati in modo naturale; ma
gli altri dallo Spirito.
Coloro che sono generati da lui gridano di quaggiù verso l’uomo (perfetto),
poiché sono nutriti dalla promessa del luogo celeste.

Colui che è stato creato è bello e tu troveresti che i suoi figli sono una creatura
nobile; se non fosse stato creato, ma generato, tu troveresti che la sua
discendenza è nobile. Ma ecco che (non solo) fu creato (ma anche) generato.
Quanta nobiltà è questa!
Prima venne l’adultero e poi l’omicida; fu generato nell’adulterio: era, infatti,
figlio del serpente.
Perciò divenne omicida come suo padre e uccise suo fratello. Ogni unione che
si origina da cose dissimili è adultera.