Rispondi a: Gli Apostoli non sono esistiti

Home Forum TEOLOGIA Gli Apostoli non sono esistiti Rispondi a: Gli Apostoli non sono esistiti

#36449

Emilio
Partecipante

Egr. sig. Richard,

voglia scusarmi per la risposta tardiva conseguente ad un sabotaggio hackers al mio sito. Ho letto le teorie del prof. Hassnain da lei citato: sono “studi” senza contenuto scientifico che non provano niente … come chiunque affermi l’esistenza di un “Gesù” contornato da “Apostoli”.
Per quanto concerne i testimoni di Qumran, gli Esseni, mi citi un brano riportato nei loro rotoli che riferisca di “Gesù Cristo” (stiamo parlando di un Messia ebraico divino), Apostoli, Maria Vergine o san Giuseppe.
“Gesù” fu uno Zelota non un Esseno: si legga “Gli Apostoli non sono esistiti” e mi dica se il Messia Cristiano era contornato da parenti-apostoli Zeloti sicari oppure da Esseni.
La dottrina cristiana iniziale è stata ideata dagli Esseni, dopo aver nascosto i rotoli a causa dell'intervento di Vespasiano nel 67 d.C., in epoca successiva alla morte dei veri protagonisti tutti Zeloti (alleati degli Esseni contro Roma) ed evolutasi nel mito che conosciamo nell’arco di oltre due secoli.
In tale analisi ho rimarcato, sino alla pignoleria, la necessità di attenersi esclusivamente alle fonti storiche dell’epoca comparate alle sacre scritture ed alla documentazione patristica.
Tutte le vicende evangeliche, riferite a personaggi o località realmente esistiti, devono essere analizzate e verificate tramite la storiografia, archeologia, numismatica, epigrafi ecc.
La Redazione di Altro Giornale sta per pubblicare la seconda analisi sul “Cristo Storico” intitolata “Paolo di Tarso, un super apostolo inventato: ecco le prove”; abbia la pazienza di studiarla poi mi dica come fa il prof. Hassnain ad affermare l’esistenza di san Paolo … altro che, a suo dire, “fonte delle più valide”.
Sig. Richard, non commetta più l’errore di scambiare la “bibliografia” con le “fonti”: non gli basterebbero dieci vite per poter leggere la enorme “bibliografia” su “Gesù” … ed alla fine si ritroverà sempre un enigma iperbolico insolubile.
Un “Gesù enigma” che piace molto ai credenti: fintanto la conoscenza non risolve “l’arcano” c’è sempre spazio per il “Credo” e la “salvezza della vita eterna”.

Con stima e cordialità Emilio Salsi