Rispondi a: Gesù Cristo? Sepolto in Giappone…

Home Forum TEOLOGIA Gesù Cristo? Sepolto in Giappone… Rispondi a: Gesù Cristo? Sepolto in Giappone…

#36603

Nuzzi
Partecipante

[quote1291142485=Richard]
ma dato che per me
Dio è Tutto ed è in Tutto e Tutto è Dio
allora se cerchi Dio in te perchè sei Dio cerchi comunque di capire e conoscere Dio
che si tratti della Teoria del Tutto nella scienza o che si tratti di spiritualità
Il problema è il significato che abbiamo caricato e diffuso sul concetto di Dio, dobbiamo rivedere la nostra concezione di Dio e se vogliamo cambiamo anche nome, chiamiamola “proprietà intrinseca della materia”, ma credo che alla fine capiremo sempre l'intelligenza creativa alla base della natura e della coscienza.
[/quote1291142485]

Io francamente non capisco come si possa cogniugare una teoria panteista con una dualista. Il cristianesimo è dualista, mica panteista.
Ora se vogliamo dire che per certi versi, considerando solo alcuni aspetti, Gesù sia simile a Budda posso essere daccordo, ma di certo i punti che ne accomunano il pensiero sono decisamente molti meno dei punti discordanti.
A me non piace questa uguaglianza fra i grandi sistemi di riferimento che chiamiamo religione perchè sono fra loro molto differenti.
Il “paganesimo greco” e per molti versi il taoismo cinese sono teorie simili fra loro ma di certo sono molto differenti dal cristianesimo, dall'ebraismo e da tutti gli altri monoteismi.
Accomunarli tutti è un bel tentativo, suggestivo, ma per farlo bisogna tralasciare molti aspetti.
Il principio che bisogna essere tutti fratelli, è un bel pensiero senza dubbio ma è figlio di una filosofia che è, in occidente, cristiana.
Siccome l'uomo è opera di Dio e ogni opera di Dio è buona, allora l'uomo è buono.
Se l'uomo è buono allora si può pensare che tutti siano buoni gli uni con gli altri, e quindi il messaggio di Gesù ha un senso.
Se invece pensiamo che nell'interno dell'uomo abiti l'indefinito allora quell'indefinito sarà sia buono che cattivo, produrrà cosa buone e cose cattive.
Così come la natura crea la rugiada e la peste, l'agnello e la vipera perchè dobbiamo pensare che invece l'uomo sia “naturalemnte” predisposto all'amore?
E' un retaggio della cultura giudaico-cristiana, non una verità.
Per questi versi il paganesimo greco è inconciliabile con il cristianesimo.
Come si concilia un teoria panteista in cui bene e male sono compresenti nella divinità (così come tutti gli altri opposti) e una teoria che invece tende al buono e al giusto e cerca di allontanare da se il male e l'ingiusto?
Io trovo che siano in molte parti opposte più che conciliabili.