Rispondi a: Gamala, la città che ispirò la vera storia di Gesù

Home Forum TEOLOGIA Gamala, la città che ispirò la vera storia di Gesù Rispondi a: Gamala, la città che ispirò la vera storia di Gesù

#36633

Anonimo

Ciao. Per non prendere i meriti altrui dico subito che non sono nessuno200 di YouTube, anche se mi sono piaciuti molti tra i video da lui pubblicati. Penso che la libertà è più importante della verità (una volta scoperta) e che ognuno è libero di credere in ciò che vuole. Il problema con il cristianesimo però è diverso e più grave di quanto si possa immaginare, perché fin dall'inizio della loro storia hanno modificato le scritture (dunque parliamo dell'inganno e di truffa più o meno volontaria) ed hanno imposto agli altri le loro favole non-sense impedendo infine alla gente di fare domande e di compiere una Ricerca autonoma, di verificare la sostenibilià Logica, Spirituale e scientifica di quanto da loro è stato predicato per millenni dai pulpiti d'oro in forma di “dogma” (parere) infallibile.
Grazie alla loro disonestà, oggi un sincero ricercatore non può mai essere sicuro se sta leggendo documenti “originali” o semplicemente dei falsi, creati ad arte per l'uso abuso e consumo del potere.
Penso, che studiare la vera Storia, mai scritta, e studiare quella tramandata dai soliti “vincitori” imperi e dittature, ci porterebbe a considerazioni e risultati completamente diversi, probabilmente opposti. Trovo importantissimo smascherare le menzogne del clero di varie religioni, perché le informazioni che offrono al mondo sulla spiritualità, su un eventuale Dio, sulla cosiddetta “salvezza”, sui “profeti” e su ipotetici esseri extraterrestri, potrebbero essere nella maggior parte dei casi – a mio avviso – solo congetture mentali e fantasia, che poco hanno a che fare con la Verità oggettiva, quindi con la Realtà.
La fantascienza va benissimo come genere ma non dev'essere spacciata per verità assoluta intoccabile e indiscutibile. Quando le chiese tentano di indottrinare il popolo servendosi di credenze obsolete e lo Stato li aiuta pure, anche illegalmente, questo è il segnale che c'è qualcosa che non va nella struttura stessa di questo tipo di società.
Peggio ancora, quando uno Stato tenta di discriminare, censurare, cacciare via le minoranze Filosofiche, nella Paura che i sudditi si risveglino dal loro sonno; per garantire dunque una ideologia unica e politicamente corretta.
Penso inoltre che ogni essere umano è “un D i o” e parte di “D I O” (non necessariamente mistico e incomprensibile.), inteso come l'infinito, l'insieme, il Tutto – e che pertanto non ha bisogno di essere salvato, dai preti per di più. Sarebbe sufficiente informarsi, essere Giusti ed Amare per essere davvero Felici.
Come è noto da tanto tempo, i religiosi spesso si complicano la vita inutilmente rifiutando la chiave suprema: la s e m p l i c i t à. Semmai, l'uomo dovrebbe essere salvato dall'ignoranza e non dai “peccati” (che non esistono) – perciò, sono a favore della Ricerca Scientifica a 360° senza tabù, limiti né divieti. La vera Scienza, non quella ufficiale finanziata da certe multinazionali.
Trovo, ad esempio, che il bigottismo cattolico (e non solo) che opprime l'Umanità e gli innocenti, sia più pericoloso a lungo termine del cd. “terrorismo internazionale” perché spegne e distrugge la Coscienza superiore (detta “lo Spirito” dagli antichi) dell'Uomo, disattiva la sua essenza e la sua ragione di essere. Lo trasforma in un dormiente e morto-vivente, uno Zombie.
E' divertente analizzare la dottrina del clero e la Teologia che ne deriva perché alcune assurdità che propongono i professionisti dello spirito fanno da specchio a quello che loro sono, o non sono, dentro. E' ovvio che tutti coloro che tirano a indovinare, che sopravvivono immersi nell'oscurantismo e timore, nella confusione e nella insoddisfazione esistenziale, non possono ergersi a maestri e autoproclamarsi sacerdoti di questa o quella divinità immaginaria – se lo faranno non saranno più credibili.
Tuttavia, dietro il falso cristo del clero, potrebbe esistere un altro (vero) Cristo nascosto dalla Chiesa, parecchio differente e non descritto nei vangeli ufficiali, apocrifi o gnostici che siano; non menzionato nemmeno nei documenti extra-biblici.
Un altro Gesù (non sarebbe il suo vero nome) che difficilmente l'uomo della Terra potrà Conoscere in mancanza di fonti. Un Gesù non “salvatore” né “signore” dell'universo – ma fratello dell'Umanità, uno di noi. Semplicemente un uomo saggio, della quale presenza l'umanità nell'era Scientifica non ha più bisogno perché ha imparato a Riflettere con la propria testa. Il passato con i suoi errori e orrori sta lì come lezione, avvertimento e promemoria per i moderni bigotti. Non più guerre di religione tra schiavi, ma una nuova Comprensione tra Uomini liberi.