Rispondi a: La vera storia del satan o apologia del male?

Home Forum TEOLOGIA La vera storia del satan o apologia del male? Rispondi a: La vera storia del satan o apologia del male?

#36666

Nuzzi
Partecipante

Io sono convinto che la concezione di Dio che hanno gli ebrei (e che di conseguneza hanno i cattolici) è sostanzialmente una delle concezioni possibili, non per forza la vera (ammesso che di vero i nquesti termin isi possa parlare). Prima del cristianesimo, prima e in contemporanea dell'ebraismo, la concezione di Dio era sostanzialemente un'altra.
Dio è sempre stato l'entità nel quale gli opposti si fondono: Il dio è luce e ombra, guerra e pace, sazietà e fame etc. racconta Eraclito in un famoso frammento della sua opera.
In cina i taoisti hanno la stessa concezione, l'entità che cogniuga gli opposti è il tao.
I nordici riconoscevano ad esempio odino come dio della luce e delle tenebre, della poesia e della guerra, della vita e della morte.
La trimurti indiana ci ricorda come dio sia contemporaneamente il creatore, il distruttore e il conservatore dell'equilibrio.
Questa era, ed è ancora oggi, la concezione della divinità in moltissime parti del mondo.
Per gli ebrei, per i cristiani invece dio è polarizzato. E' infinitamente buono e, di conseguenza, lontano dalle idee di male. Il diavolo è quindi necessario perchè la polarizzazione abbia senso (visto che il male esiste ed è tangibile a tutti)
Ora è evidente che entrambe le visioni siano per lo più indimostrabili, resta comunque una domanda: perchè ostinarsi in una sola visione, cercando di spiegare attraverso la bibbia cose che si spiegherebbero con meno difficoltà e con più fonti citabili semplicemente considerando che gli uomini che parlano di Dio non sono solo gli ebrei o i cristiani e che, a ben vedere, la concezione di un dio polarizzato nel bene coinvolge una parte non predominate degli uomini sia oggi che in passato?
Vogliamo smettere di dare importanza a una religione che per costituzione genera differenze e giudizi e abbandonarci invece ad un'idea di dio diversa e, a mio parere, più siginificativa?