Rispondi a: Quando Dio sposò sua madre

Home Forum TEOLOGIA Quando Dio sposò sua madre Rispondi a: Quando Dio sposò sua madre

#36737

AlessandroDa
Partecipante

[quote1315249158=♫nessuno♫]
[quote1315215857=NEGUE72]
…che Dio sia perfetto lo dicono le religioni.
io dal canto mio accetto benissimo l'idea che un Dio, o fonte, o chicchessia possa essere imperfetto ed in cerca di perfezione.
[/quote1315215857]
Ho una notizia per voi – Dio non soltanto non è perfetto, non soltanto è malvagio, ma addirittura non esiste (peggio di così cosa ci poteva capitare?)!
A parte l'ironia Atea e le mezzeverità Co(s)miche… La fonte per me è perfetta in quanto la identifico non con un eventuale Dio o con un eventuale Extraterrestre (ovvero con “altro” da me stesso) ma con l'Essere che Sono, poiché ognuno è il creatore della propria Coscienza superiore l'artefice del presente\ passato che ha vissuto.
Immagina un Dio perfetto che progetta una creatura perfetta la quale essendo libera -forse per noia o per pigrizia mentale- sceglie il Male come percorso esistenziale : a nulla gli è giovato nascere perfetto ed avere come padre una entità perfetta, onniscente, onnipotente…
Adesso, immagina un Dio cattivissimo, limitato, un vero demonio, che anche lui fabbrica una SUA creatura libera e che quella creatura grazie appunto al Libero Arbitrio sceglie il Bene superando il suo capo padre-padrone in giustizia : che cosa gli importa del livello spirituale del suo creatore ? A costui basta essere Felice ed Amare l'infinito (l'Uno, il Tutto) incluso il cosiddetto “diavolo” in quanto un suo fratello. L'Uomo a differenza degli Amici Anima-li è un Essere auto-programmabile (libero) dunque nessuno può “crearlo” al di fuori di se stesso in quanto il corpo è lo strumento e l'involucro “vuoto” della coscienza, l'uomo non è il corpo ma è questo tipo di coscienza che non può essere creata dall'esterno. Io affermo categoricamente, che nessuno mai riuscirà a Clonare la Coscienza superiore di un Giusto.
C'è chi dice che l'uomo non è stato creato ma è sempre esistito.
Ciò è assolutamente vero, non c'è un primo Uomo nell'universo, però bisogna approfondire la questione. Il primo Uomo ovvero il primo Essere non esiste perché l'Uomo ovvero l'Essere è sempre esistito esattamente come l'infinito nello Spazio e l'eternità nel Tempo MA il Terrestre si trova sulla Terra grazie ANCHE all'opera dei creatori menzionati nelle scritture e nelle Mitologie dei popoli.
Un bambino, quando nasce su un qualsiasi Pianeta Vivente, all'inizio non sa adoperare la coscienza superiore in modo consapevole perché gli manca l'esperienza diretta e la conseguente Scelta, senza le quali pur avendo l'intuizione della vera Realtà non potrebbe elevarsi concretamente al di sopra del livello piuttosto basso della coscienza di base detta INFERIORE -restando, così, volenti o nolenti il solo corpo manipolato dalla mente propria e altrui (tutto è collegato) che assorbe le regole spesso molto primitive della società che lo circonda. L'uomo sviluppa, riscopre, ri-Conosce e conferma la coscienza SUPERIORE quando decide di sfruttare le potenzialità apparentemente nascoste dell'Essere che lui E', in modo costante, stabile, permanente, coerente, intelligente etc. L'unica possibilità per l'Uomo di non cadere nelle trappole del sistema è non identificarsi con il corpo nemmeno per un istante, quella sarebbe la Grande Illusione Universale (presente dappertutto, in ogni Mondo) detta Maya { [link=http://tuttoyoga.net/maya.htm] LINK [/link] }… La fonte è l'Archetipo del Bene che si trova in OGNI creatura libera – e quello è sempre perfetto indipendentemente dalle differenti interpretazioni umane. La fonte a mio avviso è perfetta perché NON dipende dai corpi (creazioni altrui) ma dalle Coscienze (creazioni proprie, autonome). Io ringrazio il creatore o i creatori non perché hanno creato il corpo -strumento -involucro (anche se lo trovo bello e funzionale come macchina Bio-Logica) ma perché creando il Corpo mi hanno permesso di ricostruire in questo luogo la Coscienza superiore originaria anticamente detta “Spirito” e “Anima”, a seconda del contesto storico e sapienziale.
Solo individualmente l'Uomo può diventare “polvere stellare che prende coscienza di se stessa”, il suo “creatore” esterno anche se volesse, se gli fosse permesso, non potrebbe aiutarlo perché nessuno può Vivere al posto di un altro quindi chi aspetta o pretende il miracolo dall'alto sta perdendo l'occasione di crescere, di capire, di comprendere chi lui E', l'Io Sono. Ogni Essere ha una identità precisa inoltre da non confondere il “corpo terrestre” schiavo dell'Errore mentale con il “Corpo Celeste” purificato da ogni contaminazione psichico -ambientale. E' ovvio che per coloro che non sono riusciti a riattivare la suddetta coscienza (superiore), dal punto di vista di quella inferiore attaccata (nell'accezione buddhista della parola) disperatamente al corpo e al concetto di “possedere oggetti” oppure denaro – la “vita” sulla Terra nei corpi di tipo ordinario sembra un inferno, non per caso ci dissero : “Lasciate i Morti seppellire i morti”, morire spiritualmente è una condizione infernale perciò i Filosofi hanno insistito sulla questione Coscienza, perché hanno Saputo che l'uomo privo di “Essere” è un robot senza valore in quanto si autodemonizza e maledice il mondo che lo ospita perché è diviso dentro quindi “deve” obbedire agli ordini del potere, ai suoi carcerieri fittizi, immaginari, alle proprie maschere sociali perbene. Il DNA fine a se stesso non ha alcun significato ma il Corpo non è stato ideato per restare corpo.
Se vogliamo parlare per paradossi un “corpo creato”, con coscienza superiore disattivata esiste ma è “Morto” mentre la coscienza superiore senza il corpo creato è Vivente ma NON ESISTE, essendo solo fantasticheria, un abbaglio dei mistici. Le false religioni parlano di “un dio perfetto” e di “un uomo peccatore”, la verità è che la perfezione e l'imperfezione le troviamo entrambe sia nei maestri che allievi, nei creatori e creature, è naturale perché sono elementi inseparabili (è dagli errori e le difficoltà che si impara di più, non certo dai successi e dai regali di qualcuno) conta soltanto la buona fede e la Volontà di progredire. La “perfezione assoluta” è un “mito” (fiction) giudeo-cattolico, un non-sense anti-Scientifico, una invenzione dei sacerdoti del Nulla; ogni Coscienza può scegliere se elevarsi o abbassarsi perché nessuno nasce perfetto TUTTAVIA può tendere alla “perfezione relativa”, ovverossia, può dare il massimo di se stesso. L'Uomo è molto più Dio del “Dio” (Uomo) biblico interpretato senza il discernimento spirituale dunque distorcendo l'accaduto, dentro e fuori.
[/quote1315249158]

potresati andare oltre in quanto l'energia che muove il tuo corpo non si differenzia in nulla da quella delle energie di altre specie viventi magari completamnte diverse in altri pianeti, pensa che gli animali hanno addirittura un senso piu di noi e quindi sono in grado di avvertire terremoti o morti a distanza, loro sono piu connessi dall'entaglement quantistico con percezioni che noi non abbiamo, un cane o gatto ad esempio pensa ed ha emozioni come noi, solo che loro pensano piu per associazioni di immagini, ma alla fine anche loro qui sono condizionati dai bit d'informazioni che ricevono