Rispondi a: Che cos'è la Gravità ?

Home Forum TEOLOGIA Che cos'è la Gravità ? Rispondi a: Che cos'è la Gravità ?

#36981
Richard
Richard
Amministratore del forum

riassumerei …c'è un rapporto “di flusso” tra i nuclei… :bay:

http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.574

4.3 FORZA CENTRIFUGA E CENTRIPETA

Nello specifico, l'inerzia è la forza che vedete in uso nei film di science fiction quando una stazione spaziale ruota costantemente per creare gravità artificiale. Grazie al potere dell'inerzia, la rotazione di ogni oggetto causerà la formazione di forza centrifuga, quella che vi permette di far ruotare un secchio d'acqua attorno alla vostra testa senza farla uscire.
La forza centrifuga spingerà lontano dal centro ogni oggetto in rotazione, mentre la forza centripeta viene creata quando la forza preme verso il centro di un dato oggetto o area. La forza centripeta si vede al centro di un mulinello, dove tutta la forza preme verso il centro…

..Questo significa che se avete un dato oggetto, sia la gravità e l'inerzia esercitano la stessa quantità di forza sugli oggetti. Einstein lo scoprì e vi si riferì come “Principio di Equivalenza”. Per noi significa che:

In qualche modo, le forze di gravità e inerzia sono sposate, come se fossero una stessa cosa.

..Ricordate che all'inizio di questo capitolo, suggeriamo che la gravità non sia una azione di “aspirazione” proveniente da ogni dato oggetto, ma piuttosto il principio con cui tutta la materia nell'Universo cerca il Centro o l'Unità.
La filosofia di base afferma che l'intero Universo è un essere che evolve costantemente e la gravità un altro modo in cui questo essere sta crescendo; si sforza costantemente di riconnettersi, di raccogliersi nel Centro, di tornare ancora all'Unità…
Come abbiamo detto nel Capitolo Due, il Dr.Hal Puthoff ha suggerito che tutte le parti di un atomo necessiterebbero di “energia di punto zero” per sostenere l'esistenza dell'atomo. Dato che tutti gli oggetti nel nostro Universo sono fatti di atomi e molecole:

Tutti gli oggetti nel nostro Universo, non importa la dimensione, attingono costantemente dall'energia eterica per sostenere la propria esistenza.

..MASSA CELESTE COME “LAVANDINO ETERICO”

Basandoci sul concetto che abbiamo descritto in precedenza, ogni oggetto materiale nell'Universo, come la Terra, diviene simile ad un “lavandino eterico”, dove l'energia dell'etere fluisce in esso costantemente ed equamente da tutte le direzioni. ..

Nel libro di Richard Pasichnyk “The Vital Vastness”, descrive esperimenti che hanno provato che se trivellate oltre i 2700km nella superficie della Terra, si raggiunge un limite in cui la forza di gravità della Terra improvvisamente inizia a decrescere rapidamente…e nel tempo in cui arrivereste nel centro, teoricamente non trovereste forza gravitazionale.
Questo è dovuto al fatto che quando la forza di gravità arriva al centro, una parte di essa si allontana dal centro e contrasta la forza di gravità. La profondità di 2700km è il punto in cui questo flusso verso l'esterno viene neutralizzato. Nelle miniere in profondità e nei baratri, la forza di gravità è misurabile diversamente.

Più tardi in questo libro, scopriremo che l'evidenza dall'osservazione, ottenuta dal Polo Sud durante giorni di luce di 24 ore nel solstizio invernale, ha provato che la superficie del Sole mostra movimenti verso l'interno e l'esterno in modo ritmico, come suggerisce questo modello!
Sia il modello di Einstein che quello di Newton non possono spiegare questo movimento, che fa sembrare il Sole una forma di coscienza e di vita.

Tutti gli oggetti nel nostro Universo, di qualsiasi dimensione, aspirano costantemente energia eterica per sostenere la propria esistenza. Senza questo flusso di energia, emetterebbero calore e si dissolverebbero nuovamente in etere. Più è grande un oggetto e più etere fluirà in esso. Questo crea una forza sugli altri oggetti, dato che l'etere entra anche in essi. Il movimento “respiratorio” del Sole mostra questo flusso di energia in azione

The idea that stars might have ‘minds’ of some sort was speculated on by J. B. S. Haldane in the 1930s: “It is not inconceivable that in such [stellar] systems resonance phenomena of the complexity of life and mind might occur. … t is conceivable that the interior of stars may shelter minds vastly superior to our own, though presumably incapable of communication with us.” (1934: 97). But he was far from the first; Plato, Aristotle, and several of the ancient Greeks argued that stars were ensouled.
http://www.quantumconsciousness.org/consciousconnection.htm

http://www.starlarvae.org/Star_Larvae_The_Physics_of_Subjectivity.html
Quantum Gravity and the Physics of Consciousness

Applied to the quantum tunneling of protons inside stars, the Penrose-Hameroff model provides a theoretical foundation for stellar consciousness. Considering the mass of a proton relative to that of an electron, a difference of more than 1000 to 1, and the number of protons available to participate in objective reduction inside stars, a (highly speculative) basis exists to suggest not only that stars might be conscious, but that they are superconscious. Stellar consciousness is a candidate for the sentience ascribed to the various grades of angels and religion's other astral entities.