Rispondi a: Aborto: una testimonianza da far tremare i polsi

Home Forum TEOLOGIA Aborto: una testimonianza da far tremare i polsi Rispondi a: Aborto: una testimonianza da far tremare i polsi

#37144
InneresAuge
InneresAuge
Partecipante

[quote1331755055=Kame1]
Stavo dicendo, poco sopra che questi avvenimenti accadono a chi è morto in vita e con questo indicavo il dottore e la madre che si è sottoposta all'aborto. Se quindi, si parla di persone spiritualmente morte è del tutto normale che mettano in atto delle tecniche per far morire la vita stessa, non capendo di cosa si tratti.
[/quote1331755055]
Avevo frainteso. In effetti, dopo aver postato, ho intuito la tua spiegazione 🙂
Probabilmente è vero.

[quote1331755111=Kame1]
No, non credo, il male in questo caso è scegliere di abortire e chi lo attua è chiaro che non fa parte della vita. Il Bene fa parte del Buono e del Vero, il Male fa parte del Nulla, del Cattivo e del Falso. Non saranno mai assimilabili, nella nostra dimensione sono opponibile per dare l'opportunità a tutti di scegliere il Bene e come contraltare ci deve essere anche la libertà di rifiutarlo, che comunemente chiamiamo Male. Il rifiuto del Bene in questo caso avrebbe dato luogo all'aborto. Qui stiamo parlando di Male allo stato puro, più o meno attenutato dalle circostanza ma sempre di Male si parla. Confondere le due cose non è un sintomo buono.
[/quote1331755111]
Anch'io la penso come te e sto cercando di capire però se mi sbaglio.
Però l'amore non è assimilabile all'aborto, al male nelle più varie forme etc.
Se il principio Divino, è di Amore e Giustizia, e tutto il resto è la conseguenza del libero arbitrio, lo spirito/persona nella scelta genera male/nulla/separazione quando si è sul sentiero sbagliato. Talvolta le scelte di odio, male o separazione ricadono su altre persone… Forse, talvolta, le due componenti sono entrambe presenti, ma per nulla assimilabili.


Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
- Franco Battiato