Rispondi a: la morte!

Home Forum TEOLOGIA la morte! Rispondi a: la morte!

#37269
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1355471008=civile]
[quote1355390241=InneresAuge]
Semplicemente smettiamo di esistere? :o(
[/quote1355390241]

esatto!é talmente semplice la morte che nessuno la vuole accettare,ecco perche sono nate le religioni,la morte é per tutti,tutti si disperderanno in prodotti chimici che la terra riutilizzerà.Nascondere a se stessi l'evidenza della fine é umano,si ha bisogno di creare mondi fantastici dove poter sognare una realtà meno dolorosa,ma cosa ce di doloroso nella morte?assolutamente niente,i sensi non esistono più,nessuna sensazione del tempo.I bambini tanto prima o poi capiranno,spcie quelli di oggi e rideranno delle favole degli adulti.
[/quote1355471008]
scusa ma resta ancora in discussione e non è ancora dimostrata la non sopravvivenza della coscienza dopo la morte o se sia il cervello la fonte della coscienza..se studi seriamente l'argomento vedrai che ci sono buonissime ragioni per porsi ancora domande
per chi se le pone..non è che per i danni delle religioni non possiamo piu porci queste domande e fare certe ricerche..soprattutto se nascono da un sentire, una percezione interiore…o da una necessità pratica http://www.lescienze.it/news/2011/11/10/news/coma_stato_vegetativo_coscienza-652514/

http://spaziomente.wordpress.com/2009/09/30/puo-il-cervello-ospitare-fenomeni-quantistici-di-silvia-salese/
Qual è la natura della coscienza? Come fanno i contatti neurali a dare origine a pensieri e sentimenti? Molteplici sono i punti di vista, e molto attuale è il dibattito in corso tra filosofi, neuroscienziati, psicologi e fisici delle due principali posizioni sull’argomento: da una parte l’approccio funzionalista, che considera l’esperienza conscia come una proprietà che emerge ad un livello critico della complessità computazionale (è il caso dei riduzionisti, materialisti, funzionalisti, tanto per denominare alcune correnti del caso), dall’altro quello fondamentalista, che al contrario ritiene ingrediente necessario per l’emergere della coscienza un fattore protoconscio intrinseco alla realtà stessa, una sorta di elemento non fisico comprensibile, forse, attraverso la fisica moderna.

http://www.coscienza.org/CERVELLO_SUPERFLUO.html
Il cervello è davvero necessario? La ragione di questa domanda apparentemente assurda si collega ad un’importante ricerca condotta dal neurologo prof. John Lorber dell’Università di Sheffield.

Quando un medico della Sheffield si trovò ad avere in cura uno studente di matematica per una malattia non grave, notò che la testa di quest’ultimo era leggermente più larga del normale. Riferì il fatto al Dott. Lorber per sottoporlo ad ulteriori esami.

Lo studente era accademicamente brillante, con un quoziente d’intelligenza (IQ) pari a 126 e si stava per laureare. Tuttavia una volta esaminato con il CAT-scan, Lorber scoprì che lo studente non aveva “virtualmente” alcun cervello.

http://www.ildiogene.it/EncyPages/Ency=Eccles.html
http://libreriarizzoli.corriere.it/Mente-cervello-e-coscienza.-Il-vicolo-cieco-del-materialismo-nel-pensiero-di-Sir-John-Eccles/tDisEWcVjjUAAAEqooxoyQRQ/pc?CatalogCategoryID=85SsEWcW0tUAAAEp.nAfmqGA

http://books.google.it/books?id=yH-yYc86TXQC&pg=PA242&dq=cervello+mente+coscienza&hl=it&sa=X&ei=GuPKUJCnEqX74QTRsIGwDg&ved=0CGoQ6AEwCTgK#v=onepage&q=cervello%20mente%20coscienza&f=false

http://books.google.it/books?id=tanB32lQdlEC&pg=PA94&dq=cervello+mente+coscienza&hl=it&sa=X&ei=GuPKUJCnEqX74QTRsIGwDg&ved=0CEYQ6AEwAzgK#v=onepage&q=cervello%20mente%20coscienza&f=false

http://books.google.it/books?id=5uLXVs0NnnkC&pg=PA58&dq=cervello+mente+coscienza&hl=it&sa=X&ei=_t_KUMKeDPD34QTdkYDQBg&ved=0CEYQ6AEwAw#v=onepage&q=cervello%20mente%20coscienza&f=false

http://xoomer.virgilio.it/fedeescienza/discusitnf.html

I bambini stessi ci spingono a porci certe domande

Il Direttore della Clinica Psichiatrica infantile
alla Virginia University:
“Moltissimi i casi accertati. Un fenomeno
presente solo tra i 2 e i 6 anni”.
http://www.literary.it/dati/literary/sgaravatti/gli_scienziati_studiano_i_bimbi.html