Rispondi a: la meditazione funziona?

Home Forum SPIRITO la meditazione funziona? Rispondi a: la meditazione funziona?

#37685

Omega
Partecipante

[color=#cc99ff]Altair scrisse:
Chi ti scrive considera l'umiltà il bene più prezioso, sia perché non ho ancora imparato a praticarla, sia perché mi commuovo sempre quelle poche volte che mi capita di incontrarla.[/color]

Ok. A mio avviso però se non si mette in pratica l'umiltà non ha senso invocarla; la si comprende solo praticandola quotidianamente. Le teorizzazioni secondo me portano fuori strada, si perde addirittura il significato delle parole e nasce l'incomprensione.

[color=#cc66ff]Ti consiglio di rileggere gli interventi di Omega cercando di cogliere le sfumature, leggendo fra le righe, difficilmente troverai l'umiltà della quale parli. Chi in un forum, dichiara, in tutta tranquillità, di poter passare, addirittura divertendosi, attraverso discipline che altri hanno impiegato una vita a coltivare, sostenendo di poterlo fare perché giunto in cima alla Piramide della Chiara Visione, non solo è lontanissimo dall'umiltà[/color]

L'Umiltà = Capacità di accettarsi per quello che si è. Se uno è un bravo medico, l'umiltà significa non credersi un bravo fisico (a meno che non si è entrambe le cose), un bravo fisico non dovrebbe credersi un bravo medico etc.. Se uno risulta Esperto in qualche campo dello scibile Umano dovrebbe ammetterlo tranquillamente senza timori né paura – se per caso viene domandato su questo argomento (senza vantarsi ma dicendo semplicemente verità rispondendo al quesito posto). Mentre al contrario, se è un Principiante, dovrebbe accettare lo status, i diritti doveri e privilegi del principiante senza dirsi quello che non si è. L'umiltà è affermare sia pubblicamente che Interiormente come stanno le cose, il che significa non mentire. Se (io) affermassi di non essere un Esperto nello specifico campo della Spiritualità umana quello sarebbe un mentire, un inganno, una mistificazione. Se nascondessi quello che sono permetterei ai principianti di coprire l'essenza della Natura Umana con le loro congetture mentali. Tutti hanno il diritto ad una Opinione e Posizione precisa, ma considera che il fatto di dire la verità non è un diritto e un dovere dei soli principianti; anche gli Esperti hanno uguali diritti e doveri dei principianti- e questo in ogni materia. Di conseguenza, se un Esperto negasse la propria Conoscenza che deriva dall'Esperienza diretta e molte verifiche incrociate ed indipendenti, mentirebbe al prossimo al Cielo ed a se stesso. Un Esperto Umile è colui che accetta la verità sul suo Essere al 100% nello stesso modo come un principiante per essere umile dovrebbe accettare volentieri, al 100% il proprio stato di principiante. Mancanza di umiltà vuol dire credersi diverso da ciò che REALMENTE si è. L'Umiltà non c'è quando uno pretende di Essere o avere qualcosa che ancora non ha raggiunto né mai avuto (poiché in questo modo sta insegnando il falso al suo prossimo). L'umiltà non viene a mancare dal momento che una persona pur conoscendo i propri limiti non vuole apparire superiore a quello che è. Ogni divergenza tra la realtà del nostro essere ed il nostro Verbo scritto o parlato si chiama 'mancanza di umiltà'. Quando c'è corrispondenza tra esse – non c'è mancanza di umiltà. Scusa per la lunghezza della risposta ma secondo me è importante comprendere la definizione corretta della parola 'umiltà'.

[color=#cc99ff], ma fa anche una pessima figura considerando fra l'altro che si tratta di un redattore del sito dove il forum è ospitato.[/color]

Secondo me la Verità va sempre detta anche quando è scomoda ed anche quando un tuo fratello ritiene che dicendo la verità si fa pessima figura. Se il Cristo ascoltava i suoi nemici non avrebbe predicato l'Amore Incondizionato nei confronti del Nemico (vero o immaginario) e l'Umanità avrebbe perduto un'occasione Importante di crescita Spirituale. Io non ascolto mai ciò che pensa colui che non mi comprende anche se dovesse lodarmi, mentre ascolto sempre colui che mi comprende anche se dovesse criticarmi duramente. Per me conta la reale Conoscenza dell'oggetto analizzato. Poiché.. per valutare qualsiasi cosa, occorre Conoscere e Comprendere quella determinata cosa; altrimenti si resta nell'ambito delle chiacchiere, 'supposizioni mentali' senza fondamenta né prove.