Rispondi a: Vita dopo la morte

Home Forum SPIRITO Vita dopo la morte Rispondi a: Vita dopo la morte

#38366
Richard
Richard
Amministratore del forum

http://www.federica.unina.it/lettere-e-filosofia/filosofia-della-mente/problema-coscienza-2/
La coscienza occupa oggi un posto centrale nell’ambito delle scienze cognitive, dopo essere stata marginalizzata dall’influenza del comportamentismo, nato contro ogni forma di introspezione prevalente nella psicologia di fine Ottocento.
Il modello comportamentista privilegiava un metodo di ricerca rivolto al comportamento manifesto dei soggetti osservati nelle loro azioni, senza considerare i processi mentali che stanno dietro il comportamento dell’individuo, perché non ritenuti oggetto di osservazione. La mente era come una scatola nera, conoscibile solo attraverso le sue espressioni esterne. Presupposto del comportamentismo era di considerare l’individuo per quello che appariva.
Il modello cognitivista considera non tanto il comportamento manifesto dell’individuo, quanto l’attività dell’organismo regolata dal funzionamento dei processi mentali. Comune denominatore dei modelli cognitivisti è l’ipotesi che la mente possa essere indagata attraverso lo studio dei processi elaborativi delle unità o componenti che ne regolano il funzionamento

http://www.sicap.it/merciai/psicosomatica/students/puzzle-t.htm
L’esperienza conscia è contemporaneamente la cosa più familiare al mondo e la cosa più misteriosa. Non c’è niente che conosciamo in modo più diretto della coscienza, ma è straordinariamente difficile conciliare essa con tutto il resto delle nostre conoscenze. Perché esiste? Che cosa fa? Com’è possibile che essa sorga dai processi neurali del cervello? Queste domande figurano tra quelle più intriganti di tutta la scienza.

http://translate.google.it/translate?sl=en&tl=it&js=n&prev=_t&hl=it&ie=UTF-8&eotf=1&u=http%3A%2F%2Fen.wikipedia.org%2Fwiki%2FHard_problem_of_consciousness