Rispondi a: La Ricerca Interiore

Home Forum SPIRITO La Ricerca Interiore Rispondi a: La Ricerca Interiore

#39828
farfalla5
farfalla5
Partecipante

[quote1360939975=Xeno]
Esatto Pri

Hai centrato quello che avevo scritto.

Mi raccomando non bisogna subito e di botto volerlo fare in continuazione;alcuni si ritagliano degli spazi nella giornata,altri in diversi momenti più volte nella giornata,ogniuno decide insomma come meglio gli confà.L'importante che diventi una prassi nella propria vita.
Il fatto di sentire la propria Presenza mentre si vive, diventerà una cosa di vitale importanza.

Ora ti do una buona notizia:
questi momenti di presenza sono cumulativi.Ossia anche se a volte dimentichiamo di farlo,tutte le volte che lo si fa, riparte il Lavoro ossia niente viene perso.E' un processo non facile spiegare…ma è illustrato bene nel libro la macchina biologica umana di E J. Gold
Più avanti nel tempo potrai se ti và,scrivere cosa “vedono” in certi momenti i tuoi occhi non fisici ma mentali.
A volte ti capiterà di “vedere”delle cose che non ti piaceranno(benvenuta nella tua desertica realtà)ma è un indicatore o segnale che sei nella giusta direzione.

Non preoccuparti: capirò di cosa stai parlando o meglio lo sentirò.

Ciao Prixina
[/quote1360939975]
Non ho seguito tutta la discussione ma capisco di cosa parlate. Mi viene ora in questo momento da dire che la famosa via di mezzo è un percorso più naturale che c'è nella natura. E così dovremo fare anche noi . Sto lavorando ora sul personaggio austriaco, scopritore della teoria di implosione, Viktor Schauber. Direte che centra lui con la ricerca interiore…si, centra molto. Vi faccio un esempio. Lui ha capito, osservando il moto ondulatorio dell'acqua, che la maggior forza di attrito e dove si crea più energia e ai lati del fiume, mentre al suo centro avviene tutto, l'ossigenazione e la purificazione dell'acqua. Se non vuoi che l'acqua esca dai margini, metti dentro le pietre, diminuiranno la forza del sua espansione.
Sono andata troppo ot?


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.