Rispondi a: La Ricerca Interiore

Home Forum SPIRITO La Ricerca Interiore Rispondi a: La Ricerca Interiore

#39854
prixi
prixi
Amministratore del forum

[quote1361800138=Nuzzi]

Ti abbraccio ancora prima di cominciare, e ringrazio tutti perchè condividere delle sensazioni (anche se solo a parole), è una meraviglia fra le meraviglie.

Le idee sono opinioni, le opinioni derivano da credenze e nelle credenze meglio metterci i piatti e i bicchieri.
Vedi in sientesi il messaggio è semplice. E non voglio stare a sindacare di quel sia la sintesi del messaggio di Brizzi, ti potrei postare decine di suoi video in cui inanella una stupidaggine dietro l'altra. Ma non è questo il punto.
Il punto è che “le idee che risuonano in te” non vuol dire niente. Perchè tu dentro “sei vuota”.
E il termine “risuonare” presuppone che l'idea che entra vada in risonanza con un'altra che è già radicata.
E' il meccanismo della pubblicità.
Obbligo la tua mente ad accettare un'idea, e poi, quando questa si è radicata, allora ti espongo a nuovi stimoli che entrano in risonanza con la prima idea… e tu penserai che quegli stimoli sono “tuoi bisogni” perchè li sentirai risuonare dentro di te. Ma è una truffa!
Non so se mi riesco a spiegare bene, faccio un esempio: se mi convincono che l'arancione è il colore più bello (perchè ad esempio è associato ai monaci tibetani -ok l'esempio fa schifo, ma sono le 4 del mattino, abbiate pietà-) allora tu tenderai a considerare la Wind (che usa l'arancione) come una compagnia telefonica che “risuona in te”. Poi magari non sceglierai Wind perchè i suoi piani tariffari non ti convincono abbastanza o perchè nella tua zona il segnale non prende bene, ma intanto quella compagnia è partita “in vantaggio” rispetto alle altre. Nel mondo si spendono trigliardi di dobloni d'oro per far attecchire le nuove idee, perchè quello è il modo per “vendere” poi i vari “prodotti”.
Anche la “spiritualità moderna” funziona in quel modo: ad esempio pigliano due fisici “affaristi”, gli fanno dire che “scientificamente” il pensiero che fai genera la tua realtà, e poi ti vendono il lbro “the secret”. E quando ti accorgi che le cose non stanno proprio così (perchè il meccanismo infallibile poi non funziona) ti dicono che “non fuoniona perchè non ci credi abbastanza (quindi la colpa non è mai del metodo, la colpa è sempre tua)”. E mentre tu ti colpevolizzi, loro ti seviziano il cervello con un'altra idea e il gioco ricomincia.

Ci sono cascato dentro un sacco di volte, e ci casco dentro tutt'ora, perchè le forze in gioco sono enormi e te le devi gestire tutte da solo, e non è semplice.
Occhio.
[/quote1361800138]

:salu: …che dire Nuzzi, nonostante le 4 del mattino ti sei spiegato benissimo e ti ringrazio sinceramente

l'esempio del colore/compagnia telefonica è estremamente calzante
conosco molto bene questa “strategia di comunicazione”… diversi anni fà, e per molto tempo, era questo ciò di cui mi occupavo per lavoro.

Studiavo e creavo le ambientazioni/esposizioni di prodotti a fini commerciali.

Non era, come molti credono, un lavoro creativo fine a sè stesso.

Si doveva più che altro, creare una “suggestione”, qualcosa che portasse gli ignari osservatori a desiderare di possedere quei prodotti.

La scenografia, la struttura espositiva, i colori, la luce, fino al più insignificante dettaglio, dovevano evocare, o meglio dire, dovevano suscitare un fittizzio ma potente “bisogno”.

Quel che è ancora più sconcertante, è che questa cosa (apparentemente rivolta al solo consumatore finale) in realtà aveva una duplice funzione … poichè da freeland quale ero, doveva avere il “potere” di convincere anche il rivenditore (che era il mio cliente) … ed è probabile che io abbia applicato bene queste “tecniche” poichè ho svolto la mia professione per più di 20 anni, incrementando guadagni e numero di clienti in modo esponenziale.

Nel raccontarti questo, ritornando all'argomento del topic, non ho la benchè minima presunzione di considerarmi totalmente immune ai condizionamenti che si insinuano in questa era di “spiritualità commerciale” … perchè sono certa che, se l'approccio è di tipo mentale (ideee contrapposte ad altre idee) nessuno di noi, neppure il più scaltro, lo è.

Ma credo (ed anche qui contemplo un margine di errore) che in questo mare di informazioni, una sorta di “antidoto” ci sia e a disposizione di tutti …

Purtroppo è una parola estremamente inflazionata, al punto da risultare banale … ed essere inghiottita anch'essa da elucubrazioni mentali … “il cuore”… l'intelligenza del cuore.
Che non sono le emozioni …
E' quello che tu indichi come l'assenza di idee e preconcetti … la nuda essenza.
Su questo concordo con te completamente.

Il punto è : come riconoscerlo?

Da questa domanda è nato il mio interesse a valutare ciò che altri propongono … “svolazzando” senza essere seguace, da Krishnamurti a Tolle, da Osho a Brizzi, da Buddha a Castaneda, da Zeland a Rocco Bruno …etc

Non sono importanti i personaggi, nè le parole o le tecniche che propongono … ma riconoscere attraverso la mia personale esperienza di vita, punti in comune … quei punti, ai quali non avevo dato importanza, non avevo colto, come “segnali dell'esistenza della mia essenza”

Un esempio: le diapositive di Zeland

E' accaduto proprio cosi, per me, un'infinità di volte
Ero convinta (dentro di me, non nella testa) che avrei fatto una determinata cosa … tutto sembrava contro e… invece no. Lo sapevo, lo sentivo, ed è accaduto.

Oppure Osho : L'arte della Fiducia

Funziona proprio cosi …. se sinceramente, realmente, hai bisogno … arriva … anche dalle persone e/o situazioni più improbabili.

… e potrei andare avanti per ore.

Perciò quello che è utile per me, è trovare un riscontro in qualcosa che ho già vissuto … e comprendere attraverso questo, “cosa” si stava manifestando (ecco cosa intendo per “quello che risuona”).

Quindi per lo più è un processo contrario al seguire insegnamenti.

Se qualche volta ritengo interessante sperimentare ex-novo qualcosa di ciò che propongono, lo ritengo “un gioco”, non una dottrina.

Siamo qui per sperimentare … e forse, e sottolineo forse, a qualcosa anche questo servirà.

Quello che è chiaro, per me, è che l'obbiettivo deve essere la mia serenità e la serenità di chi mi circonda.

:amicil:


"Il cuore è la luce di questo mondo.
Non coprirlo con la tua mente."

(Mooji - Monte Sahaja 2015)