Rispondi a: Amore Incondizionato e Spiritualità

Home Forum SPIRITO Amore Incondizionato e Spiritualità Rispondi a: Amore Incondizionato e Spiritualità

#40599

mudilas
Partecipante

[quote1225640390=Richard]
Ho voluto aprire questo topic non perché abbia davvero qualcosa in più da dire, ma per sentire un po' tutti noi.
Trovo che questi due concetti siano incredibilmente inflazionati.
Non ricordo in quale libro trovai una bella definizione di Spiritualità, che spesso entra in contrasto con altri due concetti umani quali “morale” e “etica”.
D'accordo che poi uno nella sua testa si “costruisce” un mondo tutto suo, ma, al momento attuale, mi è difficile immaginare l'uomo spirituale così come ce lo immaginiamo o, al limite, come lo immagino io.
La difficoltà primaria sta, secondo me, perché siamo esseri corporei.
Ora, un giorno potremmo non esserlo più o possiamo immaginare che altri esseri nell'universo infinito non lo siano, ma trovo che al momento siamo tali ed è con questa corporeità che dobbiamo fare i conti.

——–
Si, ma possiamo apprendere, comprendere come spostarci dai soli valori materiali a quelli spirituali, per questo però oltre ad un impulso di ricerca interiore, servirebbe una migliore e piu' aperta informazione, questo a mio parere si sta aprendo sempre di più in occidente, mentre in oriente si devono equilibrare nell'altro senso, è un processo graduale della coscienza dell'intera umanità.
——–

Questo sogno agognante dell'essere solo spirito non mi attira, e credo non mi attiri perché possiedo un corpo. Non so immaginarmi senza di esso e, dal mio punto di vista, immaginarmi diversamente è “peccato”.
Tra l'altro, esistendo anche gli spiriti “cattivi” l'essere spirituale in quanto tale non mi sembra una prerogativa di un'essere migliore.

———-

chiaramente, non ti saresti incarnato in un corpo se non ti servisse un'esperienza materiale
oppure possiamo semplicemente dire che essendo nella materia è normale non sentire il desiderio, in media, di essere solo spirituale, parliamo di equilibri.
Il concetto va compreso in modo equilibrato e non estremizzato.

———-

Tornando un'attimo indietro, spesso facciamo combaciare le doti spirituali “buone” con le doti morali e/o etiche.
Ma morale ed etica sono nostri costrutti, come possiamo immaginare che i “nostri costrutti” siano quelli che permeano tutto l'Universo? Questa è l'ennesima prova di arroganza umana.
Tant'è che immaginiamo gli ET buoni o cattivi esattamente come immagineremmo il nostro vicino di casa.

———–

l'etica è una logica diciamo , con la quale applicare i valori spirituali elevati, anche in ambito spirituale credo che possiamo parlare di livelli spirituali bassi o alti, distruttivi o costruttivi, egoistici o generosi, non so se mi spiego, comunque dobbiamo sempre cercare un equilibrio, questi concetti sono relativi.

Il Col.Corso ha raccontato di aver discusso 1 ora con un ET di sembianze umane e quando gli ha chiesto “amico o nemico?”, questo rispose “nessuno dei due”…

Come dice Ra nella Legge dell'Uno, mi piace la spiegazione, evolvendo di livello in livello, si lavora su una emozione/vibrazione diversa, ora abbiamo lavorato sul chakra del potere, poi passeremmo a quello dell'amore/cuore, poi si arriverà a quello della saggezza e così via..perchè amore incondizionato senza saggezza non è buona cosa..

————-

L'altro concetto su cui vorrei esprimere un concetto (sperando che tutti vogliano dire la loro) è l'Amore Incondizionato.
Io, per principio, non credo alla Filantropia. Anzi la Filantropia è, per principio, inattuabile.
L'Amore Incondizionato è, dal mio punto di vista, umanamente inattuabile, tant'è che nelle varie versioni di D-o che diamo Egli ha sempre qualche caratteristica umana. Insomma, D-o è, al meglio che possiamo pensare, una versione non terrena del caro Flanders dei Simpson.
Ma cosa è l'Amore Incondizionato? E' quella facoltà per cui si ama senza richiedere nulla indietro?
Mi fate un solo esempio di umano che h fatto qualcosa per qualcun altro senza avere nulla indietro?
Mi spiego: se io do a te e tu non dai nulla a me, questo è un esempio?
Se io mi sacrifico per te e non te lo dico e non rivendico nulla è un esempio?
E se io traggo piacere nel far tutto questo, è ancora valido l'esempio?

————-

Perfetto, è una questione di scambio, di flusso che deve circolare e non implodere

————–

Dal mio punto di vista l'Amore Incondizionato è un'altra di quelle costruzioni fatte apposta per schiavizzare l'uomo.
Il che non vuol dire “fregarsene” del prossimo.
Quello che contesto (come già feci a suo tempo con l'articolo sulla Legge di Attrazione) è la costruzione di concetti così elevati da essere chimere costruite apposta.
Tant'è che nella maggior parte degli umani neanche D-o ne riesce ad essere capace. In un modo o nell'altro, in maniere brusche o dolci e così via, D-o chiede SEMPRE qualcosa in cambio.
Non perché Lui sia così, ma perché gli umani hanno “costruito” un D-o così.

Ok, sono argomenti difficili ed ho tentato di scriverli in poche righe, voi, cosa ne pensate?

[/quote1225640390]
penso che dipenda da una sola e difficilissima scelta, che comporta numerose rinunce che gli dei dell'uomo dualistici, egli umani dunque, forse non abbiano ancora e mai preso fino ad adesso.
per me è l'unica possibile salvezza.
loves your enemy!