Rispondi a: Gli Esseni, i Rotoli del Mar Morto, la loro vita.

Home Forum SPIRITO Gli Esseni, i Rotoli del Mar Morto, la loro vita. Rispondi a: Gli Esseni, i Rotoli del Mar Morto, la loro vita.

#41301
Richard
Richard
Amministratore del forum

pubblico qua questi particolari che ho faticato a trovare in italiano

Nella Bibbia ci sono: 1° NUMERI-BASE PRIMITIVI; 2° NUMERI COSMICI; 3° NUMERI UNIVERSALI.

l) I NUMERI BASE-PRIMITIVI
Sono quelli che si contano sulla punta delle dita, ad esempio il 10. Il 10 rappresenta una conclusione nel contare, quindi è un numero completo.
Il 10 significa CONCLUSIONE, QUALCOSA DI CHIUSO E DI COMPLETO. Così ad es. le liste dei patriarchi prima e dopo il diluvio sono composte da 10 nomi (Gen.4:17-24; 5:3-32; 11:10-26).
10 sono i Comandamenti di Dio.
10 volte in Genesi sta scritto: “E DIO DISSE” (Gen.1:3,6,9,11,14,20,24,26,29 e 2:18).
Il 10×10=100 indica la pienezza moltiplicata per se stessa = la pienezza e l’abbondanza della benedizione divina: così in Gen.21:5 Abramo aveva 100 anni, quando gli nacque Isacco, il figlio della promessa e della benedizione divina.
110 = 10×10+10 è l’età della vita pienamente matura: Giuseppe morì a 110 anni (Gen.50:26) e Giosuè anche lui a 110 anni (Gios.24:29).

Il numero Tre rappresenta la Trinità ed indica la perfezione.
Nel libro dei Numeri troviamo la triplice benedizione:
“L'Eterno ti benedica e ti custodisca!
L'Eterno faccia risplendere il suo volto su di te e ti sia propizio! –
L'Eterno rivolga il suo volto su di te e ti dia la pace!”. – Numeri 6:24-26
Inoltre il tre esprime l'enfasi:
L'uno gridava all'altro e diceva: «Santo, santo, santo è l'Eterno degli eserciti. Tutta la terra è piena della sua gloria». – Isaia 6:3
La formula del battesimo e la benedizione Apostolica sono trinitarie:
Andate dunque, e fate discepoli di tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, – Matteo 28:19
· La grazia del Signore Gesù Cristo, l'amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi. Amen. – 2Corinzi 13:13

2) I NUMERI COSMICI
Sono quelli inscritti nei fenomeni naturali, scritti da Dio nel ritmo del tempo e dello spazio, che si riciclano continuamente.
Così 7 sono i giorni della settimana, 7 sono i colori dell’arcobaleno, 7 le aperture del nostro cranio, 7 le note della musica ecc.
Ma 7 è il numero della santità, perché “DIO BENEDISSE ILSETTIMO GIORNO E LO CONSACRO’ (=separò, santificò) (Gen.2:3). Per 7 volte dopo ogni opera creata Dio dice che è “BUONA” (Ge.1:4,10,12,18,21,25,31).
7 sono i bracci del candelabro d’oro (Num.8:2).
Henoc è il settimo dei patriarchi, è santo e viene rapito da Dio, perché “CAMMINO’ CON DIO” (Gen.5:24).
777 (tre volte il numero 7=molto santo) sono gli anni della vita di Lamech (Gen.5:31).
Il numero 7 lo troviamo nella vita di Giacobbe (Gen.47:28): egli aveva 147 anni, cioè 2x (7×10) +7.
Il Diluvio inizia il giorno 17 (=10+7) (Gen.7:11) e termina
“NEL SETTIMO MESE IL 17 DEL MESE” (Gen.8:4).
L’età di Abramo, Isacco e Giacobbe è dominata dal numero 17 (=10+7):
– l’età di Abramo è di anni 175 = 7x (5×5) e se si sommano queste ultime cifre abbiamo 17, ossia 10+7.
– L’età di Isacco è di 180 = 5x (6×6) e se si sommano queste ultime cifre abbiamo ancora 10+7
– L’età di Giacobbe è di 147 = 3x (7×7): anche qui è la stessa cosa.
Vi è poi il 12, numero chiuso dei mesi dell’anno, delle 12 tribù d’Israele, dei 12 profeti minori, dei futuri 12 apostoli e, Apocalisse cap.7, si trovano 144.000 segnati, il cui numero è il risultato simbolico di 12x12x10x10x10.

3) I NUMERI UNIVERSALI
Sono quelli che indicano la totalità: il numero 4 indica i quattro punti cardinali, cioè la totalità.
4 sono anche le sillabe del tetragramma: il nome di Dio (YHWH).
I primi quattro numeri sommati: 1+2+3+4 =10 la pienezza.
4×10=40 è una generazione: ”PER 40 ANNI EBBI DISGUSTO DI QUELLA GENERAZIONE” (Sal.95:10).
In Deut.34:7 Mosè muore a 120 anni (=40×3), cioè ha visto 3 generazioni. In Esodo la vita di Mosè ha un ritmo quarantennale: per 40 anni si forma alla corte del Faraone, per 40 anni si forma nel deserto e per 40 anni guida il popolo di Dio verso la terra promessa.
40 sono i giorni del diluvio: “E PIOVVE 40 GIORNI E 40 NOTTI” (Gen.7:12); 40 giorni e 40 notti rimase Mosè sulla montagna (Es.24:18); dopo 40 giorni tornarono gli esploratori dal Canaan (Num.13:25); 40 anni regno David (1 Re 2:21), altri 40 giorni e Ninive sarebbe stata distrutta (Giona 3:4) ecc….
LA NUMEROLOGIA DI MATTEO
Matteo nella stesura del suo Vangelo predilige alcuni schemi numerici: al 1° cap. usa il (7+7) x 3, cioè per 3 volte enumera 14 generazioni:
– 14 generazioni da Abramo a Davide
– 14 generazioni da Davide all’esilio di Babilonia
– 14 generazioni dall’esilio di Babilonia a Gesù
Il 7 è ancora il numero prediletto da Matteo:
– 7 sono le Parabole del Regno (cap.13)
– 7 sono le petizioni del Padre Nostro (6:9-13)
– 7 i “Guai a Voi” contro gli Scribi e i Farisei (23:13.15.16.23.25.27.29)
– 5 pani + 2 pesci = 7
– 7 sono i fratelli che per la legge del levirato sposano la stessa donna (22:25)
– Non bisogna poi perdonare 7 volte ma 70 volte 7 (18:22)
Matteo poi usa il numero 5 in riferimento ai 5 libri della Toràh: infatti 5 sono i discorsi della Nuova Legge fatti da Gesù, che viene raffigurato come il nuovo Mosè che “SALE SUL MONTE” (5.1):
1. –cap.5: discorso della Nuova Legge delle Beatitudini, ove per 5 volte Gesù proclama: “Fu detto, ma Io vi dico…”(vv.20,22,28,32,34)
2. –cap.10: discorso della Missione dei 12
3. –cap.13: discorso del Regno con 7 Parabole
4. –cap.18: discorso della Comunità dei Discepoli
5. –cap.24: discorso delle Ultime cose e della Fine

5 sono i Pani che hanno sfamato 5000 persone, ossia 5x10x10x10
5 sono le vergini stolte e 5 le prudenti = 10:la Chiesa
9 sono le Beatitudini: come mai? Quell’una che manca è come un segno di chiamata; Matteo vuole intendere qualcosa. Che cosa? La vera Beatitudine è Gesù stesso che le incarna tutte in se stesso.

LA NUMEROLOGIA DI GIOVANNI
Giovanni predilige il numero sacro: il 7:
– 7 sono i titoli di Gesù nel suo Vangelo: IO SONO LA LUCE DEL MONDO-IO SONO IL PANE VIVO-IO SONO IL BUON PASTORE-IO SONO LA PORTA-IO SONO LA VIA LA VERITA’ E LA VITA-IO SONO LA RISURREZIONE-IO SONO LA VERA VITE;
– 7 sono i miracoli di Gesù (chiamati in greco: ”semàia” = segni): LE NOZZE DI CANA – LA GUARIGIONE DEL FIGLIO DEL FUNZIONARIO REGIO – LA GUARIGIONE DEL PARALITICO – LA MOLTIPLICAZIONE DEI PANI – IL CIECO NATO – LA RISURREZIONE DI LAZZARO – GESÙ CAMMINA SULLE ACQUE;
– 7 sono i Discorsi di Gesù: A NICODEMO (c.3)-ALLA SAMARITANA (c.4)-AI FARISEI (c.5)-DISCORSO DELLA MANNA (c.6)-DISCORSO DELLA LUCE (c.8)-DISCORSO DEL BUON PASTORE (c.10)-DISCORSO FINALE (c.14-15-16-17).
– 7 sono le feste giudaiche a cui Gesù partecipa: 3 PASQUE (2:13;6:4;11:55)-UNA FESTA NON PRECISATA(5:1)-FESTA DEI TABERNACOLI (7:2)-DEDICAZIONE DEL TEMPIO (10:22)-PASQUA FINALE;
– 7 volte compare il termine AGAPE.
– Gesù proclama: “IO SONO” (Esodo 3:14) in 7 occasioni, numero della santità, per 10 volte, numero della pienezza: 4:26 / 6:20 / (8:23 / 8:24 / 8:28) / 8:58 / 13:19 / 18:5 / (18:6 / 18:8). Quest'espressione in greco è EGÒ EIMÌ, e contando vocali e consonanti, è di 7 lettere, in segno della Divina Santità di Gesù Signore e Dio.
Nel cap.21 Gesù risorto compare a 7 discepoli; 49 volte compare la parola KYRIOS = SIGNORE, cioè 7×7=49; 4 volte usa LOGOS che indica la totalità; 4 volte usa KRONOS e KAIROS = TEMPO, poi PSYCHE è usata 4 volte nel cap.10, 3 volte nel cap.12, 2 volte nel cap.13, 1 volta nel cap. 15 secondo la tetractis pitagorica, ove 4+3+2+1=10 il numero completo e perfetto; per l’uomo che è stato creato nel 6° giorno usa 6 volte SOMA = CORPO e AIMA = SANGUE; 36 volte usa ZOE = VITA, cioè 6×6=36. Infine non solo EGO-EIMI è settenario, ma anche KRISTOS.

I NUMERI NELL’APOCALISSE
La struttura dell’Apocalisse anche al lettore più sprovveduto si rivela settenaria: 7 è il numero santo.
7 sono le lettere inviate alle 7 Chiese, 7 sono i sigilli del rotolo in cui si trova la rivelazione delle 7 trombe suonate dai 7 angeli e poi si odono 7 tuoni e sono versate 7 coppe dell’ira di Dio sulla terra.
7 sono i candelabri d’oro (2:1), l’Agnello ha 7 corna(=la potente santità) e 7 occhi (=la sapienza); la preghiera all’Agnello è settenaria(5:12;7:12): “DEGNO E’ L’AGNELLO…DI RICEVERE POTENZA – RICCHEZZA – SAPIENZA – FORZA – ONORE – GLORIA – BENEDIZIONE”; 7 SONO GLI Spiriti di Dio (=Spirito Santo) (3.1;4:5); 7 sono i monti su cui cavalca la prostituta(17:9).
Giovanni usa anche il 4 (=la totalità): 4 sono le creature viventi (4:6;5:14), 4 i cavalieri (6:1-8); il popolo di Dio è composto da: TRIBU’-LINGUA – POPOLO – NAZIONE (5:9;14:6) e v’è anche una preghiera quaternaria: “BENEDIZIONE – ONORE – GLORIA – FORZA”(5:13;19:1).
Nell'Apocalisse è pure significativo il numero 3 che indica la perfezione: “COLUI CHE E’- ERA – VIENE”(1:8;4:8), che è forse la vera traduzione di Yahwè, in “SANTO SANTO SANTO” (4:8), in “GLORIA – ONORE-POTENZA”(4:10).
Cosa significa il 666 in 13:18? E’ “un numero d’uomo”, l’Anticristo, contrapposto a Dio che è tre volte santo = 777, mentre quello è tre volte malvagio=666. E cosa significa la schiera dei 144.000 (c.7,c.14)? E’ senz’altro un numero simbolico e non matematico, risultato di un criptogramma: 12x12x10x10x10 (si veda la numerologia dell’A.T.). Il Millennio al cap.20 è il segno della Pienezza: 10x10x10 e della Perfezione perché ripetuto 3 volte. La Nuova Gerusalemme Celeste al cap.21:10-21 ha 12 porte (=4×3) di cui 3 a oriente, 3 a settentrione, 3 a mezzodì e 3 a occidente con 12 angeli (=4×3), con fondamenta fatte da 12 pietre preziose (=4×3), ove il 4 è la totalità e il 3 la perfezione; le sue misure planometriche sono 12.000 stadi = 4x3x10x10x10 e di 144 cubiti = 12×12.
http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20080609091837AAxCwFF

http://carm.org/what-biblical-numerology

http://paolocastellina.blogspot.com/2009/12/numerologia-biblica.html