Rispondi a: Sulla Legge di Attrazione

Home Forum SPIRITO Sulla Legge di Attrazione Rispondi a: Sulla Legge di Attrazione

#43441

Pyriel
Bloccato

[quote1240770150=Omega]
[quote1240752822=NEGUE72]
:K:

MEGLIO NON DARGLI RETTA…torniamo alla legge di ATTRAZIONE…voi che esperienze avete ?….la considerate vera ono?

[/quote1240752822]
Le Esperienze sono tante, 'qualcuno' o 'qualcosa' mi ha sempre guidato verso la scoperta di cose inimmaginabili, poi successivamente la conferma è arrivata puntualmente da fonti Scientifiche e affidabili, oltre che dalla verifica sperimentale, dal buon senso e dalla Logica.

[quote1240752876=altair]
Mudilas non sono né grande, né di successo, sono solo un utente che [color=#0077dd]si preoccupa anche della chiarezza prima di postare[/color].
[/quote1240752876]
Attenzione però a non fraintendere. Io sostengo che l'Esperienza non è trasferibile in nessun modo da un Essere umano ad un altro Essere umano, nemmeno con un incontro fisico, figuriamoci tramite il Web o un libro.

L'ho già detto qui e in altri siti e lo ripeto per amor di chiarezza:

Le mie parole vanno “interpretate” alla luce della Verità che sta (o che non sta) nell'Essere del mio interlocuture, non hanno nessun significato letterale poiché “la lettera uccide, ma lo Spirito Vivifica” (lo dice pure 'S.' Paolo nella 2° Lett. ai Corinzi 3:6, nella bibbia).

Questo vuol dire che, un vero Maestro non può mai avere l'intenzione di portare una Conoscenza a chicchessia, non vuole farlo né può farlo (sarebbe solo presunzione e ignoranza Spirituale, se tentasse una cosa del genere),

Il suo compito è semplicemente quello di Amare e Testimoniare un risultato che ha ottenuto, e verificato, mediante una Ricerca interiore, gettando quindi i semi e frammenti di una realtà personalizzata incomprensibile “ai non addetti ai lavori”.

Il Maestro non si preoccupa del fatto se gli altri lo capiscano o meno, se avrà seguaci o se sarà crocifisso dalla società, poiché non ha aspettative, non dipende dalle lodi del Prossimo, è felice perché sa Essere.

Pertanto in un discorso apparentemente e appositamente generalista come quello di un Maestro, l'Ateo dovrebbe vedere la scintilla divina (quella c'è sempre la trovi dappertutto) mentre un Credente dovrebbe vederci un invito a dubitare, perché il dubbio salva un Uomo che si fida di un dogma senza sperimentarlo direttamente, qualunque esso sia.

Sta ad ognuno di noi selezionare le fonti tra quelle disponibili, non perché le altre sono necessariamente false ma perché sono incompatibili.

Conoscere la Verità non serve a niente, se “tu” (il mio interlocutore) non sei in grado di elaborare (integrare) quanto detto con il TUO Percorso. Nello stesso modo una Menzogna archetipica potrebbe risvegliare e purificare la tua mente, se riesci a scorgere il nesso tra dentro e fuori di una esistenza 'Errante', perché di Passaggio.

Il tuo Verbo potrebbe essere superiore a quello di Pyriel (perché no ?), ma se non ne sei consapevole invalidi quello suo e quello tuo ai tuoi occhi – visto che una Posizione in buona fede è sullo stesso livello di una qualsiasi altra Posizione in buona fede – ovvero sono la manifestazione di una Volontà di Sapere comune.

C'è chi arriva in cima ad una Montagna da Nord, e c'è chi arriva nello stesso Punto spaziotemporale da Sud; c'è chi arriva a Conoscere la Vita da una posizione Atea e chi da quella Divina, ma il centro non è né la credenza né il rifiuto di questa, la soluzione è l'assenza di illusione, dunque la comprensione di entrambi i Sentieri.

La Comprensione (figlia della Compassione ad esempio quella di tipo “buddhista”) è l'unico modo dato o donato agli Uomini di superare la falsità del non-essere. Il credente crede in Dio, ma non è sufficiente; l'Ateo non crede in Dio, ma non è sufficiente.

Quello che conta è l'Armonizzazione con l'Infinito.. ma come puoi sintonizzarti con la vera Realtà senza mettere in pratica l'Amore Incondzionato, il quale deriva dalla Giustizia cosmica ? 'Cosmica', nel senso di vera..

E chi è che sa Amare secondo la sincerità ? Chi è il Giusto secondo i parametri Universali ? Ti svelo un SEGRETO: né Ateo né Credente. Entrambi sono perduti per l'Eternità.

Quello che E', non è né Ateo né Credente, non è figlio di ideologie, anche se a volte utilizza la parola ed un linguaggio tipicamente Umano per esprimersi, per dare l'Esempio.

Quello che fa di te un Essere umano non è un pensiero ma l'assenza di pensiero, di pregiudizio, di preconcetto e di giudizio. Quello parziale.

Chi può dire di Essere ? Soltanto Colui che ha ri-conosciuto l'Essenza e Trasformato se stesso a immagine del Progetto Primordiale. Questo lo può fare un Piryel, lo può fare un Altair, chiunque può. Se vuole.

L'Ateo, solitamente, non sa perché Dio non c'è; il credente ugualmente non sa perché Dio c'è – ed ecco che lo scontro è inevitabile almeno da una parte, ma quando tu hai incominciato a comprendere l'insieme dei dati in nostro possesso, pur non dimenticando l'Umiltà e senza mirare al denaro fine a se stesso o al Potere per comandare e imporre, allora sei vicino all'Origine e Amato dalla Sorgente.

L'Esperienza diretta è comprensione, non negazione e nemmeno vana fiducia.

Il Maestro non spiega niente ma cerca di far”ti” ragionare, di accendere il Fuoco dello Spirito (coscienza) che è in TE, addirittura con della finzione e maschera perché soltanto il Paradosso annulla un altro Paradosso. Quello della Vita.

Un Umano ordinario parla soltanto con le Mashere, allora tanto vale continuare la Commedia Esistenziale. Colpa della maschera ? No, della corrente e del Politicamente Corretto.
[color=#0000cc]
La Vita è un Gioco. Ma c'è Gioco e gioco. La Vita è un Rischio. Ma c'è Rischio e rischio. Il Libero Arbitrio ci permette una Scelta. Facciamo la scelta giusta solo per noi, senza dover per forza osservare la reazione del popolo al nostro diritto di essere DIVERSI, senza paura di sbagliare perché là fuori non c'è niente.

“Là fuori” non c'è salvezza. Nessuna intelligenza né saggezza. Sempre e solo Stoltezza.[/color]
[/quote1240770150]

Divino.