Rispondi a: Anima gemella!

Home Forum SPIRITO Anima gemella! Rispondi a: Anima gemella!

#44104

lila
Partecipante

[quote1241718111=Chimico]
se esistesse una nostra versione di sesso opposto ?
[/quote1241718111]

Nel Simposio di Platone, Aristofane cerca di spiegare l’amore e racconta che all’inizio i generi degli uomini erano tre, e non due come ora, ossia maschio (che aveva origine dal sole) e femmina (che aveva origine dalla terra), ma c'era anche un terzo che accomunava i due precedenti, di cui ora è rimasto il nome, mentre esso è scomparso. Si trattava dell'androgino (che aveva origine dalla luna), una unità per figura e per nome, costituito dalla natura maschile e da quella femminile accomunate insieme. Inoltre, la figura di ciascun Uomo (inteso come maschio, femmina e androgino) era rotonda, con il dorso e i fianchi a forma di cerchio, aveva quattro mani e quattro gambe, e due volti su un collo arrotondato. E aveva un'unica testa per ambedue i visi rivolti in senso opposto, e due organi genitali: entrambi maschili, per i maschi, entrambi femminili per le femmine e uno maschile e uno femminile per gli androgini. Camminava anche diritto. E quando si metteva a correre velocemente, appoggiandosi sulle membra che allora erano otto, si spostava rapidamente ruotando in cerchio. Le loro figure erano, dunque, rotonde e così il loro modo di procedere. Questi avevano una forza incredibile e una sovrumana superbia, al punto di sfidare gli Dei. Zeus e gli altri dèi, allora, tennero consiglio per decidere sul da fare e rimasero nel dubbio: infatti, non potevano ucciderli, e, fulminandoli come fecero con i Giganti, annientarne la razza, perché sarebbero scomparsi anche gli onori e i sacrifici che provenivano loro dagli Uomini; e d'altra parte non potevano permettere quelle insolenze. Dopo aver a lungo meditato, Zeus disse: 'Mi pare di aver a disposizione un mezzo che permetterebbe che gli uomini possano continuare ad esistere, e, divenuti più deboli, cessino di essere così sfrenati. Infatti ora – continuò – io li taglierò ciascuno in due, cosicché da un canto, essi saranno più deboli, e, d'altro canto, saranno più utili a noi, perché diventeranno maggiori di numero. E cammineranno diritti su due gambe. Ma se riterranno ancora di comportarsi in modo insolente e non vorranno starsene tranquilli, ancora una volta – disse – io li taglierò in due, in modo che saranno costretti a camminare saltando su una gamba sola'. Dopo aver detto questo, tagliò gli uomini in due. A questo punto gli uomini divennero infelici, perché ciascuno di essi sentiva la mancanza della sua metà. I semiuomini cercavano i semiuomini, le semidonne cercavano le semidonne, e la metà maschile degli androgini cercava la metà femminile.Dopo che l'originaria natura umana fu divisa in due, ciascuna metà, desiderando fortemente l'altra metà che era sua, tendeva a raggiungerla. E gettandosi attorno le braccia e stringendosi forte l'una all'altra, desiderando fortemente di fondersi insieme, morivano di fame e di inattività, perché ciascuna delle parti non voleva fare nulla separata dall'altra.
Con il tempo, le varie metà vennero sparpagliate, ma ognuna cerca ancora dIsperatamente la sua metà. Ed è appunto questa smania che si chiama Amore.