Rispondi a: La Coerenza

Home Forum SPIRITO La Coerenza Rispondi a: La Coerenza

#44927

sephir
Partecipante

Spiderman, non ti intrometti di certo (se non etimologicamente) ma dici giustamente quel che pensi.

Quel che penso è che prendendo per accettata la sacralità della vita, la coscenza di questo fatto ha varie profondità, graduazioni che sospingono l'uomo e i suoi intenti.
Non penso ad un interruttore on/off, dove una lucina dice “ora sai tutto e son cavoli tuoi se vuoi seguirla o no!”… anche perchè, volendo seguire ciò che molti pensano da millenni, tutto ciò che c'è da sapere, già è in noi… non fuori.

Piuttosto se qualcuno mi fa notare come ad una data quantità di carne corrisponde uno spreco immane di vegetali la mia coscienza non brillerà più di prima per l'informazione datami, probabilmente si opporrà nell'inconscio a sofferenze che non si vogliono sentire, se dentro me non ci sarà l'incavo pronto a contenere…
e ammettiamo che possa esistere un on/off iniziale per un anima…
dopo questo accendersi immagino una scala graduale (forse passante per intere incarnazioni e reincarnazioni) di prese di posizioni e attitudini alimentari e non.

Nel frattempo, mentre tu percorri una strada, puntare il dito sul viandante che curva verso il dolore e la sofferenza non ritieni sia un atto di presunzione? Io stesso ci casco molto volentieri… questo è ciò che può irritare in ciò che si chiama coerenza di un vegan o di altre classificazioni… la rigidità che non permette il libero arbitrio…anche dell'errore e della pena per questo errore…

Non è un apologia del vivi e lascia vivere, ma un tentativo di risvegliare la comprensione e non solo il giusto ma ormai scontato giudizio su chi mangia carne pesce e magari rimpingua le tasche di multinazionali con mille prodotti inutili e manipolanti.

Quello che noi possiamo fare è informare informare informarci…anche perchè il nostro percorso stesso mica finisce con qualche libro e internet?
In più già una volta inviai un post dove presentai la possibilità di pensare il mangiare carne inaccettabile a livello etico ma per questioni biologiche necessario in piccole dosi…
l'etica mi dice “la produzione di carne deriva da un massacro, una carneficina mondiale di entità spropositate in cui anche il mondo vegetale verrà modificato per nutrire tonnellate di carne maltrattate e uccise dopo essere state imbottite di anitbiotici che poi noi mangeremo a nostra volta, utili per non far ammalare i poveri animali in condizioni igieniche e vitali pari a nuovi campi di concentramento; deriva da una visione specista che svilisce l'animale e la pianta come non aventi coscienza; deriva da programmi nazi-fascisti di nanipolazione e controllo della masse tramite ingestione di cibo modificato; deriva dal bisogno di potere che passa per la mercificazione della vita; deriva dall'odio infine e dall'ignoranza sua complice.”

La biologia dice ” modiche quantità di proteine animali prodotte(in un dato stadio spirtuale, più vicino alla materia, stadio a cui siamo tutti legati…vedi 2012 etc) da amminoacidi non presenti nel mondo vegetale, sono necessarie all'organismo; la vitamina b12 può compensarsi con integratori,certo, ma coscienti che lo di farà per amore della vita andando contro la volontà del nostro corpo di essere nutriti tramite alimenti “vivi”—

credo che non essere accompagnati da una buona dose di limpidezza spirituale, il corpo, privandosi di elementi che nutrono il livello materiale del corpo, non riesca a compensare tramite i livelli più sottili, un nuovo tipo di diete più “eterica”…

perciò ti dico che tutto deve avvenire “naturalemente”, ed è per questo che spero in un cambio di era, di interiorità collettiva di coscienza cosmica (non mi piace la new age ma alcuni concetti mi attraggono e ne spero la veridicità) la quale sospingerà non con forza e coercizione alla volontà del mutamento!

Per quel che riguarda il cibo per tutti, tu pensi che dicendo che con una dieta veg ci sarebbe più cibo per tutti porteremo pura coscienza dei fatti?
Ma non dipende certo dalla dieta veg o carnivora la mancanza di cibo per tutti…anche oggi che migliaia di ettari sono cosparsi di coltivazioni intensive drogate e droganti la terra, sempre più disperata, il cibo sarebbe presente per miliardi di persone!
Il problema è la manipolazione del commercio, le guerre e la distribuzione volontariamente diseguale delle risorse… altrimenti come esisterebbe la povertà la miseria e dunque il potere??Sappiamo tutti questo… dunque va bene la tua affermazione per portare qualcuno a riflettere e dirsi “basta con la carne o con troppa carne” ma in realtà dice una mezza verità… è un cane che si morde la coda: prima la coscienza generale dello stato dell'essere umano odierno, della mia interiorità e così di quella altrui, che poi mi porta ad una limentazione conseguente, o prima una data alimentazione che un po forzatamente mi impongo per poi arrivare, si spera, a visioni più giuste e chiare delle cose circostanti e del mio essere soprattutto?
Sempre più pendo verso la prima idea… e so che per molti, anche per te credo, è così… anche se in alcuni percorsi spirituali a volte può essere necessario il contrario certo… ma sono percorsi a cui credo è meglio portarsi prima di calcificazioni del tempo…

Questo per dirti che di fattori, che tu conosci se ne intrecciano migliaia.. e ora devo uscire ma vorrei continuare a parlarti di ciò che penso…
comunque mi arrabbio per tutto, soprattutto per me, ma non è facile essere uomo per nessuno….
desidero crescere e che tutti lo facciano…
ammiro chi dentro di se ha già i mattoni per guidare la terra verso nuove costruzioni, e ce ne sono tante di queste persone… sono quelli che riescono ad amare più che altro, che non si convincono e non convincono di nulla (o cercano questa via) ma cercano di capire/spiegare e non giudicare se non nel senso più puro che questo termine forse può assumere …

Intanto come penso sempre, informiamoci e leggiamo/parliamo tanto che serve, se ci riesco (poco!) depurandomi da intenti egoistici -|- moooolto difficile…

ciao spider man scusa la matassa di roba forse ridondante. :bay: