Rispondi a: La Coerenza

Home Forum SPIRITO La Coerenza Rispondi a: La Coerenza

#44963
Richard
Richard
Amministratore del forum

Io però vorrei insistere su un punto, lo so che è “sconvolgente”, fa ballare il pavimento sotto i piedi, ma è cosi che ci si apre ad ulteriore comprensione

—————–

Jagadish Chandra Bose era un celebre fisico e fisiologo indiano (1858-1937), il cui campo di indagine era principalmente rivolto a studi sulla fisiologia delle piante: ideò un apparecchio per la misura delle rifrazione delle onde elettriche e uno che permette di mettere in evidenza le risposte dei tessuti vegetali a stimoli esterni; il suo registratore automatico (ancora oggi conosciuto come il registratore Bose) gli consentì di dimostrare che anche le piante provano sensazioni, anticipando lo studio del parallelismo fra tessuti vegetali e animali.
Già nella prima metà del XX sec. Sir Jagadis Chandra Bose di Calcutta condusse degli studi che lo portarono a convincersi che le piante fossero in grado di provare emozioni quali la depressione o l'euforia. Registrando l'elettricità emessa dalla pianta, fu in grado addirittura di assistere all' “agonia” di una pianta che, prima di morire, emetteva una relativamente forte scarica elettrica, quasi fosse il suo “ultimo respiro”.

Bose fu inoltre un colto matematico e propose in contemporanea a Einstein una legge di meccanica quantistica.
In un capitolo del famoso libro “Autobiografia di uno Yoghi” (Paramahansa Yogananda – Astrolabio Editore, che vi consiglio caldamente di leggere…) il suo mistico autore dimostra come nulla, in natura, sia privo di una sua coscienza e di una sua sensibilità.
Il grande scienziato indiano possedeva anche una sbalorditiva capacità inventiva e tecnica, che gli permetteva di costruire strumenti di grandissima utilità ed interesse scientifico. Il crescografo Bose consentì (quando ancora non era stato inventato il microscopio elettronico) un ingrandimento di dieci milioni di volte.

La scienza analizza i fenomeni, trova equazioni per la forza di gravità, per massa ed energia, per la fusione atomica; ma individua solo gli effetti, non le cause reali. Lo yogi invece vede la causa prima dell’effetto. Lo scienziato può dedurre una causa dall’effetto; lo yogi deduce gli effetti dalle cause: può perfino dedurre effetti che non si sono ancora prodotti nella realtà materiale da cause già esistenti. Lo scienziato manipola l’effetto, lo yogi agisce sulla causa, o piuttosto si identifica con la causa, e può cambiare gli effetti;

“Tutti i veri scienziati che creano, sanno che il vero laboratorio è la mente dove, dietro le illusioni essi scoprono le leggi della verità.”

“Solo quando un viaggiatore ha raggiunto la meta puo' buttare via le sue carte. Durante il viaggio, egli trae vantaggio da ogni utile scorciatoia”
http://michelesforza.blogspot.com/2006/11/jagadish-chandra-bose.html

———————————-

BACKSTER HA SVILUPPATO I NUOVI PROTOCOLLI CON LA RICERCA SULLE PIANTE

Siamo stati avvisati di questi problemi nel protocollo della scienza della coscienza, dalla nostra intervista col Dr.Cleve Backster (primaryperception.com), che ha condotto studi sconvolgenti in questa scienza emergente per oltre 40 anni ad oggi. Il suo lavoro verrà mostrato nel nostro film CONVERGENCE.

Dovreste ricordare Backster come lo scienziato che ha collegato le sue piante di casa con un poligrafo (macchina della verità) e ha scoperto che “gridano” come gli esseri umani sotto shock quando vengono spaventate col fuoco, anche solo avendo pensato di bruciarle. Questo è il risultato della sua osservazione originale del 1966:..
https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.221

——————————
Le Piante Rispondono: Intervista con Cleve Backster
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.2004

Tutto è parte di Una Coscienza, tutto è cosciente a vari livelli, minerale, vegetale, animale, umano…