Rispondi a: Fede

Home Forum SPIRITO Fede Rispondi a: Fede

#45204
Richard
Richard
Amministratore del forum

pero sai, la spiegazione spirituale o astrale potrebbe divenire “razionale” nel momento in cui riusciremo a studiarla più a fondo con mezzi scientifici, perchè non è detto che sia impossibile, può essere che al momento almeno ufficialmente non abbiamo mezzi per farlo o si sappia poco e nulla di quello che si può davvero fare in merito

https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.5216
“con tecnica GDV (gas-discharge visualization) ha applicato su una persona in punto di morte.

L'alone azzurro nell'immagine a sinistra è il momento in cui, secondo lo scienziato, l' anima sta abbandonando il corpo che, una volta spirato il soggetto, diviene rosso. ”

https://www.altrogiornale.org/comment.php?comment.news.4086

http://korotkov.org/water/?tag=gas-discharge-visualisation

Gas Discharge Visualisation Measurements of the Effect of Intent on Water

Daniel A. Lewis II, BA, Sabrina E. Lewis, BA, Lewis Mehl-Madrona, MD,
Iris R. Bell, MD, PhD, and Gray E. Schwartz, PhD.
THE JOURNAL OF ALTERNATIVE AND COMPLEMENTARY MEDICINE”

http://www.somatics.de/HuntStudy.html
Electronic Auric Field Study

Prior pilot studies during Rolfing, unconventional healing, meditation and altered states of consciousness had provided techniques for recording a high frequency low amplitude energy field not in the known muscular spectrum. This is believed to be an auric emission. There was correspondence between these data and changes in chakra and auric field colors re-ported by aura readers.”

http://www.edicolaweb.net/oltre11a.htm
“Cosa succede ai nostri “stati d’animo”?

Il corpo umano genera, al pari di tutti i corpi viventi, un campo elettromagnetico che è di debole emissione, cioè al livello delle onde cerebrali è rilevabile un segnale con intensità intorno a 10-15µ Ampere. Se esso invece viene letto con sofisticati rilevatori SQUID, risulta di una intensità di pochi µ Tesla. Per avere un paragone con altri emettitori di campo elettromagnetico, il nostro corpo ha una intensità di emissione milioni di volte più piccola del campo generato da un comune cellulare o da un walkman o, a maggior ragione, da un apparecchio televisivo.”

————–
Theories about the connections between various brain states and near-death experiences have been around at least since the publication of Heaven and Hell by Aldous Huxley in 1956. The most serious problem with the theories is that they don't explain the many stories of people “seeing” things that actually exist. For example, a man recognises a nurse who had taken out his dentures when he was brought into the emergency room in a coma, and asks her about them. Or a man with no pulse or breathing for around 10 minutes sees himself floating through the air to another city and sees a certain café, and then later in real life he passes through that city for the first time and comes across the exact café.

Such stories are routinely dismissed by sceptics as “anecdotes”, but if we really want to understand the world, we must look at all the evidence.
http://www.newscientist.com/article/mg19225766.100-near-death-experiences.html
——————-
Teorie sui collegamenti tra vari stati del cervello ed esperienze nde si trovano fin dalla pubblicazione di Heaven and Hell di Aldous Huxley nel 1956. Il problema piu serio di queste teorie è che non spiegano le molte storie di persone che “vedono” cose che esistono veramente. Per esempio, un uomo riconosce una infermiera che gli ha tolto la dentiera mentre lo portavano in sala di emergenza in coma e le chiede di averla. Oppure un uomo senza battito o respiro per 10 minuti si vede fluttuare in aria verso un'altra citta e vede un bar e poi nella vita vera passa in quella citta per la prima volta e si trova in quel bar.
Tali storie vengono scartate sempre dagli scettici come “aneddoti” ma se vogliamo capire il mondo dobbiamo vedere tutti i dati.

——————-

http://www.newscientist.com/article/dn1693-no-medical-explanation-for-near-death-experiences.html
No medical explanation for near death experiences

Medical explanations cannot account for near death experiences (NDEs), according to the results of the biggest prospective study to date of patients who were resuscitated after clinical death. However, patients who reported an NDE were more likely to die soon afterwards.

Pim Van Lommel and his team at Hospital Rijnstate in the Netherlands interviewed 344 patients who were resuscitated after heart failure at 10 hospitals across the country. The patients were questioned as soon as they were well enough.

Eighteen per cent reported an NDE – classed as a memory of “a special state of consciousness, including specific elements such as out-of-body experience, pleasant feelings and seeing a tunnel.”..

———————-
Nessuna spiegazione medica per le esperienze nde

Le spiegazioni mediche non sono sufficienti per le nde, secondo risultati di uno studio dalla piu grande prospettiva ad oggi su pazienti resuscitati da morte clinica. I pazienti che hanno riportato le nde erano vicini a morire subito dopo.
Pim Van Lommel e il suo team all'Hospital Rijnstate ha intervistato 344 pazienti resuscitati dopo un attacco di cuore in 10 ospedali nel paese. I pazienti hanno ricevuto le domande appena sono stati meglio.

Il 18% ha avuto una nde con uno speciale stato di coscienza, inclusi specifici elementi come una esperienza obe, sensazioni piacevoli e hanno visto un tunnel.”..
————————