Rispondi a: Reincarnazione

Home Forum SPIRITO Reincarnazione Rispondi a: Reincarnazione

#45503
Richard
Richard
Amministratore del forum

http://www.mindspring.com/~noetic.advanced.studies/Amoroso27.pdf

pensa un poco dove andiamo a finire, nel campo dell'energia di punto zero

The mathematical method used to integrate Eccles’
Psychon with a brain dendron and the existing holonomic theory of Pribram is a variation of the Lagrange operator of least action utilizing not only the well known static Casimir effect
[59], but also a duality between it and its dynamical counterpart first described by Schwinger [60]. In this context the Noetic Effect governs energized boundary conditions as described by
the fundamental Noetic Field Equation F E R N = / [11,24].
The thrust of this treatment is to account for the action of spontaneous particle production, in this case bosons (noeons), from zero point energy fluctuations of the quantized
vacuum, and from the zero 'vacuum' potential (an extended form of the de Broglie-Bohm concept of a quantum guidance potential) as Psychons.
These noeons (rather irradiative
scattered Bose potentials arising from the unitary field and confined like quarks to the HD topology of the Dirac spacetime metric) can be constrained in a Gabor-like manner. The
Casimir effect was initially developed to account for the force between parallel uncharged capacitance plates. This Casimir force is one example of a general phenomenon in which
objects impose boundary conditions on the quantized field2. The one we are most interested in is the generalization to parallel interfaces between dielectric media as occurring at the
dendron (or water).

David Bohm

CERVELLO/MENTE/COSCIENZA (PRINCIPI E MODELLI) – 3
di Nitamo Federico Montecucco e Enrico Cheli – tratto da “Enciclopedia olistica” http://www.globalvillage-it.com

Il principio di implicazione noetica: Informazione implica coscienza
L’informazione… implica la coscienza. Henry Margenau

Nous in greco significa anima, mente, coscienza. Il secondo principio cibernetico sostiene che ogni informazione implica coscienza. Le informazioni sono la porta della coscienza e sono esse stesse coscienza.
Il principio di implicazione noetica può essere utilizzato in differenti modi.

Nella sua accezione più semplice, afferma che l’informazione presuppone necessariamente l’esistenza della coscienza, ossia che l'informazione in quanto messaggio presuppone necessariamente una coscienza che la conosca. Il valore intrinseco di un’informazione è rappresentato dal suo “senso” o “significato” e la coscienza è “ciò che comprende il senso, significato delle informazioni”, e quindi, più in generale, il senso della vita.
http://mednat.org/cervello/cervello_mente_coscienza2.htm

………

Quanti di coscienza: il campo olistico di Bohm
L’informazione fa e anima l’essere vivente. Pierre Grassé in “L’evoluzione del vivente”.

Nella sua accezione più forte il principio di implicazione noetica afferma che l’informazione è coscienza, ossia che ogni quanto di informazione è un quanto di coscienza. Quindi l’energia fisica di un qualunque fenomeno di natura è intimamente permeata dalla coscienza, che la anima attraverso codici e logiche informatiche. La coscienza è informazione viva. Ogni informazione è un punto di coscienza di Sé.
Riportando questo concetto all'essere umano possiamo dire che noi siamo le nostre informazioni ossia la coscienza di tutte le informazioni della nostra unità vivente.
Questo concetto chiave per comprendere e spiegare l'interazione tra energia e coscienza nel mondo fisico era stato anticipato da Bohm secondo cui a livello quantistico, un elettrone, come ogni particella, oltre al normale campo elettromagnetico possiede un “campo olistico”.
Quello che è nuovo riguardo alla meccanica quantistica – dice Bohm – è che implica un nuovo genere di campo olistico. L'Elettrone – vedi anche elettrone 2 – ha questo campo sottile, che è veramente un campo di informazione attiva, che lo guida. Il termine “sottile” significa “elusivo”, “intangibile” ma anche “finemente interconnesso”.
Il campo dell'elettrone è finemente interconnesso all'ambiente circostante. Potremmo dire che questo campo sottile dell'elettrone ha una sua qualità mentale rudimentale… Questo suggerisce come non ci sia una divisione così netta tra materia e mente… Il campo dell'elettrone è influenzato da tutto quello che lo circonda.
Se hai parecchie particelle allora hai, secondo il mio modello, un singolo campo interconnesso, ossia un pool di informazioni comuni per tutti. Tutto è in contatto istantaneo attraverso il campo di informazione. Questo è quanto succede anche agli esseri umani… Gli esseri umani, per mezzo delle loro menti, esistono in un campo di informazione.
Questo concetto di campo olistico rappresenta la descrizione scientifica più precisa e vicina al modello Cyber, sia nella forma che nello spirito.

——————
diciamo che siamo immersi in UNA coscienza, in un campo di Coscienza, è questo campo che crea la realtà..condividiamo questo campo di energia/informazione/coscienza e il cervello ci serve per individualizzare la nostra porzione e applicarla nel piano materiale in cui viviamo..
penso che si dovrebbe intraprendere questa strada..