Rispondi a: Il risveglio di coscienze

Home Forum SPIRITO Il risveglio di coscienze Rispondi a: Il risveglio di coscienze

#46293
Richard
Richard
Amministratore del forum

A che età può presentarsi l'alterazione del ciclo da premenopausa?
Presto detto: le età in cui iniziano i primi cambiamenti “climaterici” del ciclo sono le seguenti: tra i 30-34 anni: 10 per cento; tra i 35-39 anni: 27 per cento; 40-44 anni: 41 per cento; 45-49 anni: 18 per cento; 50-54 anni: 4 per cento. Come vede, il 37 per cento delle donne le ha già prima dei 40 anni, e un altro 41 per cento prima dei 45: il che significa che la grande maggioranza delle donne (78 per cento) ha alterazioni mestruali, e molti altri sintomi associati, che vengono troppo spesso trascurati, assai prima del fatidico ultimo ciclo, che segna l’inizio della menopausa!
http://www.alessandragraziottin.it/articoli.php?queryId=4ec90e98c197b786390c4d159786596c&ew_articolipageNo=4&ART_TYPE=AOGGI&ANNO=2007

Disturbi d'ansia e tiroide
http://www.medicitalia.it/consulti/Medicine-non-convenzionali/8379/Disturbi-d-ansia-e-tiroide

http://www.erboristeriaedaltrodue.com/RIFLESSOLOGIA.htm
Una INFIAMMAZIONE DELL’ALLUCE, può indicare un problema a livello del collo, cervicale o tiroideo

Il riflesso della tiroide si trova in entrambi i piedi, poiché ha due lobi, il lobo destro è nel piede destro, il lobo sinistro è nel piede sinistro, L’area tiroidea è posta nella parte superiore del cuscinetto plantare sotto l’alluce.

—————–
http://www.edgarcayce.it/media/ipotiroidismo.htm

——————

Al livello del corpo fisico, le letture di Cayce descrivono i punti fisici di contatto del nostro corpo spirituale come le nostre ghiandole, che “secernono ciò che permette al corpo, fisicamente, in ogni parte, di riprodurre se stesso.” (1475-1) Mentre la capacità di rigenerazione vale per tutte le ghiandole del corpo, le letture identificarono sette ghiandole endocrine come vortici speciali di energia, corrispondenti ai chakra dell’induismo. Questi sette maggiori termini spirituali di correlazione sono: le gonadi, le cellule di Leydig, le surrenali, il timo, la tiroide, la pineale e la pituitaria.
http://www.edgarcayce.it/media/eredEC.htm

http://www.humanitasalute.it/index.php/diagnosi-e-cure/tiroide/3364-tiroide-e-dintorni
Che cos'è l'ipertiroidismo?
“L'ipertiroidismo accelera le funzioni corporee. Compare quando vi sono troppi ormoni tiroide in circolo. La forma più comune di ipertiroidismo, il morbo di Graves – Basedow, è causata da disordini del sistema immunitario.
I principali sintomi possono essere:
– frequenza cardiaca accelerata
– nervosismo, sudorazione aumentata
– debolezza muscolare
– tremori alle mani
– perdita di peso
– perdita di capelli
– aumentata frequenza dei movimenti intestinali
– flusso mestruale ridotto in quantità e frequenza
– gozzo
– occhi che sembrano fuori dalle orbite
I sintomi dell'ipertiroidismo raramente compaiono tutti insieme. Tuttavia, se una persona riferisce più d'uno di questi sintomi ed essi continuano nel tempo dovrebbe consultare un medico”.

Che cos'è l'ipotiroidismo?
“L'ipotiroidismo rallenta le funzioni corporee. Avviene quando vi sono pochi ormoni tiroidei in circolo (“ipo” significa “poco”). Le donne ne sono più frequentemente affette rispetto agli uomini. Inoltre, un neonato ogni 4000 nasce con questa malattia. Per questo motivo tutti i neonati in Italia vengono indagati per questa patologia. Se il problema non viene corretto, il bambino diventerà ritardato mentalmente e fisicamente.
Di solito si manifesta con i seguenti sintomi:
– sensazione di rallentamento o stanchezza
– sensazione di freddo
– depressione
– sonnolenza diurna anche dopo aver dormito tutta la notte
– riduzione della frequenza cardiaca
– perdita di memoria
– difficoltà nella concentrazione
– crampi muscolari
– aumento di peso
– voce roca
– capelli sottili
– cute secca e ruvida
– abbondante flusso mestruale
– infertilità
– gozzo
Molti dei sintomi di ipotiroidismo compaiono normalmente con l'avanzare dell'età; pertanto se una persona ne ha uno o due non vi è probabilmente ragione di preoccuparsi. Tuttavia, in presenza di uno o più sintomi conviene consultare il medico”.