Rispondi a: Il risveglio di coscienze

Home Forum SPIRITO Il risveglio di coscienze Rispondi a: Il risveglio di coscienze

#46313
farfalla5
farfalla5
Partecipante

[quote1281348236=Gyta]

Krishamurti ad un certo punto ha detto “stop” “Basta!” Basta alle scuole-segugi, al discepolato in netto contrasto con la scoperta della dignità di essere sé, con la ricerca autentica della libertà..
[/quote1281348236]

Ciao Gyta :bay:
guarda cosa ho trovato nelle mail oggi, mi sembra inerente :ummmmm:
[code][/code]

ADAMUS:

Io ti sfido a non fare nulla, per consentire lo svolgersi Naturale del Processo di Risveglio,che proviene dalla tua Anima, che integra la tua Divinità . Non manipolarlo.

Non parlarne in quel modo mentale con i tuoi amici o familiari, di cosa hai ancora vissuto. (Adamus ridacchia) (risate) .
Non chiamare il tuo gruppo spirituale di pettegolezzi, per raccontargli la tua più recente “scappatella” con il dramma spirituale.

Non fare nulla! Stai con esso. Permettilo.Sentilo. Assaporarlo. Benedicilo.

Nel momento in cui inizi a parlarne, vai nel mentale. Nel momento in cui avvii l'analisi di che diavolo ti sia appena successo ,vai mentale. Nel momento in cui inizi a fare il confronto con un'altra esperienza, il momento in cui inizi a chiederti come era l'astrologia del momento, lo perdi.

Basta essere con esso. Basta respirarlo dentro. Basta rendere grazie a te stesso per amarti ed essere fiducioso.

Riesci a capire questo? Puoi accettare questo? O hai intenzione di correre fuori ed iscriverti a qualche altro Corso?

Oppure hai intenzione di iniziare il tuo proprio Corso? Di scrivere il tuo proprio libro? Cantare la tua propria Canzone, e iniziare ad essere finalmente l'Insegnante di Illuminazione, per i milioni e milioni di coloro che vengono dopo di te?


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.