Rispondi a: La felicità degli altri

Home Forum SPIRITO La felicità degli altri Rispondi a: La felicità degli altri

#46681
farfalla5
farfalla5
Partecipante

[quote1290755435=sphinx]
Ciao a tutti ragazzi,scrivo poco,ma seguo quotidianamente questo splendido forum..complimenti a tutti,veramente!:ok!:

Quello che vi vorrei esporre è una considerazione che ho fatto proprio ieri.
Premessa: essendo caduta da una scaletta è da qualche giorno che giro con una stampella. Prendo la metropolitana quattro volte al giorno per andare e tornare dal lavoro..è sempre affollatissima ma devo dire che spesso mi viene offerto un posto a sedere. Ora,siccome la distorsione alla caviglia è cosa lieve e sul posto di lavoro posso stare seduta,inizialmente rifiutavo l'invito,seppur ringraziando con un largo sorriso. Mi spiaceva fare scomodare delle persone che magari erano più stanche di me soprattutto se anziane.
Però,osservandoli con attenzione,mi sono resa conto che “impedirgli”di prodigarsi in una gentilezza causava loro una certa frustrazione. Glielo letto chiaramente in viso.
Quindi ho cambiato tattica. Accetto l'invito e ringrazio con ampi sorrisi (assolutamente sinceri è ovvio) e vedo che li rendo assolutamente soddisfatti….
Che mi serva da lezione. Insomma non sono loro a fare un piacere a me, ma io a fare un piacere a loro…..
anzi..in questo modo il piacere è proprio reciproco :fri:
Ma che bellooo….!heart
Un abbraccio a voi tutti. :bay:

[/quote1290755435]
Ciao Sphinx :bay:
Io mi ci sono trovata in una situazione diversa ma per certi versi simile, essendo straniera e con le mie usanze non ero abituata a dare del “tu” come si usa qui.
Davo a tutti del “Lei” non per mantenere le distanze, ma per il rispetto. Quando ho capito questo meccanismo con una fatica enorme ci sono riuscita a dare del tu alle persone più anziane di me e vedo che loro sono così contenti…. :cor:


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.