Rispondi a: I benefici della musica a 432 Hz

Home Forum SPIRITO I benefici della musica a 432 Hz Rispondi a: I benefici della musica a 432 Hz

#46778
Richard
Richard
Amministratore del forum

Tanto per intuire l'importanza della geometria nella “realtà” e del numero 8, quindi delle “giuste vibrazioni”.
432 è multiplo di 8

http://www.432hertzlarivoluzionemusicale.com/faq.html
Perché si da importanza alla matematica dell'8 e perché è chiamata così?
E' un nome che ho coniato per una sequenza basata sui multipli dell'8. Questo numero è il numero principe della Natura. Forse è uno strano scherzo del destino ma persino il simbolo dell'infinito, introdotto dal matematico inglese John Wallis nel 1600, è un “otto rovesciato” (che ricorda il nastro di Moebius). In tempi antichi l'8 e i suoi multipli erano considerati numeri sacri sia per le Società segrete e le Scuole Iniziatiche presenti in Occidente sia in Egitto, in Medioriente, nelle culture sudamericane e in Oriente, ricordo che lo Sri Yantra e soprattutto l'I-Ching si basano principalmente sulla matematica dell'8. L'8 è stato spesso intimamente legato al numero 7 in quanto suo ciclo successivo (7+1). I 7 sigilli o sette chakra, le 7 note, i 7 colori, le 7 radiazioni dello spettro EM provengono sostanzialmente dalla stessa sorgente. Di fatto questo numero sacro studiato nelle antiche scuole di saggezza sottoforma di Legge dell'Ottava è stato essotericamente traslato nella teoria musicale sottoforma di ottava musicale portando così lo studio della Legge dell'Ottava alle masse dandone così i rudimenti della musica che inizialmente era una Scienza intimamente legata alla matematica e studiata solamente nelle Scuole di Antica Saggezza. In tempi moderni il mistico Gurdjieff, che tra le molte cose era anche un musicista, ha fatto di questa Legge uno dei passi fondamentali dei suoi insegnamenti. Le misurazioni con l'elettroencefalogramma mostrano che le onde cerebrali si abbassano ogni 30 secondi alle frequenze alfa degli 8 hertz per il buon funzionamento del nostro cervello. In ambito prettamente scientifico l'importanza pratica dell'8 e dei suoi multipli è stata riscoperta inizialmente dal dottor Puharich pioniere nelle ricerche sull'elettrobiologia. Fu il primo a comprendere come la frequenza a 8 hertz fosse fondamentale per la replicazione cellulare e per la guarigione. Sembra che compì degli strabilianti esperimenti con l'elettrolisi e i multipli degli 8 hertz e stando alle sue ricerche creò addirittura degli aminoacidi e delle proteine con tale metodo. Puharich scoprì anche l'intima relazione tra questo numero e l'atomo d'idrogeno al punto da creare una tecnologia che impiega la matematica dell'8 e le armoniche per far risuonare le molecole d'acqua e così liberare i legami tra l'idrogeno e l'ossigeno, creando un ecologico combustibile ad acqua e brevettando uno tra i primi congegni definiti per antonomasia come free energy. Sempre Puharich insieme al dott. Taylor scoprirono che a questa frequenza il cervello umano mostrava capacità extrasensoriali. Da lì l'interesse della CIA per le sue ricerche e l'oscurantismo che questa agenzia fece nei confronti del brillante scienziato che ai giorni nostri è praticamente sconosciuto. Mi piace vedere come l'8 non solo lo si può cogliere con l'occhio della mente nei legami atomici dell'idrogeno presente nell'acqua che accarezza la riva del mare o nell'aria che respiriamo ma tale numero è presente con una piccola “scordatura” anche nella fondamentale della frequenza di cavità di Schumann che vibra a 7,8 cicli per secondo. Anche qui nuovamente il 7 e l'8 compaiono assieme nella Natura e si può notare come tale frequenza della Terra sia vicinissima agli 8 cicli per secondo. Un'altra curiosità è che il numero 8 e alcuni suoi multipli sono stati impiegati nelle funzioni modulari del genio matematico indiano Ramanujan. L'oramai celeberrima Teoria delle superstringhe — che prevede il nostro universo basato su 11 o 26 dimensioni — si avvale delle funzioni modulari con i “numeri magici”, ossia: 8, 888 e 24, tutti multipli dell'8. In questa teoria scientifica l'8 rappresenta il numero delle vibrazioni fisiche di una superstringa mentre il 24 corrisponde al numero delle vibrazioni fisiche di una stringa bosonica. Riguardo questo numero ce ne sarebbe ancora molto da dire ma rimando il lettore interessato al mio libro pubblicato dalla Nexus Edizioni.
——
Robert Moon, professore di Fisica all’Università di Chicago, ha sviluppato un modello dell’intera Tavola periodica degli elementi mostrando i solidi Platonici con schemi di neutroni e protoni nel nucleo di ciascun elemento.( su internet ricerca del giugno 2007 : Dal testo Geometria sacra e scienza Moderna di Robert J. Gilbert 2005)
http://hairesis.blog.tiscali.it/2007/07/27/il_palla_dio_1783843-shtml/

Ancient Knowledge and
Modern Science
By Robert J. Gilbert
http://www.sacred-geometry.com/ancientknowledge.html

http://www.21stcenturysciencetech.com/Articles%202005/moon_F04.pdf
Vita e Lavoro di R.Moon

http://www.21stcenturysciencetech.com/Articles%202005/MoonModel_F04.pdf
Modello di Moon

http://www.21stcenturysciencetech.com/Articles%202004/Spring2004/Periodicity.pdf

Dr.R.J.Moon “Devo concludere che dev'esserci una struttura nello spazio e che lo spazio deve essere quantizzato”
———-
http://it.wikipedia.org/wiki/Tavola_periodica_degli_elementi
A questa intuizione fece seguito l'inglese John Newlands, che sottolineò (nel 1865) come gli elementi di tipo simile fossero ricorrenti ad intervalli regolari di 8 posizioni, che lui assimilò alle ottave musicali, anche se questa sua cosiddetta legge delle ottave venne messa in ridicolo dai suoi contemporanei.[2]
http://it.wikipedia.org/wiki/Tavola_periodica_degli_elementi
——
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5366
Haramein:
Altro interessante risultato da questo miglioramento è che abbiamo scoperto una relazione topologica (geometrica) tra il complesso di spaziotempo a doppio toroide della nostra soluzione e la struttura delle particelle subatomiche descritta da un gruppo di modelli teorici, usati tipicamente per descrivere le interazioni delle particelle subatomiche.

La relazione riguarda una specifica struttura geometrica chiamata cubottaedro o in altri casi un equilibrio vettoriale, che può essere composto da otto (8) tetraedri che si uniscono ai vertici, generando dodici (12) vettori radianti e ventiquattro (24) vettori ad angolo. Questa relazione tra modelli teorici ci permette di unificare le forze di scala atomica agli oggetti di scala cosmologica (macro) e quindi generare una Teoria di Campo Unificato.
Inoltre i dodici vettori cubottaedrici radianti che generano un campo a doppio toroide sono i vettori di base di una struttura frattale 3D che ho scoperto molti anni fa e ho concluso essere la geometria fondamentale della creazione in tutte le scale (per vedere questo modello frattale unico nella sua iterazione di 64 tetraedri, andate su ). Potete immaginare la stessa bolla a doppio toroide e il cubottaedro in tutte le scale, guidata dalle forze di torsione dello spaziotempo con l'aumentare della densità verso la scala microscopica dell'atomo e lungo la via, facendo ruotare tutto nell'esistenza.

———-
Wilcock:
La maggior parte degli elementi sulla Tavola Periodica degli Elementi di Mendeleyev sono “ingessati” in questa maniera, e quindi instabili. In questa situazione, che si verifica in modo del tutto naturale, gli elementi non radioattivi sono organizzati da sinistra a destra della tavola in gruppi di otto. Essi si muovono da una posizione di instabilità e di mancanza di simmetria a sinistra verso una posizione di estrema simmetria cristallina e di bilancio geometrico a destra. Nel modello di Johnson, è solo quando ci muoviamo verso l’Ottava posizione di fase della contro-rotazione che le geometrie riguadagnano nuovamente il loro bilanciamento perfetto.

Questo può essere visualizzato con l’idea di sedersi su uno sgabello stretto. Ovviamente, la posizione più confortevole è quando il nostro corpo è centrato nel mezzo. Ora immaginate semplicemente di sedervi sullo sgabello in otto diverse posizioni, cominciando con solo una piccola parte delle vostre gambe a contatto con lo sgabello. Ogni posizione sarà scomoda, e non sarete veramente in equilibrio fino a quando non vi siederete perfettamente al centro dello sgabello. Allo stesso modo gli atomi e le molecole che non si trovano in questo stato di equilibrio vengono considerati “instabili”e si legheranno facilmente con altri atomi e molecole instabili che posseggono l’energia mancante, al fine di creare equilibrio.

LA “EIGHTFOLD WAY” DI GELL-MANN

L’enigma successivo ci viene quando studiamo le “particelle” subatomiche chiamate “quark”. Quando una struttura atomica viene improvvisamente frantumata, emersero brevi piste che volarono via dal normale schema di “particella” a spirale in una camera a bolla, e furono nominati “quark”. Questi “quark dovrebbero scomparire molto rapidamente dopo essere stati rilasciati la prima volta. La geometria dei loro movimenti fu analizzata attentamente, dal momento che l’unica cosa che si può realmente rilevare in un’analisi a traccia di vapore sono differenti forme geometriche di movimento. Furono scoperti molte defferenti forme di “quark”, ognuna con proprietà geometriche differenti, ingannevolmente chiamate come “color”, “charm” [“fascino”] e “strangeness” [“stranezza”]. Murray Gell-Mann fu il primo a scoprire un modello unificato che mostrasse come tutte queste proprietà geometriche differenti fossero correlate, e lo chiamò “Eightfold Way” [letteralmente “sistema a otto pieghe”, N.d.T.] . La struttura geometrica unificata che vediamo è, sorprendentemente, un tetraedro http://www.stazioneceleste.it/immagini/wilcock_immag/wilcock_TDC_4_009.gif

Cosa stiamo vedendo, esattamente, qui? Ogni punto è ovviamente un “quark” differente. Johnson ci dice che i “quark” vengono rilasciati quando il flusso di energia eterica del tetraedro all’interno dell’atomo viene improvvisamente frantumato. Per un breve istante, i frammenti di energia frantumata che vengono rilasciati continueranno a fluire con le stesse proprietà geometriche/rotatorie che avevano quando erano fuse nell’atomo, ma in seguito si dissolveranno molto velocemente nell’etere. Non si vedono necessariamente tutti i diversi tipi di “quark” quando si frantuma un atomo, dal momento che l’angolo col quale l’atomo viene frantumato determina quanta parte della sua Unità geometrica interna verrà rilasciata. Ecco perché i quark devono essere diligentemente studiati in modo separato.In modo ancor più interessante, nel modello di Gell-Mann esistono anche altre frequenze geometriche “ripiegate” come il cubottaedro; questo tetraedro è solo una delle tre differenti gerarchie che egli ha scoperto.
http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_04.htm