Rispondi a: Free energy

Home Forum MISTERI Free energy Rispondi a: Free energy

#4754
Richard
Richard
Amministratore del forum

fusione fredda:

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7936
Struttura del Campo Unificato, Il VE e la Matrice di Vettori Isotropica

L'aspetto più fondamentale del VE da capire, è che, essendo una geometria dell'equilibrio assoluto in cui tutta la fluttuazione (e quindi il differenziale) cessa, è concettualmente la geometria di quello che chiamiamo campo di punto-zero o Campo Unificato, detto anche “vuoto” dello spazio. Perchè qualsiasi cosa si manifesti nell'universo, sia fisicamente (energia) che metafisicamente (coscienza), è necessaria una fluttuazione nel Campo Unificato, grazie alla quale si manifestano i campi Quantistici e dello Spaziotempo, osservabili e misurabili. Prima di questa fluttuazione, il Campo Unificato esiste come puro potenziale e secondo la contemporanea teoria in fisica, esso contiene un'infinita quantità di energia (e in cosmometria, cos' come nelle filosofie spirituali, un infinito potenziale creativo della coscienza). Essendo una geometria con vettori identici e identici angoli di 60°, è possibile estenderne la disposizione in equilibrio all'infinito verso l'esterno dal punto centrale del VE, producendo la cosiddetta Matrice di Vettori Isotropica (IVM). Isotropica significa “sempre la stessa”, Vettore significa “linea di energia” e Matrice significa “schema di linee d'energia”. E' questa matrice di vettori isotropica che può essere vista come geometria infinitamente presente in tutte le scale e in perfetto equilibrio del Campo Unificato di punto zero. Ogni punto in questa matrice è un potenziale punto centrale di un VE, attorno al quale può nascere una condizione di fluttuazione dinamica e manifestarsi. Come già affermato e come visibile in questa immagine, la geometria del VE è inerente nella matrice (le linee verdi formano il VE)

Anche la IVM consiste in una semplice disposizione di tetraedri e ottaedri alternati, come vediamo di seguito:
(Matrice di Vettori Isotropica)

In effetti, lo stesso VE può essere visto come disposizione simmetrica di otto tetraedri con basi che rappresentano le facce triangolari del VE e tutti puntati verso il centro del VE. (Le facce quadrate sono le basi di mezzo ottaedro, come la forma delle piramidi in Egitto)

Data questa primaria presenza dei tetraedri nel VE e nella IVM, il ricercatore Nassim Haramein ha cercato di determinare la loro simmetria più bilanciata, che tenga conto della polarità positiva e negativa della struttura IVM (tetraedri che “puntano su” o “puntano giù”). Nassim ha identificato una disposizione di tetraedri nell'IVM che, ad una scala di complessità superiore di un livello della geometria VE primaria, definisce il raggruppamento più bilanciato delle strutture energetiche (tetraedri), dove le polarità positive e negative sono uguali e senza “vuoti” nella simmetria. Questo raggruppamento consiste in 32 tetraedri positivi e 32 negativi per un totale di 64 e appare così (notate la sottostante simmetria del VE):

————-
Lo Stato dell'Arte della Fusione Fredda
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.8294

“In altre parole, i fenomeni di fusione nucleare fredda in materia condensata o stato solido avvengono in sistemi compositi con arrangiamento regolare di nuclei ospitanti (C, Ti, Ni, Pd, ecc.) degli isotopi di idrogeno (H,D). Uno dei filoni più interessanti di nanostrutture è quello concepito dal Dr. Akito Takahashi come base seme per la fusione di un “cluster” di deutoni in modo da produrre calore con polvere di elio-4. Le strutture impiegate da Takahashi provengono dalla formazione di AD/TSC (tetrahedral symmetric condensate) attorno al sito-T di un reticolo regolare di PdD (palladio deuterato) sottoposto ad eccitazione fotonica oppure su superfici topologicamente frattali di nano strutture di PdDx e/o lungo le interfacce di un composto nanometrico di metallo-ossido-metallo. Il modo dinamico del condensato TSC è stato studiato quantitativamente applicando la equazione differenziale stocastica quanto-meccanica di Langevin ad un sistema costituito da un “cluster” a molti corpi di deutoni e elettroni con simmetria platonica.”

Fusione fredda secondo la teoria TSC di Akito Takahashi, Osaka University, Japan
http://vixra.org/pdf/1209.0091v1.pdf

http://www.lenr-canr.org/acrobat/TakahashiAtetrahedra.pdf
TETRAHEDRALAND OCTAHEDRAL RESONANCE FUSION
UNDER TRANSIENT CONDENSATION OF DEUTERONS
AT LATTICE FOCAL POINTS

“Specialmente la frequenza di fusione 4d potrebbe divenire molto grande tipo 100 W/cc per raggiungere le condizioni delle affermazioni sperimentali su una consistente quantita di produzione di He4 in correlazione con calore in eccesso senza neutroni,
se la condensazione tetraedrica equilaterale in breve tempo (meno di 1 nanosec.) di 4 deuteroni si forma nei punti focali: la chiamiamo fusione di risonanza tetraedrica TRF.”

:ummmmm: